Firenze, la Cappella Brancacci sarà restaurata: gli affreschi si stanno deteriorando


Sarà sottoposta a restauro la Cappella Brancacci: gli affreschi che la decorano, grande capolavoro di Masaccio e Masolino da Panicale ai quali si aggiunse Filippo Lippi, sono infatti interessati da fenomeni di deterioramento. 

Sarà restaurata la Cappella Brancacci, dove si trovano gli affreschi che costituiscono il capolavoro del primo Rinascimento fiorentino: sono quelli di Masaccio e Masolino da Panicale, cui s’aggiunse successivamente Filippino Lippi. La cappella, che si trova all’interno della chiesa di Santa Maria del Carmine a Firenze, era già stata sottoposta a un intervento di monitoraggio lo scorso novembre, eseguito dai servizi tecnici e belle arti del Comune, in accordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e il CNR-ISPC di Firenze. Da quel controllo è emerso che la cappella è interessata da alcuni fenomeni di deterioramento del ciclo pittorico, che necessitano di essere stabilizzati attraverso un intervento di restauro. Per questo è stato firmato stamani un protocollo di intesa tra Comune, Soprintendenza e Opificio delle pietre dure che definisce le prossime azioni. L’ultimo restauro risale agli anni Ottanta.

Il protocollo, dalla durata di tre anni, prevede interventi di analisi e monitoraggio a cura della Soprintendenza, con il coinvolgimento del CNR, e il successivo restauro a cura dell’Opificio delle Pietre Dure sotto la supervisione di un comitato scientifico e grazie ad un gruppo tecnico che verranno costituiti ad hoc. La Fondazione Friends of Florence ha annunciato l’intento di partecipare, insieme alla Jay Pritzker Foundation, a finanziare e realizzare l’intervento di analisi e monitoraggio e ha espresso anche interesse al finanziamento del restauro.

“Approfittammo del periodo di chiusura forzata dei musei a causa delle disposizioni sanitarie per valutare attentamente lo stato di manutenzione del nostro patrimonio artistico”, ha dichiarato l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi. “Quei controlli hanno mostrato la necessità di intervenire per rimettere a nuovo il prezioso ciclo pittorico e insieme a Soprintendenza e Opificio cureremo nel miglior modo possibile questo importante museo civico”.

La Cappella è di proprietà del Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno e attualmente è in concessione al Comune di Firenze in base al rogito “Guerri”. La Cappella fu fondata dalla famiglia Brancacci nel tardo Trecento; si deve al ricco mercante Felice Brancacci la commissione nel 1423 degli affreschi con le storie di San Pietro. Vi lavorano insieme Masolino e Masaccio ma a causa della partenza del primo per l’Ungheria e del secondo per Roma, nel 1427 gli affreschi rimangono incompiuti. In seguito all’esilio, nel 1436, di Felice Brancacci, caduto in disgrazia per le sue simpatie antimedicee, i frati del convento fanno cancellare i ritratti di tutti i personaggi legati alla sua famiglia e nel 1460 intitolano la cappella alla Madonna del Popolo, inserendovi la venerata tavola duecentesca. Soltanto negli anni 1481-1483 Filippino Lippi completerà le scene mancanti. Scampata all’incendio che nel 1771 devasta l’interno della chiesa, la cappella è acquistata nel 1780 dai Riccardi, che rinnovano altare e pavimento. Gli affreschi, trascurati per tutto l’Ottocento, vengono sottoposti a spolveratura nel 1904; l’intervento di restauro effettuato negli anni Ottanta del Novecento ha finalmente permesso di recuperare le preziose superfici decorate.

Nella foto: la Cappella Brancacci. Ph. Miguel Hermoso Cuesta

Firenze, la Cappella Brancacci sarà restaurata: gli affreschi si stanno deteriorando
Firenze, la Cappella Brancacci sarà restaurata: gli affreschi si stanno deteriorando


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma