La favola dell'Italia che ha il "50% del patrimonio artistico mondiale"


È ora di smetterla di dire che l'Italia detiene il '50% del patrimonio artistico mondiale' (o anche più) perché non è vero!

Questo articolo nasce dopo aver sentito tirar fuori per l’ennesima volta l’incredibile favola dell’Italia che ha il 50% del patrimonio culturale mondiale, in particolare questa volta è stata l’edizione del TG2 delle 20:30 di ieri sera (giovedì 3 maggio 2012) e il protagonista (ma forse suo malgrado visto che la notizia gli sarà sicuramente stata scritta) è stato il conduttore del TG2 Luca Salerno, il quale al minuto 20’27" del video1 legge che “in Italia abbiamo il 50% del patrimonio artistico del mondo, eppure i nostri musei non sono tra i più visitati”. Parte quindi una serie di servizi sul famigerato sfruttamento economico dei beni culturali, per la gioia dei tanti che inorridiscono all’idea della cultura messa al servizio del marketing e del denaro. :-)

Ma concentriamoci sulla balzana idea di quel “50% del patrimonio” (in questo caso “artistico”) che qualcuno estrae dal cilindro più o meno spesso e che, anzi, alle volte raggiunge addirittura cifre ben più alte: c’è chi afferma che in Italia ci sia il “60% del patrimonio artistico mondiale”2, chi si spinge anche fino al 70%3, addirittura su Facebook si arriva anche al 90%4 e magari tra un po’ spunterà fuori qualche fuoriclasse che ascriverà all’Italia il merito di essere stato l’unico paese al mondo ad aver prodotto testimonianze artistiche, visto che di questo passo il 100% dell’arte in mano nostra non è tanto lontano. :-)

Per sfatare questo mito basterebbe intanto avere un poco di buon senso... anche perché affermare che il 50-60-70 eccetera percento del patrimonio artistico (o culturale, che sono i due termini che vanno per la maggiore) mondiale sia di nostra proprietà, non è solo strampalato ma è anche dannoso perché produce un becero quanto inutile nazionalismo che non porta da nessuna parte. Ma siccome sembra che molti ancora non abbiano capito che l’Italia non è l’unica detentrice dell’arte/cultura nel mondo (o colei che ne possiede in maggior parte) tiriamo fuori qualche numeretto.

Posto che non vedo in quale bizzarro modo si possa fare una lista del “patrimonio artistico”, l’unico metodo plausibile credo sia quello di contare i siti inclusi nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO. Dal sito ufficiale dell’UNESCO5 risulta che su un totale di 936 tra siti culturali (725), ambientali (183) e misti (28) l’Italia abbia 47 siti riconosciuti (di cui 44 culturali e 3 ambientali), un totale che farebbe quindi possedere all’Italia il 5,02% dei siti sul totale. Ma anche se prendessimo i soli siti culturali saremmo a 44 su 725: si arriverebbe solo al 6,06% sul totale di quello che forse più di ogni altra cosa si avvicina al fantomatico concetto del patrimonio artistico mondiale. È vero che l’Italia è il paese che ha il maggior numero di siti riconosciuti dall’UNESCO, ma di qui ad affermare che ne possegga la metà, la strada è ben lunga.

A proposito, c’è addirittura qualcuno di molto famoso e abituato a sfoderare numeri a cascata, che in un arcinoto video6 ha addirittura sentenziato che “l’Italia è il paese che ha regalato al mondo il 50% dei beni artistici tutelati dall’UNESCO”, una favola talmente enorme e talmente assurda da farci domandare come sia stato possibile che sia stata inserita in una comunicazione istituzionale!!! E a quanto pare, benché molti abbiano riconosciuto e sbugiardato la colossale balla, sono ancora tante le persone anche dotate di una certa responsabilità (e lo dimostra il TG2 di ieri sera) che la diffondono sotto varie salse.

Affermare quindi, con la solita retorica, che l’Italia detenga la metà dei beni artistici globali, oltre a essere fuorviante, inutile e potenzialmente dannoso, costituisce anche opera di disinformazione, vista anche l’enorme quantità di persone che si fidano di questi numeri e su blog, forum, Facebook e via dicendo li vanno ripetendo orgogliosi del fatto che il loro paese abbia illuminato così tanto l’umanità. Affermazioni simili non aiutano di certo a migliorare lo stato dell’arte e della cultura in Italia, anzi, sono del tutto controproducenti.


Note

1. Potete trovarlo a questo indirizzo scegliendo l’edizione integrale delle 20:30 del 3 maggio 2012. L’affermazione è al minuto 20’27".

2. Un articolo di oggi 4 maggio che sembra ricalcare da vicino il servizio del TG2 di ieri sera.

3. Per esempio in questo articolo che fa una presentazione delle “bellezze” italiane oppure in quest’altro articolo dove si dice che il “70%” rappresenterebbe un “lecito motivo di vanto”.

4. Su questa nota, per esempio.

5.Link alla lista dei siti riconosciuti dall’UNESCO.

6.Link del video.


Finestre sull'arte
Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Grazia in data 06/06/2012, 10:53:46

Una solenne sciocchezza!

E, poi, chi sarà stato a stabilire le percentuali? Ci si potrebbe immaginare una commissione di fine Ottocento, con maturi signori incravatttati, tutti europei, ovviamente, che discute intorno al solito tavolo.

"Il 50% all'Italia": qualcuno propone. E fioccano le proteste.  "E  la Francia e la grandeur..":urla il delegato francese. "E l'Inghilterra. E l'Impero ?": si indispone il primo ministro britannico. "E la Germania, e la potenza tedesca?": ribatte il Cancelliere.....

No, no. Nemmeno a pensarci.

Eppure, come tutte le sciocchezze (vi ricordate le leggi della stupidità di Carlo Cipolla?) è impossibile a sradicare. E ora sarebbe interessante riflettere su un'altra affermazione:" Nei magazzini dei musei italiani sono nascosti grandi tesori d'arte..".

Che l'origine sia la stessa?





2. Federico D. Giannini in data 06/06/2012, 19:10:59

Vero, c'è anche la storia della percentuale dei "tesori d'arte" conservati nei depositi dei musei... ogni tanto leggo qualcuno che tira fuori la storia e penso quanto sarebbe bello entrare in queste fantomatiche e incredibili sale del tesoro... :-)





3. Luca Ronan in data 07/01/2013, 05:02:06

Bè è anche vero, che in certi musei alcune opere sono in attesa di restauro e non ci sono i soldi, oppure non c'è spazio per l'esposizione(museo Egizio) oppure non si possono portare alla luce come nel caso di pompei ed ercolano, del resto non capisco quale sia la fonte dell'idiozia il cinque per cento è già tanto a dire il vero, pretendere di avere il cinquanta per cento, ahem mi sembra alquanto idiota, e l'arte orientale? l'arte precolombiana, l'arte oceanica, eccetera eccetera. Noi europei siamo veramente bravi a dimenticarci del resto del mondo.



4. Alex Milán in data 10/02/2013, 07:44:08

É vero, sui siti Unesco l'Italia detiene 47 di quest'ultimi. Peró credo che le notizie e i "numerini" vanno dati per intero, per esempio: Musei, Monumenti ed Aree Archeologiche. Usa: 8.100 Italia: 5.500 Inghilterra: 3.000 España: 2.300 Francia 1.200 Parchi Nazionali Italia 24 España 14 Francia 09 Giardini Storici Italia 3.274 Francia 1.650 España 90 Spettacoli Teatrali Italia 83.700 España 58.000 Francia 35.000 Manca il patrimonio enogastronomico e quello delle manifestazioni musicali e popolari, che comunque vengono considerati all'interno del patrimonio culturale di un paese. Come vedi l'Italia non rappresenta il 4-6% che menzioni. Fonte: PricewaterhouseCoopers Bye



5. Luca Ronan in data 10/02/2013, 12:29:22

Usa: 8.100 Italia: 5.500 Inghilterra: 3.000 España: 2.300 Francia 1.200 Il mondo si ferma qui? allora vi do un trucco pr fare le percentuali, bisogna sommare tutti i musei del mondo e vedere quanti ne ha l'italia rispetto al TOTALE scoprirete che non abbiamo neanche il cinque per cento. DEtto questo, mi zittisco perchè a sommare tutti i musei tra cina, india e russia e non ho neanche preso tutto il mondo, già si riduce la percentuale.



6. Alex Milán in data 10/02/2013, 14:03:24

Il fatto che Tu debba etiquettare un opinione altrui con "idiota" la dice lunga sul tuo modo di vedere e sopratutto, rispettare le persone. ¡¡Complimenti professore!! Bel esempio............



7. Francesco Rolli in data 26/02/2013, 00:36:37

Se si tratta di bufala, lo è per difetto. Personalmente non ho nessuna difficoltà a credere a questa cifra e non per un vuoto sentimento di orgoglio immotivato. Si tratta solamente di usare due elementi base del cosiddetto ragionamento scientifico: la conoscenza previa ed il ragionamento logico-deduttivo. Se poi nel mio caso (modestamente) si aggiunge un minimo di conoscenza diretta, dato che nel corso degli anni ho visitato una fetta di mondo, considero abbastanza motivate le ragioni per affermare che l'Italia possiede almeno il 75% del patrimonio artistico-culturale dell'intero pianeta. Lo faccio senza accendere nessuna polemica e senza sentirmi offeso da un'opinione diversa dalla mia, il mio benestare dipende da ben altre cose ... Il tutto senza cercare riferimenti in internet, dove oltretutto troverei una quantità impressionante di pagine a favore. Del resto mi pare di capire che non esiste una stima ufficiale, ognuno dice più o meno la sua, come finestresullarte. Comunque, il ragionamento. Mi capita a volte di farlo in risposta alla domanda di qualche studente scettico: "Ma, professore, com'è possibile, un paese così piccolo ..." e frasi del genere. È vero anche che qui in sudamerica il livello generale di preparazione storico-culturale è abbastanza limitato, per cui accetto la domanda perché proviene da un determinato tipo di interlocutore, da un italiano sarebbe ben diverso. La mia risposta è sempre la seguente. Considerare l'estensione geografica è ingenuamente riduttivo, altrimenti dovremmo avere meno dell' uno percento. Realistico? Continuando a parlare di geografia, cominciamo dalle americhe. A parte pochi siti e manufatti, che cosa offre questo continente? Quello che si è prodotto in questo senso non è più antico di 500 anni. Di quello che c'era prima rimangono pochi, anche se spettacolari, esempi in Perù ed in mesoamerica. Quantitativamente, la sola città di Firenze offrirebbe di più di tutto il continente americano. Se andiamo in Africa (perlopiù settentrionale) ed in Asia minore, altri esempi spettacolari e di estrema importanza, però limitati nel tempo. In Italia si produce cultura (per cui parlando di tempi storici) da circa 3000 anni, ininterrottamente. Abbiamo testimonianze (tantissime) dell'epoca preromana, innumerevoli dell'epoca romana, molte dell'epoca medioevale, per non parlare dal Rinascimento in poi. Chi conosce la realtà italiana sa benissimo che ogni paese, piccolo o grande che sia, conserva un patrimonio più o meno consistente, tra edifici, artefatti, manufatti, documenti e quant'altro. Chi conosce la realtà degli altri paesi sa anche che una situazione simile forse la presentano la Francia, la Gran Bretagna o la Spagna, però in misura nettamente minore. Negli altri paesi, molto ma molto meno se non zero. Non voglio dilungarmi oltre. Lasciare al resto del mondo il 25% del patrimonio di cui si parla, a mio avviso costituisce un atto di generosità. Un caro abbraccio a tutti.



8. Francesco Rolli in data 26/02/2013, 03:14:00

Non solo, bisogna anche calcolare da dove provengono i reperti esposti nei vari musei. Un busto greco-romano che si trova in un museo californiano in quale percentuale finisce? I musei sparsi in tutto il mondo hanno sicuramente una quantità enorme di pezzi provenienti dal suolo italiano. Ne vogliamo parlare?



9. Lulla Cacioppo in data 13/03/2013, 13:36:45

E' chiaro che le voci si dilatano e si distorcono come nel gioco del "telefono senza fili". E' anche vero però che avere 44 siti riconosciuti dall'Unesco non è male e che forse bisognerebbe chiedersi prima la quantità di siti riconosciuti agli altri paesi....E poi mi chiedo anche che senso abbia questa acrimonia demolitrice, e che importanza abbia dopo tutto la quantità accertata o ufficialmente riconosciuta di opere d'arte...? Chi è contro chi? Di che gara si tratta, alla luce dell'intero pianeta terra? Viviamo decisamente in un mondo litigioso e diffidente che ci allontana dalla civiltà.



10. Massimo Giardi in data 07/04/2013, 21:47:03

Lasciateci almeno l'unica cosa che abbiamo piu' degli altri:la storia, il resto e' niente



11. Claudia Maurice Battaglia in data 28/04/2013, 12:17:45

stima! :)



12. Silvia Sct in data 03/07/2013, 13:37:12

Grandissimo! Hai preso il punto!!! Il calcolo mica può essere fatto sui siti riconosciuti dall'unesco! ma dai!!! Ma da tutto quello che è un paese: solo i palazzi che abbiamo noi sparsi per qualsiasi paese e cittadina fanno invidia, per non parlare che si può trovare storia ed arte ovunque, anche nel paesino più piccolo d' Italia! Lo scandalo al massimo è vedere come, per il nostro paese, una simile inestimabile ricchezza, valga meno di un calzino! C'è da vergognarsi di questo e nient'altro!!



13. Connie Falduzzi in data 23/01/2014, 09:32:01

Se il nostro patrimonio artistico vale meno di un calzino, allora si può vendere a poco, no? Svendere... VERGOGNA!



14. Abate Montecristo in data 05/02/2014, 21:02:56

Con la matematica si può giocare all'infinito. A milano se si realizza una,nuova linea del metrò bisogna spostare non solo vasi millenari ma ponti di epoca romana. Venezia da sola pesa quanto un sogno. Le isole di fronte a Stresa hanno più che alcune nazioni europee. Ho visto gente in Europa andare a visitare in pullman uno zoccolo di legno alto due metri. Noi la cultura ce la ritroviamo anche in un formaggio di fossa. Niente numeri, ma provate voi a girare l'Italia e vediamo quando dite basta.



15. Veronica Biondi in data 06/02/2014, 07:56:33

tale info la portava anche il mio libro di politiche per il turismo! BENE!



16. Nicola Dal Corso in data 06/04/2014, 16:44:56

E' anche vero che tra i beni protetti italiani ci sono intere città (La città di verona tutta, per esempio), mentre all'estero i siti comprendono un monumento, un parco... Quanti monumenti ci sono a verona? C'è l'intera costa amalfitana, ci sono tutte le città tardo barocche della val di noto...



17. Ulisse Fiolo in data 30/05/2014, 23:45:16

"Italia è la nazione a detenere il maggior numero di siti inclusi nella lista dei patrimoni dell'umanità (49 siti)[4], seguita dalla Cina (45 siti) e dalla Spagna (44 siti)." http://it.wikipedia.org/wiki/Patrimonio_dell'umanit%C3%A0 http://www.affaritaliani.it/culturaspettacoli/patrimonio_artistico_italiano120509.html?refresh_ce http://www.italiacheraglia.com/index.php/2012/08/14/valorizzazione-patrimonio-culturale-italiano/



18. Giovanni Terzi in data 23/06/2014, 16:49:25

Grazie... mi hai fatto passare il nervoso e risparmiare ORE per formulare una risposta adeguata... IN OGNI MODO RIMANGO AL FANTOMATICO 90% DI FACEBOOK!!!;)



19. fabri in data 23/07/2014, 16:30:03

La differenza è che l'Italia è un paesino in confronto a continenti come la Cina e Stati uniti o Russia. Pensa se eravamo un paese di 500 milioni di abitanti.. W.l'Italia e grazie Dio che mi hai fatto nascere qui.



20. Yulia Shkarupina in data 03/08/2014, 17:20:58

progetto del passaporto italiano a proposito dall'onorevole gaetano pesce! http://www.marieclaire.it/var/marieclaire/storage/images/bozze/mostra-gaetano-pesce-a-roma/gaetano-pesce-passaporto/17927391-1-ita-IT/GAETANO-PESCE-Passaporto_main_image_object.jpg



21. salvatore Carboni in data 18/09/2014, 20:13:42

La sola Firenze contiene più opere d'arte della Francia intera.
Mi spiegate cosa c'entrano i siti Unesco con la % di opere d'arte? Di che parlate?

Fa impressione l'ignoranza di certe valutazioni. E' sicuramente vero che l'Italia possiede più del 50% delle opere d'arte del mondo ed è un numero grossolanamente in difetto.



22. Salvatore Carboni in data 18/09/2014, 20:25:11

Sig. Giannini cerchi di ragionare la prego, non si tratta di prurito nazionalistico, qui si tratta della più grande vergogna dell'umanità.
Fortunatamente non sono tutti disinformati e confusionari come lei.

Per farle capire un minimo concetto, ad es., nella sola Ferrara ci sono 100 volte più monumenti e opere d'arte che in tutti gli 8000 e passa musei statunitensi. Riesce a rendersi conto che prima di farneticare e sputtanare un paese come il nostro bisogna ragionare sul significato delle parole e capire cosa vogliono dire? Lo sa che la metà dei visitatori del Louvre ha dichiarato che è andata li essenzialmente per vedere la Gioconda? Secondo lei da quale sconvolgimento artistico è nata la Gioconda?

Un caro saluto.



23. MARGHERITA in data 29/09/2014, 00:05:39

Il balletto delle percentuali sull'entità del nostro patrimonio culturale rispetto al resto del mondo è un vecchio esercizio consolatorio, peraltro non documentato - i siti Unesco non c'entrano affatto e non sono un valido criterio di riferimento perché il loro numero dipende più dalla nostra capacità burocratica di ben documentare la loro eccellenza e di farla valere in quella sede che dalla loro oggettiva entità- per far dimenticare che il nostro immenso patrimonio è fra quelli meno tutelati e valorizzati, almeno nel confronto con i Paesi occidentali più avanzati; che non riusciamo neanche e catalogarli esaustivamente (e, dunque, come quantificarne la percentuale su scala mondiale?); che non riusciamo a costruire una strategia di tutela/valorizzazione che ne faccia una risorsa per lo sviluppo culturale, sociale ed economico del Paese, ma senza rischi di deterioramento o esaurimento. Sembra che ci basti l'orgoglio nazionale di essere -solo quali detentori- i primi della classe, nascondendoci così -e credendo di nascondere anche al resto del mondo- la nostra incuria e il vuoto culturale della nostra politica economica e della nostra società. Il risveglio di un grande progetto per lo sviluppo culturale ed economico, che solo da poco comincia a sollecitare la fantasia e l'intraprendenza di qualche politico, è ciò di cui veramente ha bisogno il futuro del nostro patrimonio e dei nostri giovani. Non abbiamo bisogno di sapere e vantare la percentuale mondiale cui corrisponde.



24. Tommaso Signorini in data 29/12/2014, 14:56:02

Chi non ha cultura non dovrebbe parlare. Il riconoscimento dell' UNESCO non rileva, essendo di natura politica. Non mi stupisce che persone senza cultura che non conoscono la consistenza del nostro patrimonio facciano un articolo come queusto.Invito il redattore a studiare un po di di più' ed a parlare meno.



25. Rodolfo Guglielmi in data 28/01/2015, 15:43:49

Purtroppo per lo stesore dell'articolo (Federico Giannini), non solo l'Italia possiede il maggior numero dei siti Unesco, già super-citati, ma questi sono appunto solo.... siti. I quali possono custodire un numero *variabile* di opere artistiche; magari 20 , magari 200. Quindi la struttura portante dell'articolo, è pseudo-intelligente.
Tanto più che pare disconoscere sia i millenni impiegati da questo paese a produrre opere, pure prima degli Etruschi, sia la proliferazione creativa del Rinascimento che avuto nell'Italia il suo centro. Non solo la max parte dei siti, ma pure iperdensi di opere.
Secondo punto. F.Giannini ironizza beatamente sulla "storiadella percentuale dei "tesori d'arte" conservati nei depositi dei musei... ogni tanto leggo qualcuno che tira fuori la storia e penso quanto sarebbe bello entrare in queste fantomatiche e incredibili sale del tesoro... :-)". Bene, io non so quanti anni abbia Giannini, ma io ho visto più di una volta servizi su questo punto, dove si entrava nei magazzini dei musei italiani, do ve la percentuale di opere sovrasta di molto quella di quelle esibite: quadri di valore accatastati gli uni sugli altri, insicura custodia per umidità ed altri fattori. Li hanno visti migliaia di italiani, sig. Giannini, quei servizi TV mirati allo scandalo della cattiva custodia & valorizzazione delle nostre opere. Sorry for you. Non è che se tu non vedi una cosa, allora quella non esiste.
Terzo punto (mai citato nei precedenti commenti). Una chiesa o un monastero o un convento non sarà forse sempre un sito, ma spesso contiene opere artistiche varie: dalle pale alle sculture. Dato che questi edifici sono numerosissimi nel nostro paese, si devono conteggiare pure le loro opere.
Onestamente, tuttavia, non so come siano conteggiate e come lo si possa fare, se non in modo approssimativo e statistico. Penso ci possa essere un inventario città per città, provincia, regione.
Per confrontarlo con quelli esteri, dovremmo accedere ai loro conteggi e poi fare la percentuale. Per parte mia, posso avere solo una opinione: circa la metà del patrimonio artistico mondiale (che è cosa diversa - Giannini - dai "patrimoni U. dell'umanità", cioè dei siti), e di questo patrimonio italiano il 40% risiede nella sola Firenze. Se si aggiunge quello della sua vasta provincia, idem per Pisa e per Siena, si supera a parer mio il 50%. Se questo è vero, solo nella mia regione ci sarebbe il 25% delle opere mondiali.
Ma è solo una mia stima.



26. Daniele Polidori in data 29/01/2015, 20:53:07

Sig. Giannini, stesore dell'articolo, credo che non ha prorpio chiaro il concetto di Arte, e/o Opera d'Arte, oltre al concetto di patrimonio artistico culturale... citare l'Unesco è giusto, ma Firenze, come faceva notare qualcuno è UN SITO (l'Intera città! come Urbino,Verona, le intere città...) dentro il sito, quante opere d'arte ci sono? 1? 1000? QUINDI PRENDERE IN CONSIDERAZIONE I SITI DELL'UNESCO PER FARE UN PARAGONE NON è SUFFICIENTE, e riduttivo ma piu che riduttivo è APPROSSIMATIVO!!! mettere a paragone un giardino, o un monumento annoverato come patrimonio dell'unesco, di unq qualunque paese o nazione, con il patrimonio dell'unesco Firenze è di sicuro inadeguato! (mi sembra abastanza condivisibile quest'affermazione per chi abbia studiato un minimo di storia, storia dell'arte, e abbia visitato Firenze, anche solo per mezza giornata... Prendo come esempio Firenze perchè forse ha la maggior densità artistica del nostro paese) Vogliamo citare il patrimoni storico-culturale, che sono reperti archeologici e scavi, testimonianze di culture passate e storia, manoscritti e appunti di ogni generi come i Codici di Leonardo? possono essere considerati comunque almeno patrimonio artistico culturale? bè.... non ci stiamo rendendo conto di quello che diciamo mi sembra piuttosto chiaro, le sculture, i DIPINTI E GLI AFFRESCI, che sono chiuse nelle chiese, saranno anche dello "stato del vaticano" sono comunque sul nostro territorio, giacciono in suolo Italiano... nella pratica sono nostre, nostre di tutti...

bè io ringrazio i precedenti "commentatori" di buonsenso dai quali ho preso spunto e forse piu chiari ed espliciti di me: Rodolfo Guglielmi, Francesco Rolli, Silvia Sedgwick, Nicola Dal Corso.
fare queste riflesioni, leggervi, e pensare a com'è OGGI e ORA il nostro paese mi ha messo una profonda tristezza...



27. FERDY92 in data 14/02/2015, 11:18:15

Haha, MA ANDATE A VEDERE IN CINA E IN INDIA SE PER CASO INSIEME NON ARRIVANO NEANKE AL 25 PER CENTO DEL MONDO, TRA PITTURE, MINIATURE, STATUE, TEMPLI, AFFRESCHI ECCETERA



28. lupo in data 11/03/2015, 11:32:13

L'Italia possiede un patrimonio culturale immenso, peraltro molto difficile da quantificare. I Siti Unesco non quantificano il patrimonio culturale e pertanto è errato prenderli come metro di paragone per una analisi veritiera. Io ho viaggiato molto in oltre 150 paesi di tutto il mondo e posso confermare che quanto insiste in Italia non lo si può trovare in nessuna altra parte del mondo. Confermo inoltre che molti referti e reperti storici posizionate in bella mostra nei maggiori musei mondiali ( Louvre, San Pietroburgo, New York, Los Angeles, Madrid, Londra ) provengono dall'Italia. Inoltre da ultimo, e non per ultimo, la valutazione fatta da chi ha girato il mondo e che è stato in Italia, ovvero turisti amanti e conoscitori di ARTE che nessun paese, come l'Italia, merita di essere visitato limitatamente al Patrimonio Culturale-



29. Lorenzo in data 18/03/2015, 19:30:17

"perché produce un becero quanto inutile nazionalismo "
che brutta infanzia devi avere avuto, troppi film.



30. Maurizio in data 07/04/2015, 21:09:48

Un articolo inutile, da ignorante superficiale.
Vale la pena neanche a commentare.
Ti serviva un pò di accessi a questo inutile blog ?



31. Gabriele Betti in data 08/04/2015, 19:42:50

caro Federico Giannini hai fatto bene ad aprire questa discussione ma credo che ti sia ormai reso conto di aver sottovalutato il contesto quando hai citato i siti tutelati dall'Unesco.
Tutti nel blog ti hanno ricordato come ci siano migliaia di valori su cui dovremmo misurarci: palazzi, opere d'arte, statue, regge monumentali, siti archeologici, varie civiltà che si sono succedute, opere musicali, opere di ingegno, grandi geni unici al mondo, luoghi religiosi e opere in essi contenute.
Il vero problema è che per noi tutte queste cose sono un "costo", un costo di manutenzione, restauro, sicurezza, e non sono ancora abbastanza comprese altrimenti tutti ormai avremmo capito che in questo, in questi valori sarà il nostro futuro, uno dei pochi settori produttivi che potremo mantenere nel futuro.
Ma per fare di questo costo un "valore vero" dobbiamo fare un salto culturale dentro le nostre menti: infatti questo tuo svilimento "matematico" è in atto da anni e in troppi rischiano di pensarla come te, spendiamo troppi soldi per mantenere un misero 5% di patrimonio.
NO NO abbiamo veramente un enorme patrimonio che anche se non "misurabile" è unico e forse più del 70% di quello mondiale.
La stessa intera Umanità dovrebbe aiutarci economicamente e punirci per le nostre colpevoli assenze.
Aiutarci per il pesante fardello e la responsabilità che ci ha lasciato il passato, punirci quando rileva che non meritiamo tale immenso patrimonio.
Vorrei comunque che questo dibattito continui perchè ho una serie proposte ed idee su cui confrontarmi sul buon uso di questo MERAVIGLIOSO IMMENSO patrimonio.........



32. Jord62 in data 01/05/2015, 10:05:04

Incredibile il tempo che si perde ad autolapparsi. Non entro neppure nel merito matematico o scientifico col quale si conteggiano il patrimonio artistico. Semplicemente affermazioni del genere sono sciocche quanto dire che siamo i più creativi del mondo o i più corrotti. Sperando che rinasca un nuovo impero romano ci culliamo dietro a baggianate e ci scagliamo contro coloro che cercano di usare la logica. Italiani, mafia,mandolino,pizza,spaghetti



33. robert Najjar in data 01/05/2015, 10:43:58

Un'amica mi disse un giorno : viaggiando al di sopra dell'Italia a Babbo Natale si ruppe il sacco e tutti i suoi giocattoli caddero li !!!
L'Italia è un museo a cielo aperto ! Non basterebbero tutti i musei del mondo a contenere le opere d'arte o archeologiche che in ivi si trovano . Tralasciando città come Roma , Firenze , Mantova , Siena , Venezia , Assisi , Gubbio , Novara , ecc... ecc... ( l'elenco è infinito )ogni piccolo borgo è un museo !!!




34. Massimo Tosi in data 01/05/2015, 14:23:20

che in Italia ci sia un becero è inutile nazionalismo lo pensa solamente lei. Anzi io vedo il contrario e cioè uno stupido gioco alla denigrazione o meglio allo sputtanamento perpetrato da intellettuali e giornalisti. Non so in quale categoria inserirla,sciolga lei il fatto sta che anche il suo articolo è di questo tenore. Anche se non è vero come lei afferma non vedo perchè si debba rinunciare a questa fama. La fama negativa c'è la teniamo: italiani mafiosi,italiani approssimativi,italiani inaffidabili, pastasciutta e mandolino e quella positiva dobbiamo rinunciarci. E BRAVO!
Non sono d'accordo su quanto afferma in quanto i siti un UNESCO sono scelti da organismi internazionali assortiti che inseriscono i monumenti non tanto per reale valore artistico e culturale ma con criteri di ripartizione geografica. Siti bellissimi e importanti italiani non compaiono e non compariranno mai. Per esperienza cito le case della memoria cioè quelle case che appartennero a grandi personaggi divenute poi casa- museo. Mentre in paesi europei si contano sulle dita della mano in Italia passano il centinaio è solo in Toscana la metà. Ho partecipato a convegni internazionali mostrando le nostre potenzialità e tutti sono rimasti senza parole di fronte al numero e alla qualità. Quindi quello che lei dice non ha un minimo fondamento....anzi sarebbe bene si informasse meglio..oppure taccia.



35. mandragola in data 01/05/2015, 15:32:34

Giannini...che c'entrano le percentuali dei siti segnalati all'Unesco? Lei è un pericoloso disfattista..lascio a persone più competenti di me l'elenco delle nostre innumerevoli opere d'arte. da parte mia mi limito semplicemente a dirle "SI VERGOGNI!"



36. Aldo in data 15/05/2015, 00:35:29

Sarebbe molto complesso fare conteggi e statistiche perfettamente attendibili del patrimonio culturale esistente in Italia. E' comunque un buon segno che se ne parli. Per parte mia posso dire che qualche anno fa,nel leggere i nomi dei pittori dei tanti quadri esposti nel British Museum a Londra, mi chiesi se in quel momento mi trovassi a visitare gli Uffizi a Firenze.



37. W Italia in data 29/05/2015, 16:35:04

Sono un ragazzo italiano e sono fiero di esserlo. Che diritto hai tu di parlare sparando ipotesi su cosa sia cosa?! Se nn credi nnell'Italia e nelle sue potenzialità nessuno ti obbliga a rimanere! L'Italia ha tra il 50 e il 60 % delle opere mondiali (affermato da più ricerche). L'unico problema è nel varolizzarle e saperle sfruttare. Viva l'italia e la sua grande storia



38. Www in data 29/05/2015, 16:47:32

Ho visto un commento su cui, in modo provocatorio, hanno messo il numero di musei degli stati che ne hanno di più di cui l'Italia nn era prima e per questo si diceva che nn ha nemmeno il 5%... mio caro "amico" ignorantino, qua nn stiamo parlando di musei ma di siti storici, i musei nn centrano un capperino in quanto i musei vanno da quelli artistici a quelli scientifici e nn solo storici... inoltre sarai andato a vedere nel primo sito che capitava cercando:"classifica staiti con più musei" magari avendo letto solo le prime tre parole di questo articolo. Se vogliamo dirla tutta inoltre nn tutto cio' che si trova in un museo è un opera riconosciuta a livello mondiale.



39. niko in data 15/06/2015, 13:31:41

Patrimonio artistico e patrimonio unesco sono due cose diverse(è come dire gelato e sorbetto) e mi sembra veramente grossolano accostarle per il semplice motivo come tutti saprete nel patrimonio unesco vi sono montagne lagune laghi ecc cose c'è con l'arte nn centrano niente per avere una percentuale corretta bisogna stimare solo quante opere artistiche un paese ha.



40. vincenzo in data 24/06/2015, 15:01:11

questo articolo è un' assurdità, il numero di siti UNESCO non c'entra niente con la percentuale di patrimonio artistico della nostra nazione. basti pensare che le sole città di Firenze, Roma e Siracusa hanno più cultura di quanta ne possa avere il resto del mondo messo assieme. pensate che la Francia a turismo solo per la Gioconda che ci ha rubato il "caro" Napoleone, altro che restaurazione. io sono fiero di essere nato in Italia.



41. Livio Bianchi in data 01/07/2015, 17:40:18

diceva mia nonna abruzzese: quisto non sa fa' manco la O co' gliò bicchiero, ma vò 'mparà jo Credo agli apostoli. (Trad. : questo non sa fare nemeno la O con il bicchiere, ma vuole insegnare il Credo agli apostoli.)



42. evaristo calloni in data 08/07/2015, 11:07:05

la gran parte dei commenti si basa su chiacchiere da bar e non su fati concreti.

evaristo calloni



43. Alessandro in data 19/07/2015, 21:28:53

Quale è invece la percentuale di saccenza mascherante un'ignoranza abissale in questo articolo?
Di favole ne sta scrivendo lei, la disinformazione è la prima cosa che porta alla rovina.



44. gotico di Milano in data 27/07/2015, 22:47:27

sparare a zero sull'Italia è diventato sport nazionale, e stranamente riusciamo sempre a restare sul podio di questa non invidiabile classifica. Come molti hanno già scritto vi sono città in Italia che non hanno eguali nel mondo, la sola Roma, culla della civiltà per secoli, offre un insieme di edifici e monumenti senza pari. Il Duomo di Milano, pur se inferiore come dimensioni rispetto alla Sagrada Familia, è sicuramente più bello, sfarzoso e ricco di elementi, ogni guglia, ogni statua ha una sua storia, richiama tutte le professioni dell'epoca, fu costruita con i soldi donati dai milanesi, prostitute comprese. Ora non desidero elencare tutte le bellezze d'Italia, solo con Firenze, Venezia, Napoli, la valle dei Templi di Agrigento, e ogni angolo del bel paese sono un concentrato di storia, non esiste chiesa o chiesetta, che non abbia un dipinto, un affresco che vale molto più di tanti quadri esposti nei musei d'Europa. Vorrei solo concludere dicendo che se molte delle opere realizzate tempo addietro in Italia, e attualmente esposte fuori dal territorio nazionale (Gioconda di Leonardo per fare un esempio), la quota del 50% toccherebbe senza sforzi il 70 e anche più... signor Giannini, un minimo in più di rispetto per il nostro passato e nons i basi sulla fredda matematica di chi spesso denigra l'Italia per quanto è bella... coraggio, ami di più l'Italia.



45. gotico di Milano in data 28/07/2015, 00:14:15

Secondo la percentuale che si ricava dalla lista stilata dall'Unescu, potremmo anche ridurre i beni storici italiani sotto l'uno per cento, prendo ad esempio Miloano, nell'elenco non sono compresi il Duomo, la Scala, la Galleria Vittorio Emanuele, il Castello Sforzesco, il Museo Poldi Pezzoli, la Pinacoteca di Brera, la Basilica di Sant'Ambrogio, il cimitero Monumentale, la Basilica di Sant'Eustorgio con la cappella Portinari, l'Abbazia di Chiaravalle, Palazzo Litta, Palazzo Belgioioso, con poco meno di 250 chiese maggiori dove si possono trovare dipinti di ogni epoca, in tutta Italia le chiese sono circa 26.000. Poi la sola Firenze viene catalogata come un bene unico... si ma la sola Firenze ha più opere d'arte dell'intera scandinavia. Aggiungo che all'interno di ciascuno dei siti che ho indicato vi sono migliaia di opere d'arte. Per favore non facciamo dei meri calcoli algebrici basati su una stima che devo ancora capire con che metodo sia stata fatta. Le piramidi sono bellissime, sono tre, mentre Firenze è una sola, ma per visitarla non basta un mese, in due ore le piramidi le avete viste e fotografate..



46. Adele in data 02/08/2015, 23:06:35

Ahahahahahahahah. La percentuale dell'arte non si misura solo col numero dei patrimomi dell'unesco! Mannaggia!



47. Cristiano Arch. Giustozzi in data 09/08/2015, 08:07:54

Federico Giannini, cognome diffusissimo in Toscana.
Conosco i Toscani: grandi geni e grandi bestemmiatori.
Il Giannini ha solo trovato un modo geniale di bestemmiare.




48. Cristiano Goldberg Giustozzi in data 09/08/2015, 08:12:37

Questo articolo è di Federico Giannini. Il cognome Giannini ha grande diffusione in Toscana. Conosco i Toscani: popolo di grandi geni e grandi bestemmiatori. Il Giannini di quest'articolo ha solo trovato un modo geniale di bestemmiare.



49. Raffaele in data 12/08/2015, 00:09:32

Beh.. è passato tempo.. ma una puntualizzazione mi permetto di farla:
I musei italiani hanno il 99% del patrimonio custodito NON esposto.
Questo per diversi motivi, che vanno dal fatto che gli spazi non sarebbero mai sufficienti, al fatto che esporli non sarebbe comunque vantaggioso perché comunque in un paese che guarda Jersey Shore (peggio del peggior grande fratello) e lo rende un culto.. come dire.. la pietà di Michelangelo non viene bene nei selfie..
Senza contare che l'arte è delicata e quindi i problemi di conservazione prevalgono su tutto.
Allora.. guarda che l'Italia ha davvero un patrimonio artistico immenso.. molto ma molto più grande di quello esposto (e parlo dei musei).. la stima del 50% viene da li..



50. amelia in data 04/10/2015, 22:39:23

l'italia è ricchissima di arte ma per le medesime ragioni, fatta eccezione antichità, lo è tutta la parte d'europa che era ricca ai medesimi tempi e quindi francia, parte della germania, paesi bassi .
quantificare è impossibile, ma ricordarsi che nel medioevo e rinascimento l'arte era europea, per quella che si considerava europa allora, non sarebbe male.



51. Enea in data 25/10/2015, 12:39:24

L' influenza culturale che il nostro paese ha esercitato nel corso di tremila anni è immensa.
A dispetto dello 0,2% che è la superficie del nostro paese rispetto a quella del nostro pianeta, la quantità di opere d'arte che possediamo è incredibile, non esiste paese al mondo con una concentrazione tale, non mi sto a dilungare sulla stratificazione di culture che si è alternata nel tempo, il fatto stesso che la maggior parte del mondo scriva in alfabeto latino, che la regolazione del tempo, le notazioni musicali e l'invenzione di molti strumenti musicali, che nel mondo scientifico la flora e la fauna abbiano nomi latini, che l'inglese stesso sia per il 50% latino, che ogni singola città italiana nasconda una quantità incomparabile di opere d'arte risalenti anche a migliaia di anni fa ci aiuta a capire di quale argomento stiamo trattando.
Signor Federico Giannini e gentili detrattori vari, vi consiglio di cominciare studiare ed approfondire la vostra precaria cultura.





52. Enea in data 25/10/2015, 12:39:58

L' influenza culturale che il nostro paese ha esercitato nel corso di tremila anni è immensa.
A dispetto dello 0,2% che è la superficie del nostro paese rispetto a quella del nostro pianeta, la quantità di opere d'arte che possediamo è incredibile, non esiste paese al mondo con una concentrazione tale, non mi sto a dilungare sulla stratificazione di culture che si è alternata nel tempo, il fatto stesso che la maggior parte del mondo scriva in alfabeto latino, che la regolazione del tempo, le notazioni musicali e l'invenzione di molti strumenti musicali, che nel mondo scientifico la flora e la fauna abbiano nomi latini, che l'inglese stesso sia per il 50% latino, che ogni singola città italiana nasconda una quantità incomparabile di opere d'arte risalenti anche a migliaia di anni fa ci aiuta a capire di quale argomento stiamo trattando.
Signor Federico Giannini e gentili detrattori vari, vi consiglio di cominciare studiare ed approfondire la vostra precaria cultura.




53. urlo in data 16/01/2016, 22:39:41

Da solo l'Impero Romano mette in ombra qualsiasi altra civilta. Esso e cio che noi siamo oggi. Ha la sciato segni indelebili in ogni sua provincia. Ha dettato le basi della nostra attuale civilta mondiale. Quando si parla di legione romana, scompare traccia di ogni altro esercito. Se poi all'immensita dell'impero romano aggiungiamo la civilta Italica nel medioevo e nel risorgimento, le percentuali non hanno senso. Quale altro paese dopo l'Impero Romano ha subito tante invasioni come l' Italia? Perche tante invasioni in ogni tempo ed ogni luogo ? Per l'arte, la cultura, la musicalita, il modo di vita, la varieta del suo clima, del suo territorio, delle sue genti, e tanto altro ancora e poi ancora. L'unico suo grande male sono gli Italioti attuali. Popolo corrotto, senza piu spina dorsale, senza piu orgoglio nazionale, senza rispetto per la DEA terra sulla quale vive, che profuma di storia in ogni suo vicolo. Terra unica ammalata dal cancro mafie, dalla nullita politica di una classe dirigente di insetti. Terra ferita a morte da colate ciclopiche di asfalto e cemento, dall'inquinamento folle di mostri industriali oggi schelettrici. Un patrimonio unicio, che rischia di scomparire per sempre per l' incuria dell sue genti e per l'invasione di sub-umani che hanno in germe dello streminio e distruzione di tutto cio che non rientra nella loro sub cultura ante medioevo. Cari Italioti, se non vi date una mossa molto rapida, non prendete il toro per le corna e vi scrollate di dosso per sempre i vari tumori interni ed esterni che vi distruggono (estirpazione radicale e totale. In un fututo non molto lontano, non resteranno che ceneri di cio che è stata l'Italia, terra tanto invidiata, odiata ma anche prifondamente amata. Stoj Kto Koba.
ale italica le innimerevoli siccessive



54. Gianluca in data 01/03/2016, 17:31:54

http://www.unesco.it/cni/index.php/siti-italiani
Questo è il link dove vedere e accertarsi che L'Italia è la nazione con il maggior numero di siti patrimonio artistico naturalistico, ma attenzione, dice "siti" che ad esempio significa : Venezia e la sua intera laguna oppure Centro storico di Roma città che vuol dire mille cose...quindi se andiamo a vedere anche solo in uno di questi due "insiemi" troveremo più e più monumenti, angoli e antichita' che alzano sicuramente di tantissimo il numero di bellezze che fanno parte del patrimonio artistico MONDIALE!!!!
Gianluca Deponti



55. Andrea in data 11/03/2016, 16:21:43

Facciamo così: Italia intera UN UNICO patrimonio dell'umanità.
Scendiamo all'ultimo posto della classifica insieme al MOZAMBICO.



56. Sinzen in data 02/04/2016, 10:56:48

Sono arrivato in questa pagina per capire cosa c'è di vero in questo luogo comune ma la semplicità con la quale l'autore di questo post fa coincidere i siti culturali UNESCO con il patrimonio artistico mondiale è sconcertante... Un articolo che non dice nulla, e soprattutto non dimostra nulla (un sito potrebbe contenere una quantità, se così si può dire, di arte 100 volte superiore ad un altro). Giusto per fare un esempio, un sito Unesco in Italia è il "Centro storico di Roma, le proprietà extraterritoriali della Santa Sede nella città e la Basilica di San Paolo fuori le mura". Un sito della Corea è il santuario di Jongmyo. Ora, il sito coreano sarà pure bello, e certamente l'arte non si può misurare a kili, metri, o numero di pezzi, però... con tutta la buona volontà, non si può dire che la quantità di arte nel centro storico di Roma sia la stessa di quella del santuario.



57. christian in data 03/04/2016, 12:24:04

Buongiorno a tutti mi chiamo Christian e vivo lavoro a Venezia. Fin dalla età di 17 anni ho voluto provare lavori che mi portassero in giro per il nostro paese per potere scoprire cultura e radici di quello che ora posso dire che è un paese veramente unico e a volte sottovalutato da noi tutti in primi. Non potendo e volendo scoprirlo da turista , mi sono lanciato in lavori vari e umili che mi hanno fatto respirare con le persone anziane la vera parte sana e incredibile della nostra variegata e complessa natura culturale .il nostro patrimonio lo respiriamo in ogni cosa che ci circonda.secondo me questo , che io chiamo minestrone ma altro non è che un enorme incbatore ci ha permesso di nascere e crescere convivenndo con arte cultura bellezza e tanto altro che ci rende un popolo veramente unico.non si può scendere a percentuali su tutto è ingiusto ed inutile.in paesini minuscoli sparsi per tutta Italia c è più storia ed opere d arte che nei musei più conosciuti di mezzo mondo.potrei fare un elenco infinito di quello che ho visto anche alla estero ma sarebbe inutile.es. bovine ernia ritrovato quadro di Giotto appoggiato al altare senza protezione.....l ho (senza saperlo) guardato riguardato ed aveva qualcosa di affascinante ..nessuno sapeva che era del Giotto. .... mura poligonali più grandi e ben conservate al mondo.....Alatri museo nazionale di jakarda sezione monete....qui abbiamo la numismatica del mondo un ogni negozio....Venezia le zecche...le più belle monete mai coniate al mondo antico (lavorato 80% Dell oro nel mondo alla epoca) e tantissimo altro dalle costruzioni ai dipinti scritture e tutto il resto comprese le varie scienze attuali l Italia è un paese che merita il massimo rispetto . Non è nazionalismo semplicemente la realtà. In altri paesi riescono ad evidenziare quel poco che hanno ereditato(da noi) ...io ora ho 42 anni e continuo a scoprire ancora tantissimo.....siamo un bel paese un augurio a tutti io sono semplicemente un muratore titolare della mia impresa di restauri e ora mi trasferisco all estero portando con me la mia bellissima cultura
Ciao christian



58. michele in data 21/06/2016, 11:10:51

Io so solo che nel mio paese che è Nardò in provincia di Lecce di soli trentamila abitanti tracciando un cerchio immaginario con fulcro la guglia dell'Immacolata del '600 e raggio 100 metri troviamo undici chiese databili a partire dal 800 d.C. fino al 1600 d.C tutte farcite di opere d'arte di medesima data con stile che varia dal romanico al barocco...Forse tutta Berlino non arriva a competere con noi.Senza contare poi Lecce Galatina Otranto e territorio limitrofo dove risiedono tra le altre cose,in piena campagna, almeno trenta cripte sotterranee con affreschi databili intorno al 1300.Insomma nel raggio di 60km troviamo più chiese antiche,con relative opere d'arte che in tutta la Francia.



59. Pao in data 28/07/2016, 07:42:51

Anche io non credo che il 50% dei beni artistici mondiali sia in Italia, ma neanche il 5, mi sembra un po' poco, ma la mia valutazione è che paragonare il Colosseo alla statua della libertà, mi fa sorridere abbastanza. Però sono valutazioni personali chiaramente. Se dobbiamo usare l'UNESCO come riferimento, ricordiamoci che uno solo di questi patrimoni è l'intero centro storico di Roma, uno è il centro storico di Firenze e un altro è l'intera Venezia. Leggendoli ci si accorge che dei nostri, ad oggi, 51 patrimoni, 8 sono intere città! A me pare che, l'unica nazione con la quale ce la possiamo battere, sia la Spagna, che effettivamente ho girato in lungo e in largo ed è veramente eccezionale. Direi un incanto di monumenti, bellezze artistiche e naturali!



60. Cippo in data 06/08/2016, 09:32:18

La tipica palla Berlusconiana del millemila qua millemila la...



61. Angelo in data 07/08/2016, 22:13:40

La mia professione di fotografo d'arte e turismo mi ha portato nella vita a girare per oltre un centinaio di paesi in tutti i continenti (prima per turismo, poi appunto per lavoro).
Sulla quantità e la percentuale di arte nel mondo ne ho sentite davvero tante. Io personalmente ogni volta che mi viene chiesto nelle scuole di quantificare quanta ne ha l'Italia, rispondo semplicemente..."tanta".
Se però si vuole fare il gioco delle percentuali ( cosa agghiacciante) certamente non si va su cifre come il 70/80%, ma certamente nemmeno al 5/6%.
Bisogna tenere conto che i siti Unesco non sono certamente da prendere in considerazione, anche perchè la stessa unesco lo conferma nelle sue pubblicazioni. Ad esempio a Firenze, nei sotteranei degli Uffizi e degli altri musei cittadini sono accatastate e nascoste oltre 17.500 opere artistiche (tra le quali dipinti e sculture di Michelangelo, Caravaggio, Andrea Del Sarto, Il Perugino, Filippo Lippi e molti altri). Solo questo patrimonio "nascosto" di Firenze è superiore per importanza al patrimonio "esposto" di tutta la costa orientale degli Stati Uniti.
Un po' di tempo fa' alcuni studiosi d'arte si divertirono a valutare il ranking storico artistico mondiale il più scentificamente possibile cercando di tenere conto sia della quantità sia dell'importanza di tutte le opere pittoriche scultoree, architettoniche e storico archeologiche esistenti, l'Italia ne risultò il primo paese con un potenziale di circa il 37%. Per quanto queste classifiche possano essere soggettive (...valutare l'importanza!!?) o imprecise, questo calcolo da comunque una vaga idea di quanto questa percentuale sia immensa, parliamo di oltre un terzo del patrimonio artistico mondiale contenuto in un minuscolo paese quale è il nostro, tenuto anche conto che dietro di noi ne risultarono paesi come la Francia e la Spagna con percentuali intorno al 6/8%. Valutazioni superiori però non le terrei in considerazione anchè perchè oltre agli altri paesi occidentali( Europa e USA) esistono paesi come l'India, Il Messico, la Cina, l'Egitto, l'Iran, la Tailandia, la Birmania(myanmar) e il perù che hanno un bellissimo apparato archeologico di tutto riguardo.
La cosa però da dire alla fine di tutto questo è che se si inizia a guardare l'arte in termini di percentuali, quantità o peggio ancora cifre economiche...beh forse è arrivato il momento di capire se davvero comprendiamo ancora il termine di ARTE.



62. PRP. in data 26/09/2016, 06:25:31

QUANTO POTREBBE ESSERE IL VALORE DEI BENI CULTURALI ITALIANI? NON PUO DARSI CHE SER CALCOLATO ANCHE PRUDENZIALMENTE POSSA RISULTARE CHE SIA SUPERIORE AL VALORE DEL NOSTRO INTERO DEBITO PUBBLICO?



63. Adriano in data 18/10/2016, 23:48:52

Che siamo il paese più ricco di opere d'arte, è indubbio.
Il patrimonio storico é un terzo di quello mondiale, se si parla delle opere dall'antichità fino al rinascmento, considerando il numero ed il loro valore culturale e artistico. Un distacco enorme rispetto a chi ci insegue, la Cina e la Francia!

Europa 61% (Italia 30, Francia 11, Spagna 7, Grecia 3, Gran Bretagna 2, Russia 2, ...)
Asia 27% (Cina 11, India 7, Turchia 2, Tailandia 2. ...)
Africa 7% (Egitto 4)
America 5% (Messico 2)
Oceania 0....% (trascurabile rispetto agli altri continenti)

Valori consolidati e inconfutabili.

Il problema è che perdiamo quote se si tiene conto dei periodi artistici seguenti, pensate all'arte moderna e contemporanea, alle opere architettoniche di recente costruzione, alle nuove arti, quali il cinema (dove ci difendiamo bene, siamo quarti), o ad altri patrimoni culturali, quali la musica, la cucina, ecc.
La globalizzazione affievolisce le differenze.

Se si va dall'antichità ai nostri giorni siamo ancora primi col 24% davanti alla Cina 14% ed alla Francia al 10% che sta per essere raggiunta dagli Stati Uniti.



