Egitto, scoperte giare di 5.000 anni fa, alcune anche con resti di vino


In Egitto lo scavo della tomba della regina Merneit, forse la prima sovrana donna dell’Egitto, vissuta 5.000 anni fa, ha portato alla scoperta di reperti che potrebbero far luce sul suo antichissimo regno. Tra i reperti anche giare ancora chiuse, alcune contenenti resti di vino.

Nuova luce sulla regina egizia Merneit, sovrana appartenente alla prima dinastia (dal 3150 al 2925 a.C.) e tra i più antichi regnanti dell’Egitto. Una spedizione archeologica di Egitto, Germania e Austria, guidata dall’archeologa Christiana Köhler, ha infatti scoperto un’iscrizione e diversi reperti che forniscono nuove informazioni sul regno di Merneit. La spedizione sta lavorando sulla tomba della regina, che si trova nella regione di Umm al-Qaab ad Abydos (nel centro del paese, una delle più antiche città dell’Egitto): Merneit potrebbe essere stata la prima sovrana donna dell’Egitto, anche se non possiamo stabilirlo con certezza.

Tra i reperti sono stati rinvenute numerose giare di vino alcune delle quali contenenti ancora resti di vino dell’epoca, oltre a una collezione di oggetti legati ai riti funerari (accanto al luogo di sepoltura della regina sono state trovate infatti 41 tombe dei suoi dignitari). Il materiale è in buone condizioni di conservazione, nonostante si stia parlando di oggetti di cinquemila anni fa.

Gli scavi, fa sapere il Ministero delle Antichità dell’Egitto in una nota, sono riusciti anche a svelare nuove informazioni storiche sulla vita della regina e sul suo regno, e uno studio delle iscrizioni di una delle targhe presenti all’interno del necropoli ha mostrato che la regina aveva una posizione di grande rilievo in quanto era responsabile degli uffici del governo centrale.

Studi condotti sul cimitero hanno indicato che la tomba della regina Merneit è stata costruita con mattoni grezzi, argilla e tavole di legno, e che la regina potrebbe essere l’unica donna della prima dinastia ad aver avuto una tomba ad Abido.

Egitto, scoperte giare di 5.000 anni fa, alcune anche con resti di vino
Egitto, scoperte giare di 5.000 anni fa, alcune anche con resti di vino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020