Ancora nomine per il MiBACT. Salvatore Nastasi diventa segretario generale, Lorenzo Casini è capo di gabinetto


Nuove nomine per il MiBACT: Salvatore Nastasi è segretario generale, Lorenzo Casini è capo di gabinetto.

Negli ultimi giorni ci sono state nomine importanti per il Ministero dei Beni Culturali targato Dario Franceschini. In particolare, il professor Lorenzo Casini è stato nominato Capo di Gabinetto, mentre il ruolo di Segretario Generale è stato conferito a Salvatore Nastasi.

Lorenzo Casini, nato a Roma nel 1976, è dal 2015 ordinario di diritto amministrativo alla Scuola IMT Alti Studi di Lucca, dove insegna “Global Law” e “Cultural Heritage and Law”. È uno dei massimi esperti internazionali in materia di diritto dei beni culturali. Inoltre, dal 2018 è anche co-presidente della International Society of Public Law. Per Casini non si tratta della prima volta al ministero: è già stato consigliere di Dario Franceschini tra il 2014 e il 2018 (a Casini si deve buona parte della riforma del MiBACT del 2014). Negli ultimi tempi era stato molto critico nei confronti della riforma Bonisoli.

Anche Salvatore Nastasi, nato a Bari nel 1973, avvocato esperto di legislazione dei beni culturali (materia che ha anche insegnato all’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara), non è una nuova conoscenza del ministero. In passato, oltre a essere stato vice capo dell’Ufficio legislativo del Ministero dei Beni Culturali, tra il 2002 e il 2004, e dopo essere stato direttore generale per lo Spettacolo (ruolo nel quale ha coordinato il gruppo di lavoro tecnico per l’elaborazione di una proposta di riforma del Fondo Unico per lo Spettacolo), ha ricoperto la posizione che è adesso di Casini: è stato infatti Capo di Gabinetto con i ministri Sandro Bondi, Giancarlo Galan e Lorenzo Ornaghi (quindi tra il 2008 e il 2012). Ha poi svolto altri incarichi istituzionali: è stato vicesegretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri tra il 2014 e il 2016 sotto il governo Renzi ed è stato Commissario di governo per la bonifica e la riqualificazione di Bagnoli a Napoli. Tra il 2017 e il 2019 ha svolto l’incarico di coordinatore per la Presidenza del Consiglio per l’organizzazione di Matera Capitale della Cultura 2019. È inoltre presidente dell’Accademia Nazionale d’Arte drammatica “Silvio D’Amico” di Roma ed è vicepresidente della Siae.

Nella foto: a sinistra Salvatore Nastasi, a destra Lorenzo Casini.

Ancora nomine per il MiBACT. Salvatore Nastasi diventa segretario generale, Lorenzo Casini è capo di gabinetto
Ancora nomine per il MiBACT. Salvatore Nastasi diventa segretario generale, Lorenzo Casini è capo di gabinetto


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Sgarbi: “se possiamo andare al supermercato possiamo andare anche al museo. Franceschini sia più presente”
Sgarbi: “se possiamo andare al supermercato possiamo andare anche al museo. Franceschini sia più presente”
3 miliardi per turismo e cultura. Ecco tutte le misure contenute nel decreto agosto
3 miliardi per turismo e cultura. Ecco tutte le misure contenute nel decreto agosto
Franceschini rilancia la proposta di un biglietto per visitare il Pantheon
Franceschini rilancia la proposta di un biglietto per visitare il Pantheon
Sgarbi durissimo: Uffizi sfregiati, la green economy vuol dire trionfo della mafia e i musei italiani devono avere direttori italiani
Sgarbi durissimo: Uffizi sfregiati, la green economy vuol dire trionfo della mafia e i musei italiani devono avere direttori italiani
Bonisoli ripete: “aumenteremo le gratuità”. Ma ancora non ci sono progetti
Bonisoli ripete: “aumenteremo le gratuità”. Ma ancora non ci sono progetti
La finanziaria 2020 è definitivamente approvata: ecco cosa prevede per la cultura la legge di bilancio
La finanziaria 2020 è definitivamente approvata: ecco cosa prevede per la cultura la legge di bilancio