In Egitto scoperta una tomba riccamente decorata: era di uno scriba reale


L’Istituto Ceco di Egittologia ha scoperto ad Abusir, in Egitto, una tomba riccamente decorata, con un sarcofago anch’esso interamente ornato: apparteneva a Djehutyemhat, scriba reale vissuto verso la metà del I millennio a.C.

Interessante scoperta archeologica nel sito di Abusir, in Egitto, dove un’équipe ceca del Český egyptologický ústav (Istituto Ceco di Egittologia) dell’Università Carolina di Praga ha dato notizia, la scorsa settimana, di aver rinvenuto la tomba di un dignitario reale finora sconosciuta, dell’epoca dell’invasione persiana dell’Egitto (metà del I millennio a.C.). Si tratta di una tomba a pozzo di medie dimensioni, riccamente decorata, il cui proprietario, un certo Djehutyemhat, ricopriva la carica di scriba reale. All’interno della camera sepolcrale, ricoperta da decorazioni a rilievo, è posto un grande sarcofago in pietra, che reca iscrizioni geroglifiche e raffigurazioni degli dèi, sia all’esterno che all’interno. Tutti i testi magico-religiosi menzionati avevano lo scopo di garantire al defunto un ingresso agevole in una vita eterna beata e ben protetta nell’aldilà.

Purtroppo la tomba dello scriba Djehutyemhat è stata scoperta quasi vuota, poiché era stata saccheggiata già nel V secolo d.C. Dall’analisi antropologica dei resti scheletrici, si è scoperto che Djehutyemhat morì in età relativamente giovane (intorno ai 25 anni) e soffriva di grave osteoporosi. Questo fatto potrebbe assegnarlo alla famiglia di altri abitanti del sepolcreto delle tombe a pozzo di Abusir, nei quali è stata parimenti confermata questa malattia. È quindi possibile che la maggior parte dei proprietari delle tombe sepolte in questa parte della necropoli di Abusir appartenessero a una famiglia influente più ampia. Tuttavia, la madre di Djehutyemhat probabilmente proveniva da ambienti completamente diversi e da una parte diversa dell’Egitto a quel tempo. I suoi due nomi possono essere tradotti come “Nubiano” e “Volpe”, mentre quest’ultimo è scritto in una forma insolita, molto probabilmente berbera.

Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia
Tomba di Djehutyemhat. Foto: Istituto Ceco di Egittologia

Il direttore della missione ceca, Miroslav Bárta, ha spiegato che, sebbene la parte superiore della tomba non sia stata trovata intatta, la camera sepolcrale contiene numerose ricche iscrizioni e scene geroglifiche. L’accesso alla camera sepolcrale avviene attraverso un piccolo passaggio orizzontale lungo circa tre metri. Sorprendentemente, all’interno del pozzo che conduce alla tomba, sono stati scoperti numerosi resti di scene che facevano parte delle decorazioni della tomba vicina, che fu costruita per un capo militare dell’epoca chiamato “Menekhibnekau”. Inoltre è stato scoperto che la camera funeraria di Djehutyemhat è ricca di iscrizioni e scene. Sulla parete nord (l’ingresso) si trova una lunga serie di testi religiosi contro i morsi di serpente. È interessante notare che i serpenti menzionati in questi testi magici rappresentavano un potenziale pericolo, ma potevano anche fungere da potenti protettori del defunto e della sua mummia. “Mentre l’ingresso alla vicina camera funeraria di Menechibnekon era protetto dai guardiani delle porte del capitolo 144 del Libro dei Morti, nel caso di Djehutyemhat questo ruolo lo svolgono i serpenti dei Testi delle Piramidi”, ha specificato Renata Landgráfová, direttrice dell’Istituto di Egittologia ed esperto della lingua e dei testi dell’antico Egitto.

Le pareti meridionale e occidentale presentano scene di offerte rituali e un corposo elenco di offerte. Quanto al soffitto della camera sepolcrale, è raffigurato il viaggio del sole nel cielo, prima al mattino e poi alla sera, accompagnato da inni al sole che sorge e tramonta.

La parte superiore del coperchio del sarcofago e i suoi lati più lunghi riportavano vari passaggi del Libro dei Morti, comprese immagini di divinità protettrici, ma anche brani tratti dai ben più antichi Testi delle Piramidi, che ripetono in parte detti che compaiono anche sulle pareti della camera sepolcrale. I lati più corti della copertura mostravano le dee Iside e Nefti, insieme agli incantesimi protettivi per il defunto. Sul fondo della parete interna del coperchio del sarcofago è raffigurata la dea dell’ovest, Imentet, e i suoi lati interni recano i cosiddetti canopi, pronunciati da questa dea e dal dio della terra Geb. Tutti i testi spirituali e rituali menzionati avrebbero dovuto garantire al defunto un ingresso agevole nella vita eterna beata e ben protetta nell’aldilà.

“La tomba del dignitario Djehutyemhat, recentemente scoperta nella concessione archeologica di Abusír, è l’ultimo pezzo di conoscenza nel mosaico della storia dell’antico Egitto alla fine del suo splendore nel periodo tardo, nel VI secolo a.C.”, dice Miroslav Bárta. “Le tombe a pozzo rappresentano un tipo speciale di tombe di quest’epoca. Furono create come specifico tentativo di un rinascimento da parte delle élite dell’antico Egitto e si basano sulla forma della tomba del re Djoser, il fondatore del famoso Antico Regno, l’epoca dei costruttori delle piramidi nel III millennio a.C.”.

Nei prossimi mesi continuerà la documentazione fotografica dettagliata e l’analisi dei reperti e dei testi. La ricerca su questa tomba è stata finanziata dal progetto KREAS e da una sovvenzione speciale del Ministero dell’Istruzione e della Cultura della Repubblica Ceca.

In Egitto scoperta una tomba riccamente decorata: era di uno scriba reale
In Egitto scoperta una tomba riccamente decorata: era di uno scriba reale


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020