Sicilia, nascerà treno turistico e culturale tra Noto e Pachino


La tratta ferroviaria Noto-Pachino, in disuso da 35 anni, sarà riattivata e diventerà un itinerario turistico e culturale per scoprire la val di Noto, Marzamemi, Pachino e altre splendide località di quest’area della Sicilia.

In Sicilia la vecchia tratta ferroviaria che collega Noto a Pachino, costruita tra la fine dell’Ottocento e l’inizio degli anni Trenta e chiusa definitivamente nel 1986, riaprirà diventando un itinerario turistico e culturale con cui visitare la Valle di Noto e luoghi splendidi come Marzamemi, San Lorenzo Lo Vecchio, Vendicari, oltre ovviamente alle due città capolinea.

Il recupero della tratta di circa 27 chilometri, che verrà avviato assieme a quello di altre due linee (la Agrigento Bassa-Porto Emedocle e la Alcantara-Randazzo), sarà reso possibile grazie alle risorse per l’attuazione degli interventi del Piano di Investimenti Strategici su siti del patrimonio culturale, edifici e aree naturalistiche, nell’ambito del Piano Nazionale per gli investimenti complementari al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Tra i dodici interventi finanziati figura quello dei “Percorsi nella storia – Treni storici e itinerari culturali” che, a sua volta è articolato in più progetti, molti dei quali riguardano l’ambito delle ferrovie storiche con valenza turistica. Tra gli interventi beneficiari di finanziamento, per i quali è stata stanziata una somma complessiva di 62 milioni di euro vi è anche la linea Noto-Pachino.

Tratta a binario unico, che parte come diramazione dalla stazione di Noto deviando dalal linea Siracusa-Ragusa, era in passato utilizzata sia per il servizio viaggiatori che per il servizio merci e, come detto, chiuse al pubblico nel 1986 per essere definitivamente dismessa nel 2002. Tuttavia ancora oggi la linea è per gran parte armata, anche se le stazioni lungo il suo percorso (Falconara Iblea, Noto Marina, Noto Bagni, Roveto-Bimmisca, San Lorenzo Lo Vecchio, Marzamemi e Pachino), seppur ancora esistenti, si trovano tutte in stato di abbandono. La tratta vede anche importanti opere ingegneristiche, come il ponte a tre luci sul Fiume Tellaro, lungo 180 metri, e ancora il tratto che corre in trincea tra Roveto e Vendicari, la piattaforma girevole da 10 metri nella stazione di Pachino. Da pochi giorni hanno preso il via gli interventi di ripristino e bonifica delle aree necessarie per la riapertura della linea ferroviaria, di cui si sta occupando la Fondazione Ferrovie dello Stato. I tempi previsti per la riattivazione della linea sono di tre anni.

Grande soddisfazione da parte delle sezioni di Italia Nostra Val di Noto, Siracusa e Melilli, e del Consiglio Regionale di Italia Nostra Sicilia, che esultano per avere raggiunto un obiettivo importante: da anni infatti le associazioni si battono con raccolte di firme, manifestazioni, convegni e mostre, anche con l’interessamento della Facoltà di Architettura dell’Università di Catania e della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bergamo, per il ripristino della linea. Il recupero della storica infrastruttura contribuirà, secondo Italia Nostra, a migliorare le condizioni ambientali del comprensorio e ad avviare un processo economico e turistico eco-sostenibile e soprattutto partecipativo con le categorie produttive e imprenditoriali.

Ed è pertanto sulla base di tali prospettive che, collegialmente, Italia Nostra sollecita le Amministrazioni dei Comuni di Noto e di Pachino a volere istituire un “Osservatorio permanente sulla progettazione ed esecuzione dei lavori della tratta ferroviaria Noto-Pachino” per la durata delle operazioni di progettazione e di esecuzione delle opere, al fine di rendere partecipi i cittadini, gli operatori economici, compreso l’associazionismo che tanto si è adoperato per il suo recupero, per condividere gli obiettivi e consentire il monitoraggio delle azioni positive sul territorio, onde prevenire/segnalare eventuali criticità. Un ulteriore invito va rivolto alle Autorità regionali per accelerarne la partecipazione finanziaria, ritenuto indispensabile per definire gli importi complessivi della progettazione.

Sicilia, nascerà treno turistico e culturale tra Noto e Pachino
Sicilia, nascerà treno turistico e culturale tra Noto e Pachino


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Le guide turistiche finalmente possono tornare a lavorare a Castel del Monte
Le guide turistiche finalmente possono tornare a lavorare a Castel del Monte
Turismo italiano devastato da chiusure e risorse insufficienti, ma si può viaggiare all'estero
Turismo italiano devastato da chiusure e risorse insufficienti, ma si può viaggiare all'estero
Verso un Natale senza mercatini. Trento rinuncia, Bolzano pensa di seguire
Verso un Natale senza mercatini. Trento rinuncia, Bolzano pensa di seguire
Enit, sei donne top influencer per diffondere ai giovani la bellezza delle città italiane
Enit, sei donne top influencer per diffondere ai giovani la bellezza delle città italiane
Dal MiBACT mezzo miliardo di euro per i negozi di 29 città turistiche. Ecco quali sono
Dal MiBACT mezzo miliardo di euro per i negozi di 29 città turistiche. Ecco quali sono
Le Vie di Dante, unica meta italiana tra le Best in Travel 2021 di Lonely Planet
Le Vie di Dante, unica meta italiana tra le Best in Travel 2021 di Lonely Planet