Il cristogramma di via Santa Maria a Carrara: la memoria bucata


A Carrara c'è un cristogramma in via Santa Maria, bucato per far passare un cavo: ecco come trattiamo la nostra memoria storica

Il cristogramma bucato di via Santa Maria a Carrara

A una prima vista suscita ilarità, perché un antico cristogramma che è stato bucato per far passare un cavo non può non strappare un sorriso pensando all’artefice del capolavoro (e per capolavoro, ovviamente, si intende il foro), ma ben presto l’ilarità lascia spazio all’indignazione intanto perché un’opera antica è stata deturpata, e poi perché niente ci vieta di pensare che, come questa, altre testimonianze del nostro passato avranno subito la stessa sorte (se non una peggiore).

Un cristogramma è una combinazione di caratteri e immagini che richiama la figura di Cristo, e i cristogrammi sono sempre stati utilizzati dai cristiani in tutti i secoli: quello che vediamo nell’immagine si trova a Carrara, in via Santa Maria, ed è composto dalle tre lettere “IHS”, ovvero le prime tre lettere del nome di Gesù in greco antico, “Iesous” (la “H” in realtà è una “eta” che si pronuncia più o meno come una nostra “e”). Questa sigla è nota anche come “trigramma di san Bernardino da Siena”, in quanto secondo la tradizione fu lui il primo a utilizzarla.

I tre caratteri sono inscritti in un sole e vediamo che la H è sormontata da una croce e sotto la stessa lettera trovano spazio tre chiodi: questo modo di rappresentare il trigramma è simile a quello adottato dai Gesuiti, tanto che l’emblema dell’ordine altro non è che il trigramma IHS (con croce e chiodi) inserito in un disco con raggi e fiamme. L’opera che vediamo nella foto si può datare al XVII secolo anche perché nella stessa zona della città sono presenti altri cristogrammi simili, che però al contrario di questo sono datati.

Il centro storico di Carrara (così come quello di altre città d’Italia) è pieno di cristogrammi, bassorilievi, icone, madonnine che però qua hanno un “valore aggiunto”, per così dire, perché il marmo con cui sono realizzate queste opere è uno dei simboli di Carrara: il marmo ha reso la città famosa in tutto il mondo e ha permesso a diversi artisti di ogni tempo e luogo di creare capolavori che vengono ammirati ovunque.

Ma il vero valore di queste immagini che si possono trovare sui muri di tutta la città è la loro importanza storica, come testimonianza di una devozione popolare che costituiva un po’... come dire, una “alternativa” a quella ufficiale del tempo con i grandi capolavori, i grandi cicli, i grandi apparati. Simboli nei quali i nostri antenati si identificavano. E in più non dobbiamo dimenticare il valore che queste opere avevano per per tutti coloro che si recavano nei luoghi di pellegrinaggio (da Carrara passava la via Francigena): davanti a queste immagini i pellegrini si fermavano a pregare e per loro costituivano quasi un incitamento a proseguire il percorso.

Dunque sembra essere questo il modo in cui ci preoccupiamo di trattare la memoria dei nostri centri storici: bucandola. E forse dovremmo anche ritenerci quasi fortunati se possiamo ancora vedere questo trigramma integro (foro a parte), perché a molti altri suoi omologhi probabilmente toccherà anche di peggio. E altrettanto probabilmente molti di quelli che bucano opere antiche di quattro secoli saranno gli stessi che pensano che noi in Italia abbiamo il 50% del patrimonio artistico mondiale... quindi alla fine chi se ne importa di un misero trigramma, tanto “abbiamo il 50% del patrimonio artistico mondiale”, nessuno farà caso a una anonima sequenza di caratteri sopra un muro.

E questo è solo un esempio: una piccolissima opera poco preservata, di cui nessuno si cura... e quindi perché non considerare che come le piccole opere vengono trascurate, anche per quelle grandi (ma, attenzione: non famose) non debba succedere la stessa cosa? Anche avere un trigramma seicentesco bucato è conseguenza di una politica culturale che mira a far conoscere solo quei cinque-dieci capolavori celebri in tutto il mondo senza preoccuparsi di curare tutto il resto. Anche un misero cristogramma su un muro di una strada medievale di Carrara sconosciuta ai più è però una testimonianza storica e anche un misero cristogramma fa parte della memoria del popolo. Ma, visto l’andazzo, forse dobbiamo ritenerci fortunati se possiamo ancora vederlo lì al suo posto, nonostante il buco.


Finestre sull'arte
Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29.90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



Nessun commento dal sito per questo articolo.





Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Barocco     Quattrocento     Genova     Roma