64. Angelo in data 20/10/2016, 14:32:27

Il problema di fondo dell'articolo iniziale è che hanno creduto che l'UNESCO e i siti che custodisce abbiano a che fare con l' arte, mentre questa associazione che fa parte dell'ONU è stata istituita per proteggere dalle guerre e dal tempo i siti di importanza SCIENTIFICA E STORICA dell'umanità. Infatti più di metà dei siti UNESCO sono parchi naturali o scientifici e l'altra metà ha a che fare con la storia dei popoli e solo per caso alcuni di questi coincidono con siti artistici o con l'arte. Non ci sono protetti ne musei d'arte ne monumenti artistici importanti, ma solo edifici (es. il taj mahal)o aree come il centro storico di Firenze o di Pisa ( il centro e non il Duomo o la torre)che sono stati importanti a livello storico. Ripeto, l'UNESCO non ha nulla a che fare con l'arte in maniera diretta ma solo indirettamente e mi stupisce che un sito che si chiama finestre sull'arte che dovrebbe essere seguito da gente che si intende di arte prenda una cantonata del genere.
A proposito, tanto per farvi un idea di come purtroppo è messo gran parte del resto del mondo, lo sapevate che esclusa l'area egiziana e mediterranea in tutto il resto dell'africa ci sono solo 9 musei d'arte di cui solo due sono importanti a livello internazionale (relativamente). La provincia di Aosta possiede più arte di tutta l'Africa (esclusa l'area già citata) e che in tutta la Russia, un area grande più dell unione europea, se escludiamo Mosca e Sanpietroburgo siamo a livello zero. Purtroppo il problema è che quattro quinti del mondo non ha prodotto quasi per nulla arte e quel poco che hanno creato è stato saccheggiato dalle potenze coloniali o acquistato dall' occidente o da ricchi personaggi che via via li hanno portati nei loro musei.



65. Vincenzo in data 02/12/2016, 12:07:53

bisogna dire anche che tanti musei nel mondo,contengono beni di nostra
proprieta',provenienti dall'italia o addirittura rubati alla nostra nazione (come il British Museum di Londra).




66. Angelo in data 14/12/2016, 13:51:08

Per carità la Cina è un paese dalla storia antica.. ma ha quasi tutti i monumenti che risalgono al tardo medioevo o inizio era moderna ( dopo la scoperta dell'America )
La casa dove io sono nato ha 700 anni. Più vecchia del 90% delle costruzioni antiche cinesi catalogate come monumenti..
Non è un monumento nazionale e nemmeno un monumento .. per me è una casa di pietra con tutti gli infissi rifatti e se permettete più carina delle più antiche piccole pagode in Cina.. quattro mura con il tipico tetto cinese e niente altro..




67. Claudio Olivieri in data 04/01/2017, 00:29:05

La tesi sostenuta da Federico D. Giannini che prende come riferimento i siti dell'Unesco è ridicola e demenziale, illogica e degna di una persona di scarsa cultura. Faccio un solo esempio. Il centro storico di Roma, il più grande del mondo, vale nel suo insieme un solo sito UNESCO. Pantheon, Colosseo, S. Pietro con tutto il Vaticano, le 300 chiese del centro e decine di migliaia di opere d'arte sono catalogate come un unico sito UNESCO quando in realtà valgono più delle opere di intere nazioni o addirittura continenti. Quindi il sig. Giannini si documenti prima di fare ragionamenti risibili e dire baggianate.



68. Claudio Olivieri in data 04/01/2017, 00:33:41

La tesi sostenuta da Federico D. Giannini che prende come riferimento i siti dell'Unesco è ridicola e demenziale, illogica e degna di una persona di scarsa cultura. Faccio un solo esempio. Il centro storico di Roma, il più grande del mondo, vale nel suo insieme un solo sito UNESCO. Pantheon, Colosseo, S. Pietro con tutto il Vaticano, le 300 chiese del centro e decine di migliaia di opere d'arte sono catalogate come un unico sito UNESCO quando in realtà valgono più delle opere di intere nazioni o addirittura continenti. Quindi il sig. Giannini si documenti prima di fare ragionamenti risibili e dire baggianate.



69. akirod in data 16/03/2017, 16:13:34

Interessante, ed eloquente, non solo lo sproloquio del sig. Federico Giannini nel suo articolo (e commenti positivi di suoi supporters), ma proprio la spudoratezza con cui il "giornalista" costruisce la sua struttura spacciandola per probante; una manovra che pare trasparente per la mente beota di certi commentatori che vedo qui...

Allora, facciamone una analisi logica, strutturale!
Giannini inizia qualificando "incredibile favola" il fatto del 50% mondiale di arti in Italia... e uno si aspetta speranzoso la BASE per questo drastico giudizio.
Lui ci esorta, dopo, a "concentriamoci sulla balzana idea di quel “50% del patrimonio”.
Molto bene. Si attende quindi il Centro delle sue CONFUTAZIONI in merito.
E il Giannini cosa ci dà invece..?

Intanto, è utile sottolineare che il Giannini premette che tale 50% dichiarato "non è solo strampalato ma è anche dannoso perché produce un becero quanto inutile nazionalismo che non porta da nessuna parte"-.
Siamo alla terza sparata ("strampalato") senza giustificazioni, e aggiunge pure che sarebbe dannoso in quanto produrrebbe Nazionalismo. (Sì, forse in certe menti MALATE, ma nelle altre "forse", caro Giannini, sarebbe nè più né meno che un DATO VERO, se vero fosse).

Ma alla fine, lui ammette di NON AVERE UNA BASE UTILE per le proprie sparate. Afferma di nn sapere "in quale bizzarro modo" si possano contare le opere artistiche, evidentemente perché il tapino Giannini è privo di calcolatrice tascabile, con cui si possono semplicemente addizionare gli elenchi numerati dei musei e delle opere d'arte registrati in luoghi analoghi dei vari paesi (rintracciabili via web pure), e pigiare infine il tasto ENTER.
No, per lui e per i suoi fans questo calcolo sarebbe "bizzarro"..
Meglio quindi sostituirlo con TUTT'ALTRO: i siti UNESCO, Patrimoni artistici dell'Umanità.... Che ovviamente (ma non per lui & fans) sono cosa diversa, potendone uno contenere 20 di opere, mentre altro magari 2000...
Ma roba da matti...

Non contento, forte della stupidità media del lettore medio, trionfalmente, dopo tali scorrettezze, conclude facendo finta che le due cose NON siano diverse: "È vero che l’Italia è il paese che ha il maggior numero di siti riconosciuti dall’UNESCO, ma di qui ad affermare che ne possegga la metà, la strada è ben lunga."
Cerca furbescamente, cioè, di sostituire il conteggio "mirato" inizialmente con quest'altro ultimo...
Che bellezza... che ipocrisia...

Non contento, ha la spudoratezza finale di scagliarsi (dico... LUI !) contro "la solita retorica" e la "disinformazione".... ahahaha

Poi, insiste a non testare (in modo logico e pertinente) la veridicità di "quelle affermazioni", e ne denuncia invece la caratteristica di essere dannose e "controproducenti". Così... a priori... Transcendendo il conteggio effettivo.. Alienandosene..
Bell'articolo per primati dalle braccia lunghe. Che si spulciano sui rami.

Il Grand Louvre, per fare un esempio, è più grande di ogni nostro museo forse e "fa scena", ma il numero totale delle nostre opere artistiche - tra le quali dobbiamo mettere quelle, numerosissime, che vengono tenute in magazzino e mai, o quasi mai, mostrate - è enormemente superiore a quelle della Francia, nonostante i ladrocinii storici cu siamo stati fatti oggetto da Spagnoli, Francesi, Tedeschi, Austriaci nei secoli.
Il nostro patrimonio è meno concentrato, e molto più diviso in tanti luoghi.
Comunque, uno sguardo agli elenchi del Nuovo Museo Egizio di Torino (2° al mondo per reperti egizi= 50 mila opere) e al Museo del Tesoro di San Gennaro (27.610 opere) dà pure una certa idea di quantità di "concentrazione", idea davvero sì "bizzarra" sulla quale si è fissato il cervello del Giannini.
Gli esperti, oltretutto, stimano quest'ultimo come più ricco ancora del Museo della Corona di Inghilterra della Regina Elisabetta e del Museo degli Zar di Russia ( https://it.wikipedia.org/wiki/Museo_del_tesoro_di_San_Gennaro).
Per dare l'idea di un confronto riguardo i dipinti: https://it.wikipedia.org/wiki/Categoria:Dipinti_nel_Louvre

Una attenta lettura qui (http://www.affaritaliani.it/culturaspettacoli/patrimonio_artistico_italiano120509.html?refresh_ce) dà l'idea di certi numeri interessanti. Ma dice anche quanto sia poco valorizzato il nostro patrimonio, ad opera di politici dementi quanto certi giornalisti.
La conoscenza di esso, invece, non è certo dannosa o nazionalistica, ma casomai obbiettiva e fruttuosa. SEMPRE un dato, se vero o ragionevolmente/probabilisticamente veritiero, va accettato e sostenuto SENZA PREGIUDIZI, di nazionalismo o di altro. La via logica, corretta, scientifica, obbiettiva è seguire i dati fin dove ti portano, e non di negarne la verità se per caso PER IL TUO CERVELLO ti porterebbero in una direzione sgradita.

Giannini... curati.



70. Leandro in data 08/05/2017, 06:25:46

È inugile e stupido stare a parlare di percentuali difficilmente quantificabili. Ma balzana e altrettanto stupida è l'iniziativa di contare i siti UNESCO per definire il grado di artisticità di un paese. L'italia ha molti siti UNESCO ma oltre questi ha una quantità sterminata di altri siti e opere che credo sia realmente impossibile quantificare e dicbiarare i feriori ai siti della stessa UNESCO. Per cui se appare anomala lavoglia di enumerare percentuali appare veramente assurda la posizione di attribuire meriti su di una lista striminzita di 700 siti in tutto il mondo. San Pietro a Roma, da sola, ne conta di più. Per cui, astenetevi da certi assurdi voli pindarici.



