Sulla fastidiosa bufala dei migranti che fanno le guide nei musei al posto degli italiani


Editoriale sulla bufala dei migranti che farebbero le guide museali al Museo Castromediano di Lecce: ecco qual è la notizia vera.

“Sull’odio online contro gli immigrati si potrebbero raccogliere vere e proprie antologie. Fra bufale messe in circolazione ad arte, pagine Facebook di stampo xenofobo e politici irresponsabili che per fare propaganda alimentano quotidianamente una forma di pensiero razzista e intollerante, la rete assurge ancora una volta a piattaforma prediletta per quanti scelgono di sfogare rabbia e frustrazioni contro un obiettivo scelto”. Il brano appena citato è tratto da Far Web, l’ultimo libro di Matteo Grandi, giornalista esperto di social media. Sono parole che descrivono una realtà che, fino a non molto tempo fa, credevamo fosse quanto mai lontana da tutto ciò che avesse a che fare con l’arte e coi musei. I musei sono luoghi di confronto, di scambio, di dialogo, di arricchimento culturale: sembrerebbe ridicolo pensare possano diventare terreno di caccia per razzisti e fanatici del “prima-gli-italiani”. Eppure, tocca constatare che l’intolleranza e la xenofobia sono di fatto molto più vicine di quanto potremmo pensare. Lo ha dimostrato il caso dell’iniziativa del Museo Egizio di Torino rivolta al pubblico di lingua araba. E lo sta dimostrando in queste ore un episodio forse ancor più antipatico, dacché chiama direttamente in causa i migranti ed è stato strumentalizzato per alimentare quello che lo psicologo David Sears ha definito “razzismo simbolico”.

Succede dunque che a Lecce certe parti politiche (e con loro molti cittadini: basta scorrere qualche social) si indignino perché, a detta dei loro rappresentanti, ci sarebbe un museo reo d’impiegare migranti al posto degli italiani nell’ambito di alcuni progetti culturali (e ci sono anche quotidiani che hanno titolato “migranti e rifugiati faranno da ciceroni al museo”). La vicenda ha portato anche a proteste con striscioni, come quello che gli attivisti di CasaPound hanno attaccato a un cancello nei pressi della sede del Museo Sigismondo Castromediano di Lecce, dove è stato presentato il progetto che ha suscitato tanta attenzione mediatica. E ovviamente a commenti indignati di quanti utilizzano le solite, stucchevoli armi retoriche del razzismo simbolico (i migranti che ottengono privilegi pur non avendo meriti, gli italiani che fanno sacrifici per acquisire titoli e si vedono sopravanzare dagli ultimi arrivati, per giunta non qualificati, e ancora i migranti che si procurano lavoro sottraendolo agli italiani, i migranti che vivono meglio degli italiani, e così via) per ottenere l’attenzione di chi, con tutta evidenza, ha scarsa confidenza con l’approfondimento e la ricerca su Google.

Una sala del Museo Castromediano di Lecce
Una sala del Museo Castromediano di Lecce. Ph. Credit Francesco Bini

Particolarmente interessante il post di tale Mario Spagnolo, segretario cittadino di “Noi con Salvini”, che su Facebook scrive, tra le altre cose: “personalmente ho rivolto una preghiera a Santa Elena ed a Gesù riprodotti magnificamente in pietra LECCESE e presenti nella sala allestita a mo’ di moschea, affinché possano illuminare le menti di coloro i quali progettano tali amenità senza dare priorità ai nostri giovani laureati in beni culturali che attendono da due anni di espletare l’esame finale per guida turistica pagando in anticipo le tasse d’iscrizione al corso ed i relativi manuali”.

Ora, chiunque potrebbe pensare: primo, se non ti suona un po’ strano fare, a Lecce, il segretario del movimento di sostegno a un partito che ufficialmente, nello statuto, si chiama ancora “Lega Nord per l’Indipendenza della Padania”. Secondo, se non sai che anche Gesù è stato migrante e rifugiato. Terzo, che la notizia vera, al netto delle bufale artatamente diffuse da intolleranti assortiti, è questa: al summenzionato Museo Sigismondo Castromediano è stato presentato il progetto Musei accoglienti. Il progetto prevede di far diventare i musei civici di Lecce e Brindisi dei presidî di comunità, con un’azione sperimentale destinata ai migranti e ai rifugiati delle province di Lecce e Brindisi che, insieme agli operatori dipendenti del Museo Castromediano di Lecce e del Museo Ribezzo di Brindisi, nonché agli studenti dell’Università del Salento, saranno coinvolti nella co-progettazione di nuovi percorsi di visita all’interno dei musei. L’iniziativa non risulta certo bizzarra a chi sa come si lavora nei musei: i musei civici delle due città pugliesi stanno ridefinendo i loro percorsi e, dal momento che, come leggiamo nella presentazione del progetto, “i musei non posso continuare a essere isole ma devono diventare nodi di un sistema relazionale, [...] aperti, in sintonia con ciò che li circonda, funzionali a un contesto che è cambiato”, e poiché una comunità è formata da diversi soggetti che con le loro differenze arricchiscono la società, si è pensato di coinvolgere rifugiati e migranti (anch’essi parte della comunità locale) nell’operazione. Migranti e rifugiati che, peraltro, saranno adeguatamente formati e, si legge ancora nella presentazione, “preparati anche per diventare ’mediatori’ al patrimonio dei due musei”. Per ottenere queste informazioni è sufficiente collegarsi al sito del Comitato Italiano Rifugiati, dove il progetto è presentato in tutti i dettagli.

Da quanto riportato sopra, è possibile ricavare alcune semplici e banali considerazioni. La prima: non c’è nessun migrante che ruba il lavoro agli italiani, e men che meno ci sono migranti senza qualifica che ottengono un lavoro qualificato al posto degli italiani che hanno sudato per guadagnarselo. Si tratta infatti di un progetto speciale d’inclusione, che vede il museo come luogo d’incontro e presidio di comunità: dal momento che una comunità è composta anche dai migranti, sarebbe stato semmai molto più insensato vederli esclusi dalle operazioni. La seconda: i migranti non faranno le guide, perché le professioni di guida museale e guida turistica in Italia sono subordinate a certe regole che non possono essere scavalcate neppure dai progetti d’inclusione. I migranti, semmai, lavoreranno a fianco degli operatori museali per fare da mediatori, per illustrare il patrimonio leccese e brindisino ad altri migranti, magari appena arrivati e con scarsa dimestichezza con l’italiano. La terza: si tratta di un progetto finanziato con un fondo speciale, quindi ha poco senso chiedere che il denaro destinato al progetto venga utilizzato per assumere personale (le spese per il personale fanno parte delle spese correnti).

Per concludere, l’unica cosa di cui occorrerebbe davvero vergognarsi (oltre agli errori di grammatica e ortografia di quelli che dicono “prima gli italiani”) è il fatto che non sia mai possibile parlare d’integrazione senza che intervenga qualcuno a diffondere notizie strumentali, mezze verità, inutili allarmismi. Sarebbe invece il caso di cominciare a salutare con favore ogni progetto che favorisca l’integrazione dei nuovi arrivati. Sono del resto gli intolleranti stessi i primi a farneticare circa la presunta scarsa propensione all’integrazione da parte dei migranti. Chi meglio di loro dovrebbe dunque attivarsi per far sì che i progetti d’integrazione riescano nel migliore dei modi?



Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, ho fondato Finestre sull'Arte nel 2009 con Ilaria Baratta. Sono nato a Massa nel 1986 e ho ottenuto la laurea specialistica a Pisa nel 2010. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Pippo in data 31/01/2018, 06:45:27

Lei si lamenta dei luoghi comuni di presunti "razzisti"... ma anche lei ne usa e abusa che è un piacere.
Torni a scrivere di arte, Dott. Giannini. Mi creda: lo fa molto meglio e con risultati decisamente sodfisfacenti. Non se ne abbia a male. Ma la politica è una brutta bestia.



2. Paolo in data 31/01/2018, 14:05:33

Al netto della bella storiella senza fondamento del "Gesù migrante" che va tanto di moda, ci sono da sottolineare alcune cose importanti, perchè non si può sempre ideologicamente nascondere ciò che non conviene. Allora in ordine:
1) nel 2015 la Provincia di Lecce licenzia i 29 addetti al welcome, portineria, custodia, front-office del Castromediano. Nonostante diversi tentativi per salvare il posto di lavoro a persone qualificate, non se ne fece nulla.
2) Dal 2013 la Regione Puglia non ha avviato gli esami per l'inserimento negli elenchi delle professioni turistiche. Oltre 9000 persone sono in attesa da anni di capire cosa devono fare della loro professione.
3) Il Castromediano NON HA operatori culturali/guide interne e dipendenti dal Museo stesso o dalla Provincia (vedasi il punto n.1). Di fatto l'affiancamento non può essere effettuato così come espresso nel comunicato
4) La "preparazione" (ammesso che si possa accettare di preparare in un mese una persona che viene da una cultura totalmente diversa) viene effettuata da strutture che non hanno nulla a che vedere con il Museo o le professioni turistiche.
5) L'uso anche di studenti non fa altro che allargare il fronte di sfruttamento del lavoro mascherato da stage/aprendistato/formazione/volontariato.
6) Un'operazione del genere, se è vero quanto riportato, dovrebbe riguardare tutti i soggetti extracomunitari, anche quelli dell'Est. Perchè, quindi, viene avviato solo con persone di determinate etnie e religioni?
6) Qualunque azione della società civile leccese, essendo un Museo Provinciale, è soggetta ad evidenza pubblica. I "migranti" sono gli unici ad essere , quindi, coinvolti nel piano. Altro che "coinvolgimento della società"!
7) I fondi impiegati per la formazione non vengono rilasciati ai migranti, ma a strutture ufficialmente non lucrative, ma di cui, ad oggi, non si riesce a comprendere la ragione sociale.

Questi sono i dati oggettivi. Ognuno può, alla luce di ciò, valutare se è un progetto valido o meno. Per il resto faccio mio quanto riportato da Pippo: scriva di arte, e non la strumentalizzi a scopo politico.



3. Finestre sull'Arte in data 31/01/2018, 15:03:59

Gentile Paolo, per i punti 1 e 3 è ovvio che non ci siano dipendenti della Provincia, dato che le province non esistono più. I 29 addetti di cui lei parla non erano "del Castromediano", ma si trattava di una (brutta, certo) vicenda che riguardava una società esterna che aveva vinto il bando della gestione del museo: si trattava infatti di 29 dipendenti della società. Ci risulta che nel 2016 la Regione Puglia abbia ricollocato presso i musei i dipendenti prima in forza alla provincia (e del resto un museo privo di personale dovrebbe chiudere). E ad ogni modo il progetto riguarda anche i dipendenti del museo di Brindisi.
Sul punto 2 concordiamo con lei, è un fatto increscioso, che però col progetto in questione c'entra poco o niente. Sul punto 4 a quanto ne sappiamo la formazione sarà affidata a società esterne specializzate in progettazione culturale. Non è strano che la formazione nel settore pubblico venga affidata a terzi (lo stesso autore dell'articolo ha ricoperto incarichi di formazione esterna presso scuole pubbliche).
Sul punto 5, occorrerà valutare come verranno coinvolti gli studenti. Come saprà se ci segue, noi siamo contrari a qualunque forma di lavoro mascherato da volontariato. Vigileremo. E si tratta comunque di un punto che esula dal fatto che sia stata diffusa una bufala (lo stesso vale per il punto 7). Quanto al punto 6, si parla di una "prima azione sperimentale destinata ai migranti/rifugiati". Dal momento che si tratta della "prima" azione significa che non sarà l'unica.



4. Paolo in data 31/01/2018, 15:41:03

Sul ricollocamento le risulta male. Sono tutti a casa. Basta fare una semplice ricerca online. Il punto due c'entra eccome, dato che non si può avere affiancamento se mancano affiancatori (vedasi punto 3). Sul punto 4, le società esterne le conosciamo, e nessuna ha i requisiti per potersi definire "ente di formazione". Si tratta di Associazioni di volontariato senza neppure il riconoscimento fiscale. Sul punto 6, se le pare logico che il primo progetto di coinvolgimento riguardi solo "certi" migranti, invece che la società civile, libero di pensarla.



5. Federico D. Giannini in data 01/02/2018, 12:21:12

Lei, Paolo, continua a confondere i 29 dipendenti di Axa con i dipendenti pubblici assegnati al museo, ma ad ogni modo, lei può avere tutte le ragioni del mondo sui punti che ha elencato (e io non entro nel merito come hanno fatto i colleghi che le hanno risposto al commento 3), ma le sfugge che l'articolo intendeva dare nella maniera corretta una notizia presentata da diversi organi di stampa in modo distorto. Punto. Una semplice operazione di debunking. Se poi gli enti cui è affidata la formazione non hanno i requisiti, se sarà lavoro mascherato da volontariato, se i formatori non saranno preparati, sono tutti aspetti importanti ma che non riguardano in alcun modo il fatto che certuni abbiano presentato la notizia come "i migranti faranno le guide nei musei", che è falso. Ciò legge nell'articolo è invece aderente a come il progetto è stato presentato. E quanto al fatto che il progetto riguardi solo certe etnie, o lei è a conoscenza di informazioni riservate, dal momento che in nessuna presentazione è stato fatto cenno a migranti appartenenti a certe etnie o professanti certa fede (basta fare una semplice ricerca online), o è una sua mera supposizione.



6. bgcarla in data 02/02/2018, 14:31:38

OT
Gradirei conoscere il vostro parere circa la decisione della curatrice del Gam di Manchester di rimuovere dalle pareti del museo il quadro Hylas and the Nymhs del pittore inglese J.W. Waterhouse.
E' da considerarsi una strategia di marketing o è da ricondurre alla preoccupante e devastante ideologia del politicamente corretto?
Grazie




7. Marco Marcucci in data 05/02/2018, 13:40:05

Buon articolo. Ottime risposte ben "articolate". O posso condividerlo in FB?



8. Marco Marcucci in data 05/02/2018, 13:42:01

Ottime risposte ben "articolcate". Si può condividere l'articolo?



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Arte antica     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Barocco     Cinquecento     Quattrocento     Firenze     Genova     Roma    

Strumenti utili