Irlanda, scoperto in una palude un raro idolo pagano in legno di 1.600 anni fa


In Irlanda uno scavo per una strada statale porta alla scoperta di un prezioso idolo pagano in legno: sull’isola ne sono noti una dozzina in tutto e questo è il più grande mai ritrovato. È stato ribattezzato “l’idolo di Gortnacrannagh”.

Nelle campagne dell’Irlanda, e per la precisione nel territorio della cittadina di Roscommon (circa cinquemila abitanti nel centro del paese, a 150 km da Dublino), è stato ritrovato un raro idolo pagano in legno, risalente secondo gli esperti a 1.600 anni fa. Il ritrovamento è stato effettuato dalla società Archaeological Management Solutions (AMS), che sta lavorando a uno scavo per la strada di grande comunicazione N5 (omologo di una nostra strada statale), ed è avvenuto in una palude in località Gortnacrannagh, a sei chilometri di distanza dal sito archeologico preistorico di Rathcroghan.

L’idolo, spiegano gli archeologi di AMS, è stato realizzato durante l’età del ferro (che per l’Europa settentrionale ha una datazione molto più tarda rispetto al bacino del Mediterraneo) da un tronco di quercia e rappresenta una figura umana stilizzata, con una piccola testa, e diverse tacche orizzontali incise lungo il corpo. Il ritrovamento è raro perché si conosce solo una dozzina di oggetti simili ritrovati in Irlanda, e soprattutto quello appena scoperto, ribattezzato “idolo di Gortnacrannagh”, è il più grande rinvenuto finora. L’opera risale a prima dell’evangelizzazione dell’Irlanda (spiega AMS che fu realizzata 100 anni prima che san Patrizio arrivasse sull’isola) ed è stata portata allo University College di Dublino, dove sarà sottoposta a un intervento della durata di tre anni, diretto dalla conservatrice Susannah Kelly, per assicurare che possa essere preservata. Al centro visitatori di Rathcroghan verrà esposta una riproduzione a grandezza naturale, che servirà a sua volta per poter studiare lo straordinario oggetto (“sarà di grande valore”, spiega il centro, “per raccontare la storia di questo affascinante paesaggio antico”).

“I nostri antenati”, spiega Eve Campbell, archeologa di AMS, “vedevano le paludi come luoghi mistici dove potevano connettersi con gli dèi e con l’aldilà. La scoperta di ossa di animali assieme a un pugnale rituale suggeriscono che in questo sito si facessero sacrifici di animali e probabilmente l’idolo faceva parte di queste cerimonie”.

“I progetti per le strade come la N5”, spiega Deirdre McCarthy, archeologo locale, “offrono una grande opportunità per indagare il nostro patrimonio culturale. Gortnacrannagh è un esempio eccellente. Se non fosse stato per la strada, non avremmo mai saputo di questo sito straordinario”.

Nella foto, la studiosa Cathy Moore analizza l’idolo.

Irlanda, scoperto in una palude un raro idolo pagano in legno di 1.600 anni fa
Irlanda, scoperto in una palude un raro idolo pagano in legno di 1.600 anni fa


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma