Scoperto in Turchia un antico anfiteatro romano: è il Colosseo dell'Anatolia


In Anatolia gli archeologi hanno scoperto un antico anfiteatro romano: una struttura unica paragonabile al Colosseo. 

In Anatolia, vicino alla città turca di Nazili, a Mastaura, gli archeologi dell’Università di Aydin hanno scoperto immerso tra la natura e gli ulivi i resti di un antico anfiteatro romano. Secondo quanto riferito da Mehmet Umut Tuncer, direttore degli affari culturali e turistici della provincia di Aydin, si tratta di una “struttura unica e magnifica” ed è il “terzo anfiteatro conosciuto in Turchia”. Addirittura, secondo il capo archeologo del team Sedat Akkurnaz, sarebbe l’unico anfiteatro conosciuto in un così buono stato di conservazione in Anatolia

L’anfiteatro di Mastaura risalirebbe al 200 d.C. circa, durante la dinastia dei Severi.  Di forma circolare, ha un diametro di circa 100 metri con mura alte circa 15 metri. Per quanto riguarda la capienza, gli archeologi ipotizzano che potesse ospitare tra i 15mila e i 20mila spettatori. Probabilmente costituiva anche un punto di attrazione per le altre città della regione. “Persone dalle città vicine sono venute a Mastaura per vedere i grandi eventi in questo edificio appositamente progettato per spettacoli sanguinosi” ha aggiuto Akkurnaz. Il team ha paragonato il monumento scoperto al Colosseo di Roma. Ora gli archeologi, impegnati nella realizzazione di scansioni in 3D, si augurano di riprendere gli scavi per le indagini geofisiche sull’edificio.

Scoperto in Turchia un antico anfiteatro romano: è il Colosseo dell'Anatolia
Scoperto in Turchia un antico anfiteatro romano: è il Colosseo dell'Anatolia


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma