Sei grandi musei italiani in cerca di direttori. Online il bando, saranno valutati da Commissione e scelti dal ministro


Il MiBAC è alla ricerca dei direttori di sei grandi musei. Online il bando internazionale, saranno valutati da una Commissione e scelti dal ministro Bonisoli.

Sei grandi musei italiani, ovvero la Reggia di Caserta, le Gallerie dell’Accademia di Venezia, il Parco Archeologico di Pompei, Palazzo Reale a Genova, il Parco Archeologico dei Campi Flegrei e il Parco Archeologico dell’Appia Antica, sono ufficialmente alla ricerca dei nuovi direttori. Gli attuali direttori infatti hanno il mandato in scadenza oppure andranno a dirigere altri musei, e il Ministero dei Beni Culturali deve dunque trovare in tempi rapidi figure di spessore che possano prenderne le redini. Così, sul sito del MiBAC sono già stati pubblicati i due bandi internazionali, il primo per i primi tre musei, diretti da un direttore che avrà un incarico di livello dirigenziale generale, e gli altri che, al contrario, sono diretti da un direttore dotato d’incarico di livello dirigenziale non generale. Per entrambi, l’incarico avrà durata triennale: i primi percepiranno uno stipendio lordo di 145.058,57 euro all’anno, i secondi di 78.791,38 euro, oltre alle eventuali retribuzioni di risultato che dipenderanno dalle valutazioni annuali dei direttori e dall’ammontare dei fondi disponibili.

Ai candidati sono richieste laurea specialistica, altri titoli di studio relativi alla tutela, alla gestione e alla valorizzazione del patrimonio culturale, pubblicazioni e riconoscimenti scientifici, specifica esperienza professionale (sia nella tutela, nella gestione e nella valorizzazione, sia nella direzione o gestione di musei), competenze sulle raccolte del museo per il quale s’è presentata la domanda, esperienza in fatto di comunicazione, fund raising, gestione di consigli d’amministrazione o comitati scientifici, predisposizione e attuazione di accordi con soggetti pubblici e privati.

L’iter della selezione avrà come prima tappa la valutazione dei curricula dei candidati da parte di una Commissione che sceglierà fino a un massimo di dieci candidati per ciascun istituto. I candidati saranno quindi convocati per un colloquio alla sede del MiBAC, e alla fine dei colloqui la Commissione individuerà una terna di candidati per ogni istituto da sottoporre al ministro. Infine, il ministro individuerà i singoli direttori sulla base dell’analisi condotta dalla Commissione e sulla base del giudizio finale espresso dalla Commissione stessa, tenendo comunque conto di eventuali preferenze indicate dai partecipanti nella lettera di motivazione allegata alla candidatura. L’incarico sarà quindi conferito con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministero dei Beni Culturali.

Nella foto: Genova, Palazzo Reale (ph. Credit Finestre sull'Arte)

Sei grandi musei italiani in cerca di direttori. Online il bando, saranno valutati da Commissione e scelti dal ministro
Sei grandi musei italiani in cerca di direttori. Online il bando, saranno valutati da Commissione e scelti dal ministro


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER