A Roma apre al pubblico il nuovo spazio espositivo Spazio Treccani Arte, dedicato all'arte contemporanea


Il 3 ottobre 2023 apre al pubblico a Roma il nuovo spazio espositivo dell’Istituto della Enciclopedia Italiana: Spazio Treccani Arte, che ospiterà mostre, incontri e presentazioni dedicate all’arte contemporanea.

L’Istituto della Enciclopedia Italiana apre al pubblico martedì 3 ottobre 2023, a Roma, al piano terra di Palazzo Mattei di Paganica, sua storica sede dal 1927, il nuovo spazio espositivo Spazio Treccani Arte: un ambiente di circa 300 metri quadrati, accessibile al pubblico gratuitamente, che ospiterà mostre, incontri e presentazioni dedicate all’arte contemporanea.

Spazio Treccani Arte è l’ultimo progetto, in ordine di tempo, promosso dall’Istituto. “Con Spazio Treccani Arte, per la prima volta, la missione enciclopedica dell’Istituto non si esprime attraverso la ricerca, l’organizzazione e la sistematizzazione del sapere storico-artistico, ma si integra con una concreta attività espositiva volta alla valorizzazione e fruizione del contemporaneo”, ha dichiarato Massimo Bray, Direttore generale dell’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani.

Con la sua apertura, Spazio Treccani Arte inaugura il 3 ottobre una mostra a cura di Iacopo Ceni, che intende restituire ai visitatori la poliedricità dei progetti finora presentati, esponendo la totalità delle opere realizzate nell’arco dei cinque anni di Treccani Arte, con oltre 30 artisti contemporanei. Sarà così possibile vedere le edizioni limitate del progetto Treccani Arte/MAXXI, nato per celebrare il decennale del Museo nazionale delle arti del XXI secolo attraverso una produzione dedicata di dieci opere in edizione limitata commissionate ad altrettanti artisti italiani e internazionali, i cui lavori hanno segnato la storia del Museo. Oltre a quelle presentate nei mesi scorsi, saranno presentate per la prima volta le nuove opere di Carlo Benvenuto (1966), Alex Cecchetti (1973), Isabella Ducrot (1931) e Marzia Migliora (1972).

In mostra anche i poster firmati e numerati del progetto UTOPIA, nel quale ciascun artista è stato invitato a scegliere una parola del Vocabolario della lingua italiana e ad associare ad essa un’immagine, realizzata ad hoc, selezionata dal proprio corpus di opere, rielaborata o appropriata: Francesco Arena (1978), Elisabetta Benassi (1966), Rä Di Martino (1975), Ettore Favini (1974), Claire Fontaine (collettivo artistico fondato da James Thornhill e Fulvia Carnevale nel 2004), Piero Golia (1974), Alice Guareschi (1976), Emilio Isgrò (1937), Marcello Maloberti (1966), Alessandro Piangiamore (1976), Giuseppe Stampone (1974).

Verranno inoltre esposti i multipli di Alfabeto Treccani, collana nata dalla collaborazione con Artissima, che intende proporre una ricognizione dell’arte italiana contemporanea a partire dalle ventuno lettere dell’alfabeto, ciascuna delle quali è rappresentata da artisti il cui cognome comincia con la stessa: Giorgio Andreotta Calò (1970), Giovanni Anselmo (1934), Massimo Bartolini (1962), Rossella Biscotti (1978), Loris Cecchini (1969), Piero Golia (1974), Paolo Icaro (1936), Luisa Lambri (1969), Marisa Merz (1926-2019), Maurizio Nannucci (1939), Ornaghi e Prestinari (Valentina Ornaghi, 1984 e Claudio Prestinari, 1986), Diego Perrone (1970), Marinella Senatore (1977), Gian Maria Tosatti (1980), Francesco Vezzoli (1971).

Si potranno ammirare, la Psicoenciclopedia possibile di Gianfranco Baruchello (1924-2023); i 58 volumi della Grande Enciclopedia disegnata da Ettore Spalletti (1940-2019); l’opera serigrafica Venti voci per la Treccani e dieci virgole per il mondo di Emilio Isgrò, realizzata in occasione del cinquantesimo anniversario dalla storica esposizione (1970) presso la Galleria Arturo Schwarz in cui Isgrò presentò venticinque volumi dell’Enciclopedia cancellati e tutte le pubblicazioni (libri, cataloghi e riviste) edite da Treccani Arte nel corso di questi cinque anni, tra le quali il volume Cuore Mio di Marcello Maloberti, in libreria dal 29 settembre 2023, un racconto in testi e fotografie dell’opera site-specific e della performance che l’artista ha voluto dedicare a Maria Lai nel 2019 al MAXXI e poi a Ulassai per celebrarne il centenario della nascita.

Infine sarà visitabile per l’occasione la biblioteca posta al primo piano del palazzo davanti alla quale si trovano le opere di Mimmo Paladino (1948) e Fabiana Di Donato.

La mostra sarà visitabile fino a venerdì 22 dicembre 2023.

A partire dall’inizio del 2024 lo spazio ospiterà nuove mostre temporanee, oltre a una serie di incontri e presentazioni con gli artisti che hanno già collaborato con Treccani Arte o con coloro che lo faranno in futuro.

A Roma apre al pubblico il nuovo spazio espositivo Spazio Treccani Arte, dedicato all'arte contemporanea
A Roma apre al pubblico il nuovo spazio espositivo Spazio Treccani Arte, dedicato all'arte contemporanea


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020