71. Renato Armandola in data 09/06/2017, 13:55:18

Guardi, anni fa mi avevano detto la stessa cosa e anche a me sembrava assurda. Poi ho letto io stesso sul sito dell'Unesco circa 15 anni fa (purtroppo non mi sono segnato il link e non riesco a ritrovarlo) che in Italia c'è circa il 60% del valore artistico del mondo. Badi bene, valore artistico. Ovvero se si volesse mettere in vendita San Pietro, il Duomo di Milano, la Loggia dei Normanni, l'Ultima Cena di Leonardo, il David di Michelangelo, ecc... il prezzo cumulativo di tutti i beni artistici presenti sul territorio nazionale equivalerebbe al 60% del valore totale del nostro pianeta. Il che non vuol dire affatto che ci sia il 50% del patrimonio artistico mondiale inteso in senso di quantità. Non so bene come abbiano fatto a calcolare il valore di ciascuna opera d'arte, però le assicuro che l'ho letto



72. Massimo in data 10/06/2017, 17:37:13

Chiedo scusa per la mia ignoranza in materia perché anch'io ho creduto a queste percentuali diffuse dai media.
Chiedo una chiarificazione, io credevo che i siti Patrimonio dell'Umanità fossero una cosa e le opere d'arte, in questo caso patrimonio della nazione che li detiene, fossero da conteggiare a se.
Mi avvalorava l'ipotesi il fatto che i siti sono opere d'arte, ma in pratica sono costruzioni, mentre le opere d'arte possono essere, un quadro, una statua ecc.
Per questo è facile per gli ignoranti come me credere che l'Italia abbia il 50% delle opere d'arte, con le centinaia di migliaia di quadri che abbiamo, forse anche milioni, tutte le statue e tutte le costruzioni non contemplate dall'UNESCO, prende corpo l'ipotesi di quella percentuale.
Grazie
Massimo Ghilarducci Viareggio 339 4305429 ghilarduccimassimo@gmail.com




73. Alessandro in data 08/07/2017, 00:31:22

Mi limito a dire soltanto che da certi soggetti esce sempre quella tipica italianità che li rende i migliori del mondo !!! Oltre a loro ed loro nulla esiste o conta di più 😊 Lasciamo perdere, Egitto, Persiani, impero cinese che esisteva in un tempo in cui nel vecchio continente giravano magari solo le pecore !!! Ammiro molto questo articolo ed anche l'autore. Per parlare e paragonare alle volte bisogna prima vedere, toccare, studiare anche quello degli altri e non solo i propri... altrimenti è una strada a senso unico ......saluti !!!



74. Luca in data 12/07/2017, 07:31:17

alert('bel sito')



75. castore in data 12/10/2017, 01:39:39

ho studiato storia dell'arte, ho visitato tutte le regioni italiane (mi manca no le marche) e i paesi dell'area mediterranea culla della nostra civiltà, del resto del mondo ho imparato leggendo, tramite testimonianze dirette e dalla (tanto vituperata) televisione e ne ho dedotto che tutto il mondo è un bellissimo puzzle(pasol). manca però la testa degli uomini, allora cosa ce ne facciamo di duemilacinquecento anni di filosofia? vedo coloro che tornano da viaggi esotici tali eguali aprima....vabbè, poi penso che non sia importante contare i quadri che siano esposti o meno, guardiamo invece al cuore delle persone.
volutamente fuori tema.
cordialità




76. Vittorio in data 05/11/2017, 11:36:20

Basta cercare i siti degli USA per capire che il sistema usato per valutare la cosiddetta balla è un'altra balla...
di 22 siti USA la stragrande maggioranza sono siti naturali... come patrimonio culturale si intende qualcosa creato dall'uomo, es: La cappella Sistina.
A questo proposito basta entrare nei musei Vaticani, un esempio a caso, per capire che è difficile trovare in altri stati altrettanto, soprattutto se non sono manufatti saccheggiati all'Italia...
Poi sono il primo a dire che viviamo in un paese in decadenza, ma questa decadenza non è, per fortuna, retroattiva.
Vittorio




77. Vincenzo in data 12/01/2018, 13:26:01

Nell'articolo si parla del patrimonio artistico detenuto in Italia , non di quello prodotto, per cui le opere
prodotte da artisti italiani e detenute in altri paesi o realizzate direttamente in loco, non devono essere prese in considerazione.



78. Rosanna in data 12/01/2018, 20:22:12

tutte le statistiche dipendono dal criterio usato, per esempio il fatto che lei abbia scelto di usare come termine di paragone i siti patrimonio dell’umanità non significa che sia il criterio migliore o il più utile e comunque, errori statistici a parte, anche lei vorrà riconoscere che la piccola, geograficamente, Italia ha comunque più siti di ogni altro paese



79. Dr. Klaus Keller in data 26/01/2018, 16:55:29

Sono stato sempre perplesso quando ho sentito questo mito di 50%, anzi 70% patrimonio culturale in Italia. Secondo me nè le piramidi, nè Taj Mahal, ne il grande Muro cinese stanno in Italia, nemmene il tempio di Parthenon, Versailles, Sanssouci, Belvedere a Vienna, Alhambra, la mosquita di Cordoba, Hagia Sophia, i duomi d'Aachen (Aquisgrana) o Speyer, i centri storici di Toledo, Praga o Brügge. C'è Machu piccu, Wat Angkor, Kyoto, l'isola dei musei a Berlino, Stonehenge, gli idoli neolitici di "Venere" a Willendorf e Schwäbische Alb... ecc. ecc. Si deve anche ripensare che nell'Italia il turismo ha un vantaggio di più di un secolo, mentre in Africa o Iraque, Iran si comincia solo adesso di scoprire il patrimonio culturale. Siccome è da aspettare che il percentuale per l'Italia si riduce a sotto 5%. La favola di 50% o 70% è ridicolo e un risultato dell'incapicità di comprendere il calcolo elementare del percentuale. E naturalmente molto gradevole per lo sciovinismo italiano che si aumenta ogni anno di dominanza di Berlusconi!




80. lisa in data 10/03/2018, 16:04:05

Non vi innervosite davanti al capzioso articolo del Giannini: andate oltre...
I commenti dei lettori - di seguito - restituiscono all'Italia numeri e dignità che merita!



81. Andrea in data 24/03/2018, 03:37:20

Il criterio adottato dall'autore del pezzo è senza dubbio fuorviante ed è palese che l'Italia possiede un patrimonio artistico immenso, stratificato nel tempo e concentrato in un territorio minuscolo se messo a paragone con quello di altre nazioni. Tuttavia i molti commenti sdegnati che ho letto considerano la questione della quantità più o meno elevata di opere che si può celare dietro un singolo sito UNESCO solo in relazione all'Italia. Dimenticano forse che lo stesso può dirsi anche dei siti di qualunque altra nazione del mondo. Qui tutti decantano la densità impressionante di chiese attestata nella propria provincia senza domandarsi se per caso città come Kyoto, Pechino, Instabul o Varanasi non contemplino un altrettanto considerevole tasso di presenze artistiche. La sola Cappadocia vanta un'infinità di inestimabili siti in un territorio assai circoscritto, la Corea è disseminata di tumuli risalenti all'epoca del tardo impero romano, per non parlare della Grecia, dell'India o della Cina, che davvero non hanno nulla da invidiare alle vestigia della nostra cultura. E qui si passerà forse all'argomento della qualità dei nostri monumenti e documenti artistici: più antichi, più importanti, più belli, più variegati di ogni altro paese. Quanto ad antichità, tutta l'area mediorientale ovviamente ci batte senza possibilità di appello di parecchi secoli se non millenni e le piramidi di Giza saranno solo tre o i resti di Hattusas un cumulo di macerie, ma hanno un'importanza di gran lunga superiore a quella di tutte le pale d'altare conservate nelle nostre chiese. Quanto a bellezza credo che Isfahan, Teotihuacan o i castelli della Loira non se la passino proprio male e che possano rivaleggiare con le nostre altrettanto stupende architetture. Ma un altro punto bisognerebbe considerare prima di sparare a zero: e la cultura del Novecento dove la mettiamo? L'Italia mi spiace dirlo non regge proprio il confronto in questo caso, tutto ciò che di fondamentale succede nel mondo dell'arte del ventesimo secolo vede l'Italia in una posizione di secondo piano. Per un novecentista il nostro sarebbe un paese davvero povero di interesse o comunque debitore di apporti provenienti dall'estero (Stati Uniti e altri paesi europei). Tutto questo non per denigrare l'eccellenza delle opere che l'ingegno e la fantasia del nostro popolo meraviglioso hanno saputo plasmare, ma per riconoscere che tali capacità sono prerogativa dell'essere umano in quanto tale e hanno dato vita ad una ricchezza straordinaria di esiti in tutto il mondo, anche se ovviamente più o meno felici a seconda delle variabili storiche.



82. Gianluca P in data 12/04/2018, 00:41:05

Al solito i commenti sono di spunto nazionalistico. In quante citta' della Grecia basta scavare 3 metri, come e piu' che in Italia, per trovare anfore, resti di 25 o 28 secoli fa. Quanti "monumenti" ci sono in Egitto? Quanti in Mesopotamia e nel vicino Oriente? L'impero Romano si estendeva alla buona parte dell'Europa occidentale, ai Balcani, al Medio Oriente e al Nord Africa. In quante di queste parti di mondo ci sono concentrazioni di testimonianze artistiche Romane simili a quelle Italiane? In tante. E ci puo' continuare parlando del medioevo e dell'eta' moderna. Ci sono tantissime citta' italiane ripiene di palazzi e monumenti, ma cosi' ce ne sono tantissime in Francia, Spagna, Inghilterra, Germania, Olanda, Belgio, eccetera. Ma avete mai messo piede in Turchia? O nel vicino Oriente? Per secoli il califfato prima Omayyade e poi Abbaside era il faro culturale mondiale, lasciando testimonianze monumentali impareggiabili dalla Spagna alle steppe centroasiatiche, fino ai confini dell'India. E si puo' andare avanti con le culture pluri-millenarie dell'India e della Cina, e cosi' via. L'idea che l'Italia abbia il 50% del patrimonio artistico mondiale e' una follia, comunque questo sia definito. E' un paese importante, forse anche il piu' importante al mondo tutto considerato. Ma si parla forse del 5% forse del 6%, forse del 10% se si stirano le definizioni. Trovo anche interessante come molti critici dell'articolo parlino di "opinioni". Quando si danno numeri non si tratta di opinioni.



83. Max in data 19/04/2018, 17:01:43

La scelta dei siti Unesco per confutare le affermazioni sul patrimonio artistico e o culturale è sbagliata e facilmente confutabile. Al di là delle percentuali opinabili è assolutamente inoppugnabile che l'Italia sia la più ricca al mondo per lo straordinario insieme di storia, arte e cultura. Senza parlare del clima e dei paesaggi, dei prodotti e della cucina. Del resto ci viene riconosciuto da tutti. E basta andare un po all'estero per capirlo. Quindi, polemica inutile. Perché invece non impiegare energie per valorizzare al meglio questa straordinaria ricchezza?



84. davide in data 15/05/2018, 12:14:55

Buongiorno
sono d'accordo con le con il confutare questa assurdità del 50% ma prendere i siti UNESCO che mappano la qualità dei siti e non la quantità è fuorviante. Possiamo dire che il 6% dei nostri siti è ritenuto dall'UNESCO di grande qualità ma non che l'Italia non abbia una percentuale elevata di siti non mappati.
Bisognerebbe trovare altri parametri



85. tiziano12 in data 15/05/2018, 15:17:09

Sono stato a Pechino e sono rimasto deluso perché si può visitare la città, immensa, dal punto di vista artistico in una giornata.. di cui la metà dentro la città proibita.
La muraglia cinese anche se imponente è una delusione perché di antico la parte visitabile non ha proprio niente ( tutta rifatta ).
Non ci sono tante pagode e monumenti di interesse artistico.. l'edificio più vecchio di tutta la Cina risale al VIII A.D. e mi ha deluso ancora più della muraglia cinese.
Shangai ha una via storica con case di legno di 200-300 anni.. ed un giardino tipico cinese del medioevo.. e niente altro.
Le citta STORICHE ( qualche decina in tutta la Cina ) con semplici case di 400-500 anni elencate nelle loro guide turistiche.. sono da paragonare ad un qualsiasi centro storico di un qualsiasi paese della pianura padana che non viene visitato da nessuno.
Sono stato in India e non è piena di palazzi e templi antichi di interesse artistico.
Se la discriminante di un edificio artistico è l'età... diciamo dal 1500 in giù... solo a Roma ci sono più edifici storici di tutta l'Asia messa insieme.
La Chiesa del mio paese è del 1565... a nessuno passa per la mente di includerla in qualche itinerario turistico.. come capita per gli edifici "corrispondenti" in Cina.
Paragonare la scultura degli Indiani con le opere degli Italiani richiede un notevole sforzo.



86. Costantino Rover in data 12/08/2018, 00:31:13

Che differenza c’è tra siti riconosciuti dall’UNESCO e le opere contenute in una pinacoteca che non si trova in una sito UNESCO?

Perché iniziate l’articolo convinti di parlare di beni culturali e poi finite per contare solo i siti UNESCO?



87. Costantino Rover in data 18/08/2018, 09:57:30

Quindi per esempio Venezia e Volterra, che non sono patrimonio dell’UNESCO, non le contiamo.
Giusto?



88. Attilio in data 04/11/2018, 18:32:51

Che dire!! Classico del radical chic di sinistra disfattista!! Parliamo di Dante Aligheri? Di Leonardo da Vinci? Di Caravaggio? Non erano forse Italiani? Vogliamo paragonare Londra o Parigi o peggio New York a Roma o Firenze? L'arte è un insieme di cose che vanno ben oltre l'unesco! L'Italia è la culla maggiore mondiale dell'arte e solo un disfattista può negarlo.



89. Fabio D'Ostilio in data 14/01/2019, 09:44:30

Concordo con Francesco Rolli. Forse non nel 75%, ma sicuramente tra il 50-60%.

Faccio un esempio:
Io sono abruzzese, in Abruzzo non c'è NESSUN sito riconosciuto dall'UNESCO. Eppure possiamo dire che l'Abruzzo è priva di siti di interesse culturale? NE E' PIENA!

Fatevi un giro per la provincia dell'Aquila ad esempio. Pieno di castelli e chiese medievali, con all'interno pitture di pregevole valore. C'è anche un teatro e anfiteatro Romano. Anche nelle altre province e in ogni paesello si trovano chiese castelli e quant'altro.

e come l'Abruzzo anche tutte le altre regioni italiane sono piene di queste meraviglie non ancora riconosciute dall'UNESCO.

Anch'io ho visto una fetta di mondo. e posso ssicurare che la stima del 50% è una stima cautelativa.



90. Luca Giovanni Farinella in data 26/01/2019, 22:20:05

Questo articolo è assolutamente privo di senso: il patrimonio artistico detenuto da uno stato non può essere contato in base a quanti siti tale stato abbia annoverati nel patrimonio UNESCO: basta solo pensare che tutto il centro storico di Firenze è patrimonio UNESCO, quindi per questo articolo esso vale come una singola opera d'arte. Viaggiate di più e fatevi un'idea più precisa di quante opere d'arte sono in Italia e di quante negli altri paesi.



91. Samuele in data 05/02/2019, 11:33:04

Beh da esperienza di 35 anni sulla arte c'è da dire anche una cosa importantissima che qui non ho letto .
ho visitati quasi tutti i.musei mondiali che detengono opere d arte di pittura e scultura . E c'è da dire che non tutti hanno.lo stesso livello di qualità delle opere . È indubbio che i numeri daranno ragione a chi ha scritto l articolo ..ma non sono i numeri che contano in questo settore .ma la qualità .e l Italia piaccia o no ha la maggior concentrazione di qualità di opere d arte nei suoi musei .questo è indubbio. Cioè di artisti che hanno aperto gli orizzonti della storia Dell arte al resto del mondo .piaccia o no così è.




92. Leo in data 14/02/2019, 01:13:15

Come diceva Ventitti ... la matematica non sarà mai il tuo mestiere ... ma quello del cazzaro ti riesce invece bensùissimo ...




93. Claudio Zanetti in data 03/05/2019, 09:59:14

Mi piace ritornare su questo argomento a distanza di anni...
All'Italia per competere con la Francia, tra l'altro il paese più visitato al mondo, non servirebbero Roma, Firenze, Venezia, basterebbero Napoli, Siena e Palermo... In Francia o in altri paesi europei si celebrano città o paesini che spariscono di fronte a Perugia, Anagni, Noto, Ragusa, Sant'Antonio di Ranverso, Ancona, Ascoli, Siracusa, Viterbo, Bassano, Susa... Alla fine non è così fantasiosa la percentuale del 75 o 60 o 40 che sia...



94. Aldo in data 08/06/2019, 17:58:21

Stai dicendo un sacco di inesattezze. L'Italia non ha il 50% ma nemmeno il 6%. Molti dei patrimoni dell'Unesco all'estero sono bellezze naturali, non opera dell'uomo. Quindi si puo' affermare che l'Italia ha certamente un numero elevato di patrimoni artistici, non certo il 6%. LOL



95. Francesco Pennoni in data 10/06/2019, 08:34:54

Figlioli miei.Sembra che tale successo vi irriti e già questo lo trovo discutibile.Cosa vi spaventa?Ma procediamo oltre.Alla luce del vostro rigore scientifico nel valutare i dati, non vedo come possa esservi sfuggito il dato più macroscopico e cioè il discorso dell'estenzione territoriale.Diciamo appunto che in un territorio che è molto limitato(fate voi la proporzione tra l'estensione Italia e quella del mondo )abbiamo una percentuale significativa del patrimonio artistico mondiale.Dunque i dati andrebbero rimodulati alla luce di questa reattività oggettiva.Non me ne vogliate.Infine vorrei proporre che mi elenchiate nazione per nazione,periodo per periodo un opera d'arte,e quando è possibile un pittore ed uno scultore.Propongo questa divisione.Preistoria.Medioevo Rinascimento.Barocco.Neoclassico.Moderno.In quanti stati competono.Suvvia,fate i bravi.Lasciate da parte l'ideologia che poi,in un ambito come il turismo legato all'arte,essere ideologici significa essere a fare le barricate per certe logiche che hanno distrutto il nostro turismo e la nostra arte.



96. Michele Belloni in data 05/08/2019, 00:14:26

Trovo sconcertante l'articolo del signor Federico Giannini!
"...produce un becero quanto inutile nazionalismo…"Ma cosa significa??
A mio avviso nell'articolo e nei commenti che seguono, vengono solamente riportati numeri, numeretti e insignificanti percentuali.
Voi nemmeno vi rendete conto di ciò che state affermando!
Trovatemi un altro paese sulla faccia della terra che possa vantare la nostra storia!
L'impero romano, il quale pur non essendo stato il più grande sia per estensione che per continuità territoriale, è considerato per le sue caratteristiche UNICO nella storia dell'umanità.
Trovatemi un altro paese al mondo che abbia Venezia, Firenze, Roma, il rinascimento!!!
Trovatemi un altro paese al mondo che abbia avuto Dante, Leonardo, Macchiavelli!!!
Trovatemi un altro paese al mondo che abbia generato capolavori assoluti come il David o la Gioconda…
Ma di che cosa state parlando?? I vostri numeri, numeretti e ridicole percentuali NON VALGONO NULLA!!
Per favore cercate di parlare con cognizione di causa quando aprite bocca!!
Magari il prossimo articolo che leggerò avrà come titolo: " Gli Stati Uniti hanno il patrimonio storico, artistico ed architettonico più importante e vasto del pianeta"...
Ma per favore!!



97. Fabio in data 07/08/2019, 11:34:45

Se parliamo di Patrimonio Culturale effettivamente esiste una nazione che ne detiene il 70% e forse più, almeno di quello del mondo occidentale. Tale nazione risponde al nome di Grecia.
E questo è a prova di qualsiasi obiezione nazionalistica e sciovinistica.
Anche la cultura Romana è quasi esclusivamente di matrice greca; come gli Americani d’oggi i Romani hanno costruito un impero comprando i migliori cervelli da tutto il mondo. Perfino la loro religione era d’importazione. Priapo cazzuto è stato l’unico contributo romano alla storia dello Spirito. Tutti gli altri dei - Apollo e Dioniso, Iside e Serapide, Mithra e Gesù - venivano dal mercato internazionale delle fedi (cit.).
Non c’è campo della cultura occidentale moderna che non sia creditrice verso la cultura greca: pensiamo solo alla matematica, al teatro, alla medicina ed alla democrazia; per tacere di Omero (Dante, Virgilio, ne sapete qualcosa?), di Socrate, Aristotele, Platone e di tutta la filosofia greca.
Pensiamo infine a tutte le città che hanno fondato i Greci non solo nell’Italia meridionale (Magna Grecia) ; Alessandro Magno, partito per farsi un giro dell’Asia, ha costruito una dozzina di Alessandrie e non si è fermato prima della valle dell’Indo. E sto parlando di “fondare” città, non conquistarle come i Romani.




98. Gino in data 17/08/2019, 15:51:55

Prendere i siti patrimonio dell'umanità dell'UNESCO come parametro è una vera stupidaggine.



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma