Firenze, restaurato il Tabernacolo dei Linaioli in Orsanmichele


A Firenze è terminato il restauro del Tabernacolo dei Linaioli di Orsanmichele, l’edicola progettata per ospitare il San Marco di Donatello.

A Firenze è terminato il restauro del Tabernacolo dei Linaioli, il capolavoro architettonico della chiesa di Orsanmichele che accoglieva in passato il San Marco, capolavoro giovanile (1411-1413) di Donatello (Donato di Niccolò di Betto Bardi; Firenze, 1386 - 1466), oggi conservato presso il Museo di Orsanmichele e sostituito nel tabernacolo da una riproduzione.

La chiesa di Orsanmichele a Firenze era la chiesa delle corporazioni medievali, e ognuna di essere commissionò, a inizio Quattrocento, la statua del loro santo patrono, da porre sulle pareti esterne dell’edificio sacro. Il tabernacolo fu commissionato dall’Arte dei Rigattieri e Linaioli, ovvero la corporazione che riuniva i sarti, i tessitori, i commercianti di tessuto, i rivenditori degli abiti usati: a occuparsi del tabernacolo furono due abili scalpellini attivi a Firenze tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo, Perfetto di Giovanni e Albizzo di Piero, che eseguirono l’opera tra il 1411 e il 1413.

Il restauro è stato presentato lunedì 26 luglio, in occasione della Festa di Sant’Anna il cui culto viene celebrato nella chiesa di Orsanmichele sin da tempi antichi, alla presenza del Direttore dei Musei del Bargello Paola d’Agostino, del Presidente degli Amici dei Musei Fiorentini Ulisse Tramonti, e con la santa benedizione del Rettore di Orsanmichele Monsignor Vasco Giuliani. L’intervento si era reso necessario a causa dello stato conservativo rilevato durante una recente campagna di revisione dei quattordici tabernacoli esterni, ed è stato interamente finanziato dall’Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti fiorentini e realizzato nei mesi autunnali del 2020, durante il lockdown autunnale. A occuparsi dell’intervento sono stati i restauratori Louis Pierelli e Gabriella Tonini (Nike Restauri Opere d’arte): il restauro ha riguardato il consolidamento di parti disgregate e l’approfondita pulitura dell’edicola marmorea e della copia della statua del santo patrono, alloggiata al suo interno.

In occasione della cerimonia è stato anche presentato un volumetto dedicato al restauro e alla storia del tabernacolo a cura di Benedetta Matucci, edito da Polistampa con il contributo degli Amici dei Musei Fiorentini.

Firenze, restaurato il Tabernacolo dei Linaioli in Orsanmichele
Firenze, restaurato il Tabernacolo dei Linaioli in Orsanmichele


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma