Louvre furioso con Marine Le Pen: gira video per la sua candidatura senza autorizzazioni


Il Louvre è furioso con Marine Le Pen: la candidata dell'estrema destra alle presidenziali francesi ha infatti girato al museo il video per lanciare la sua campagna, ma in barba alle regole, senza autorizzazioni. Il Louvre ha chiesto il ritiro: in caso contrario valuterà azioni legali.

Il Louvre non ha affatto gradito il video, pomposamente intitolato “Dichiarazione del Louvre”, che Marine Le Pen ha girato davanti alla Piramide del museo di Parigi per lanciare la sua campagna per le presidenziali francesi del 2022. Il problema infatti è che la candidata del partito di estrema destra Rassemblement National, per girare il video (dove dice di voler “lanciare un messaggio di mobilizzazione e di speranza” e dove non risparmia strali anche duri contro l’attuale presidente Emmanuel Macron), non avrebbe richiesto le dovute autorizzazioni.

“Nessun permesso è stato concesso”, ha dichiarato il museo al quotidiano Le Parisien. “Il Museo del Louvre, in quanto concessionario esclusivo di tutti i diritti di proprietà relativi alla Piramide progettata dall’architetto Pei, ricorda che qualsiasi utilizzo dell’immagine della Piramide deve essere soggetto ad autorizzazione preventiva”. Il museo ha anche fatto sapere di aver adeguatamente informato Marine Le Pen e la sua équipe nel momento in cui si sono presentati al museo per svolgere le riprese, l’11 gennaio. Secondo il quotidiano parigino, ci sono stati diversi scambi di comunicazioni tra la direzione e Marine Le Pen per chiederle di non diffondere il video, ma tutto ciò è avvenuto invano.

“Si lamentano per la forma. Non vogliono rotture di coglioni [sic, emmerdements nell’originale] con il potere”, avrebbe risposto a Le Parisien il team di Marine Le Pen, in un virgolettato riportato dal quotidiano. Non sarebbe però questo il problema principale: il Louvre infatti fa sapere che il museo “appartiene a tutti i francesi. Non possiamo essere l’identità di un partito, di una rivendiazione. Ciò nonostante, nella sua clip, Marine Le Pen rivendica per lei l’immagine del Louvre”. Il Louvre ha già richiesto a Marine Le Pen il ritiro del video, che però è ancora al suo posto, sui canali social della candidata di Rassemblement National. In caso contrario, il museo potrebbe decidere di muovere un’azione legale nei suoi confronti. Per Marine Le Pen comunque il risultato è già stato ottenuto: il video ha totalizzato decine di migliaia di visualizzazioni: oltre centotrentamila su Facebook, più di centomila su Twitter, oltre trentamila su Instagram. Anche se dovesse ritirarlo, sono già moltissime le persone che lo hanno visto. Rimarrà agli atti il fatto che lo abbia diffuso in barba alle regole, ma interesserà agli elettori francesi?

Louvre furioso con Marine Le Pen: gira video per la sua candidatura senza autorizzazioni
Louvre furioso con Marine Le Pen: gira video per la sua candidatura senza autorizzazioni


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Legge di bilancio 2022, ecco tutte le misure per la cultura
Legge di bilancio 2022, ecco tutte le misure per la cultura
Firmato a Torino l'accordo tra le Città Creative UNESCO dell'Italia
Firmato a Torino l'accordo tra le Città Creative UNESCO dell'Italia
“L'arte non è un accessorio, la cultura è il nostro cemento”: David Sassoli e la cultura
“L'arte non è un accessorio, la cultura è il nostro cemento”: David Sassoli e la cultura
Basta con logica dei sussidi, serve task force per la cultura. La proposta di Massimiliano Zane
Basta con logica dei sussidi, serve task force per la cultura. La proposta di Massimiliano Zane
Ecco tutti i progetti per la cultura proposti per il Recovery Fund
Ecco tutti i progetti per la cultura proposti per il Recovery Fund
Pizzarotti (sindaco di Parma): “chiudere tutta la cultura è stato veramente sbagliato”
Pizzarotti (sindaco di Parma): “chiudere tutta la cultura è stato veramente sbagliato”