Venezia, Toninelli vuole garantire insieme tutela e polo crocieristico. La rete lo critica e lo deride


Toninelli annuncia di voler risolvere il problema delle Grandi Navi a Venezia garantendo tutela e polo crocieristico. Ma la rete lo critica e lo deride.

Il ministro dei trasporti, Danilo Toninelli, è intervenuto sul tema della salvaguardia di Venezia con un post sulla sua pagina Facebook dichiarando di voler conciliare la tutela della città e le attività crocieristiche. “Al lavoro oggi al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con i colleghi Alberto Bonisoli e Sergio Costa”, ha scritto Toninelli, “per risolvere il dossier Grandi navi a Venezia, in sinergia con il territorio e le autorità locali. Garantiremo piena tutela ambientale, culturale e paesaggistica alla laguna, mantenendo Venezia quale primario polo crocieristico italiano”.

Tuttavia, buona parte della rete non ha reagito bene alla dichiarazione del ministro. Nello stesso post, sono pochi i commenti favorevoli, mentre i più ricordano la delicatezza degli equilibri veneziani.

Tra le reazioni più dure, si registra quella della sezione veneziana di Italia Nostra ha pubblicato una nota in cui ha ricordato “che la prima legge speciale dichiara la salvaguardia di Venezia e la sua Lguna ‘problema di preminente interesse nazionale’. Non la crocieristica e nemmeno la sicurezza idraulica del Padovano”. E ha aggiunto: “il Movimento 5 Stelle si pone in totale, prona continuità con i governi precedenti, nonostante l’impegno formalmente preso dai candidati poi eletti” dai veneziani. Altre critiche sono arrivate dal movimento Mi riconosci? Sono un professionista dei beni culturali, che ritiene incompatibili le ragioni della tutela con quelle delle crociere: “è impossibile”, hanno scritto gli attivisti. “Mantenere Venezia come ‘primario polo crocieristico’ è incompatibile con la tutela dei residenti, della città e della laguna. Venezia non ha bisogno di turismo giornaliero. Dunque ci dica cosa vuole fare. Non c’è tempo per le chiacchiere o la propaganda”. Ma c’è anche chi, sulla rete, deride il ministro Toninelli: è il caso del seguito blog satirico Arte a modino, che ha commentato: “un po’ come se Cicciolina, quando annunciò la sua volontà di entrare nel mondo del cinema hard, avesse affermato di voler rimanere vergine”.

Nella foto: Toninelli con Costa e Bonisoli nella foto inserita nel post pubblicato dal ministro.

Venezia, Toninelli vuole garantire insieme tutela e polo crocieristico. La rete lo critica e lo deride
Venezia, Toninelli vuole garantire insieme tutela e polo crocieristico. La rete lo critica e lo deride


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Bonisoli annuncia novità per i musei. La domenica gratis resta da ottobre a marzo, ingressi a 2 euro per i giovani
Bonisoli annuncia novità per i musei. La domenica gratis resta da ottobre a marzo, ingressi a 2 euro per i giovani
Direttori dei musei: il Consiglio di Stato respinge la sospensiva e si esprimerà il 15 giugno
Direttori dei musei: il Consiglio di Stato respinge la sospensiva e si esprimerà il 15 giugno
Il ministro Bonisoli a Pisa: “in piazza dei Miracoli non voglio vedere bancarelle. Valorizzeremo San Matteo e navi antiche”
Il ministro Bonisoli a Pisa: “in piazza dei Miracoli non voglio vedere bancarelle. Valorizzeremo San Matteo e navi antiche”
È ufficiale: Alberto Bonisoli è il nuovo ministro dei beni culturali. Partito finalmente il governo Conte
È ufficiale: Alberto Bonisoli è il nuovo ministro dei beni culturali. Partito finalmente il governo Conte
Nel discorso con cui Giuseppe Conte apre la crisi di governo c'è spazio anche per il patrimonio culturale
Nel discorso con cui Giuseppe Conte apre la crisi di governo c'è spazio anche per il patrimonio culturale
Bonisoli risponde a tutte le accuse con una lettera: “non una riforma né una controriforma, ma modifiche necessarie”
Bonisoli risponde a tutte le accuse con una lettera: “non una riforma né una controriforma, ma modifiche necessarie”