Siena, riemerge la grande villa romana di Pieve a Bozzone, alle porte della città


Alla periferia di Siena, in località Pieve a Bozzone, è riemersa la grande villa romana del I-IV secolo d.C. scoperta a fine Ottocento e poi celata per oltre 120 anni. La scoperta da uno scavo dell’Università di Siena.

Importante scoperta nei dintorni di Siena, nel sito di Pieve a Bozzone dove l’Università di Siena sta conducendo uno scavo archeologico: la prima campagna di scavi archeologici si è conclusa da pochi giorni e nel sito, a pochi chilometri dal centro di Siena, vicino alla pieve di San Giovanni Battista, è riemersa per intero la villa romana della località di Campo all’Oro le cui vestigia furono riportate alla luce alla fine dell’Ottocento dal conte senese Pietro Piccolomini Clementini, che scoprì una grande villa romana datata fra il I e il IV secolo d.C., con tanto di mosaici, pitture, terme, marmi e colonne.

Parte di questi materiali sono oggi esposti nel Complesso museale Santa Maria della Scala di Siena, compresi alcuni grandi contenitori in terracotta (doli) che servivano a conservare derrate alimentari, come olio e vino.

Dopo questi primi scavi, la villa fu di nuovo sepolta e il terreno coltivato a vigneto e a grano. Le strutture romane sono rimaste invisibili per più di 120 anni fino alle ricerche che il Dipartimento di Scienze storiche e beni culturali dell’Università di Siena ha da poco iniziato in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena Grosseto, e Arezzo.

“Il nuovo progetto - commenta la funzionaria archeologa della Soprintendenza Maria Gabriella Carpentiero - rappresenta una grande occasione di rilancio per gli studi archeologici su Siena romana e il suo territorio, di cui si sa ancora poco”.

“Ma non si tratta solo di questo - aggiungono il professor Stefano Camporeale, direttore del progetto e il dottor Luca Passalacqua, coordinatore degli scavi - perché lo scavo è anche un laboratorio a cielo aperto dove gli studenti apprendono il mestiere di archeologo e le nuove tecnologie applicate alla ricerca sul campo, quei saperi per cui l’Università di Siena è conosciuta in Italia e nel mondo. Nei nuovi scavi sono riemerse alcune potenti strutture già viste dal Piccolomini e questo ci dà modo di progettare le future ricerche. Potrà essere uno scavo importante, non solo perché si tratta del principale giacimento archeologico del Comune di Siena al di fuori della città, ma anche perché qui, in un sito a portata di mano, potranno formarsi le nuove generazioni di archeologi senesi, anche grazie all’attivazione della nuova Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Siena. In questo luogo si incontreranno studenti, allievi della Scuola, docenti e tecnici della ricerca, uniti nell’intento di riportare in luce un importante patrimonio e restituirlo alla comunità civica e universitaria”.

“È importante ricordare - conclude il professor Camporeale - che il progetto è stato autorizzato con concessione ministeriale, è sostenuto finanziariamente dal Comune di Siena e si svolge grazie a una stretta collaborazione fra Comune, Soprintendenza e Università di Siena. Infine, un nostro particolare ringraziamento va al proprietario del terreno, Fabio Nepi, e a Barbara Nepi che ci hanno sostenuto e accolto con grande entusiasmo e interesse”.

 

Siena, riemerge la grande villa romana di Pieve a Bozzone, alle porte della città
Siena, riemerge la grande villa romana di Pieve a Bozzone, alle porte della città


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020