Alla scoperta di Verona


Verona, una delle città più belle d'Italia, ci accoglie con l'Arena, il Museo di Castelvecchio, la Casa di Giulietta, Piazza delle Erbe.

Pronti Partenza…Via, torna con la sua serie di documentari a mostrarvi e descrivervi le più belle città d’arte italiane. Verona è sicuramente una delle più visitate e tra le più note al mondo, forse per il suo nome legato alla tragedia shakespeariana Giulietta & Romeo, o forse per i suoi numerosi monumenti del passato che la fanno apparire come la città più romana d’Italia dopo Roma.

Sicuramente i romani individuarono la pianura allo sbocco della Valle dell’Adige come un punto strategico di notevole importanza in cui edificare una città che sarebbe stata focale per il controllo dei transiti verso l’Europa. Così nacque la città, in felice posizione geografica, dotata di ogni comfort e di spazi per la vita quotidiana di cui oggi ne rimangono evidenti almeno due: il teatro e l’anfiteatro. L’immagine di Verona è indissolubilmente legata alla sua Arena che, ancora oggi, continua a svolgere la sua funzione di contenitore di spettacoli. È cambiato solo il genere, dai combattimenti tra gladiatori e animali a più raffinate e non meno grandiose rappresentazioni musicali, tra cui l’importante stagione operistica. Anche il teatro continua ad essere luogo di spettacoli estivi, recentemente ristrutturato insieme al complesso del Museo Archeologico di cui costituisce polo unico con una superba visita sulla città e sul fiume Adige.

Interno dell'Arena di Verona
Interno dell’Arena di Verona


L'ala dell'Arena di Verona
L’ala dell’Arena di Verona

Se l’Arena è il simbolo della Verona romana, nel Medioevo la città si legò ad un altro emblema, quello della famiglia degli Scaligeri che seppero ridare lustro e prestigio alla città dopo un periodo di decadenza durante le invasioni barbare. Con il mecenatismo di Cangrande della Scala, Verona iniziò ad abbellirsi di notevoli monumenti e opere d’Arte: di quel periodo oggi la città conserva piazze e palazzi edificati dalle nobili famiglie residenti. Tra queste famiglie vi erano i “Del Cappello” o Capuleti, la cui giovane figlia Giulietta si innamorò perdutamente di Romeo, rampollo della rivale famiglia Montecchi. La novella del vicentino Luigi da Porto narra questa vicenda che si conclude con la morte dei due innamorati; William Shakespeare prendendo spunto dal racconto scrisse il suo celebre dramma, che ancora oggi è possibile rivivere visitando questi luoghi: la casa di Giulietta con il balcone, la casa di Romeo e la tomba di Giulietta.

La casa di Giulietta
La casa di Giulietta


La tomba di Giulietta
La tomba di Giulietta

Fabrizio alle Arche Scaligere
Fabrizio alle Arche Scaligere
Il tour della città prosegue attraverso le sue due piazze principali, come in ogni città veneta, Piazza delle Erbe (nel luogo del foro romano, la piazza storicamente utilizzata per il mercato), Piazza dei Signori (su cui affacciavano i luoghi del potere) con il Palazzo del Governo, il Palazzo del Capitano, la Loggia del Consiglio e il Palazzo della Ragione sovrastata dall’alta torre dei Lamberti, da cui si può ammirare a 360° la città dall’alto. Poco distanti, le arche scaligere, le maestose tombe degli Scaligeri.

Non sono da tralasciare le chiese cittadine ad iniziare dalla Basilica romanica di San Zeno Maggiore, con la sua facciata scolpita nella pietra, la celebre pala di Andrea Mantegna, il suo chiostro e la cripta in cui sono custodite le spoglie del Vescovo Zeno. La gotica Sant’Anastasia conserva numerosi affreschi parietali e due particolarissime acquasantiere chiamate “gobbi”, infine il Duomo sorge nel luogo di una precedente basilica di cui rimangono i resti unitamente alle testimonianze di altre due chiese, visitabili accedendo dalla parte absidale della cattedrale. Ne consiglio la visita.

Dal punto di vista museale sono molti gli allestimenti cittadini, oltre al già citato Museo Archeologico, vi è l’interessante Museo Maffeiano (in Piazza Bra) che raccoglie iscrizioni ed epigrafi e il Museo degli Affreschi alla tomba di Giulietta con una serie di affreschi “staccati” dalle facciate dei palazzi cittadini e da alcune chiese.

Il museo più importante del Veneto può essere considerato Castelvecchio, allestito dall’architetto Carlo Scarpa nel castello scaligero sulle rive dell’Adige. All’interno del castello un percorso museale abbraccia diversi secoli di storia, percorribili attraverso una sezione scultorea, numismatica e infine pittorica. La ricca pinacoteca espone opere dei più importanti artisti veneti e non solo, alcuni nomi: Altichieri, Bellini, Caroto, Carpaccio, Falconetto, Mantegna, Morone, Pisanello, Tintoretto, Turone, Veronese, Vivarini.

Piazza delle Erbe dall'alto
Piazza delle Erbe dall’alto


La Torre dei Lamberti
La Torre dei Lamberti


Il chiostro dei canonici
Il chiostro dei canonici

La ricchezza culturale offerta da Verona insieme ai prestigiosi monumenti ha fatto guadagnare alla città il riconoscimento Unesco, inserendola nella lista del patrimonio dell’Umanità. Sono molte le città italiane che si fregiano di questo riconoscimento facendo dell’Italia la Nazione con il maggior numero di siti Unesco del Mondo. Ne possiamo andare orgogliosi.

Per chi desiderasse dare un ultimo sguardo prima di lasciare Verona, invito a salire sul colle di Castel San Pietro dove poter soffermarsi ad osservare la “città degli innamorati” al tramonto, magari in piacevole compagnia. Buon viaggio, alla prossima!

Qualche domanda per testare la vostra preparazione su Verona.

Domanda 1: Di cosa si occupa la magistratura Conservatores Arenae?
Domanda 2: Come mai vi è una statua di Dante in Piazza dei Signori?
Domanda 3: Cosa sono il Rengo e la Marangona?



L'autore di questo articolo: Fabrizio Vaghi

Fabrizio, ingegnere di professione, viaggiatore per passione. Classe 1983, appassionato di videomaking, regista e attore teatrale, blogger per caso, con l'hobby del fai da te, divulgatore di cultura tramite le sue creazioni "Vaghi per il mondo" (sito web di viaggi e associazione culturale) e "Pronti Partenza...Via" (rubrica turistica dedicata all'Italia, all'arte, alla storia e agli approfondimenti), on-line su youtube.


Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


Alla scoperta di Mantova
Alla scoperta di Mantova
Alla scoperta di Padova
Alla scoperta di Padova
Alla scoperta di Vicenza
Alla scoperta di Vicenza


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



Nessun commento dal sito per questo articolo.

Commenti dal post ufficiale su Facebook

1.Stefania de Benetti in data 20/09/2016 20:35:32

Cara città natale! :-)



2.BORGIA tra mito e realtà in data 20/09/2016 21:19:46

(Y)



3.Marco Faccio in data 21/09/2016 08:46:52

Anche la mia città natale!



4.Vincenzo Meola in data 21/09/2016 09:14:31

Verona sto arrivando insieme a Zucchero!!



5.Lella De Maria in data 21/09/2016 11:06:27

Bravissimi !!! Mi avete dato la possibilità di rivivere le emozioni che ho provato quando ho visitato, qualche anno fa, quella splendida città !



6. Pronti Partenza Via, alla scoperta delle più belle città d'arte in Italia in data 21/09/2016 11:31:35

Grazie !!!



7.Vanni Bigi in data 21/09/2016 12:13:22

Dopo aver lavorato 2 anni al restauro della Gran Guardia, 2 anni alla Biblioteca Civica e altri 2 alla caserma di Santa Marta oggi polo Universitario mi sono affezionato a Verona. bel video.



8.Evelina Iacattuni in data 22/09/2016 15:15:36

Verona é come una gentile Dama....bella ed elegante..*



9.Lina Lacchini in data 23/09/2016 05:05:22

Grazie,video molto bello e interessante!





Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Seicento     Rinascimento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Firenze     Novecento     Quattrocento     Genova     Roma     Riforme    

Strumenti utili