Alla Biennale di Venezia un'opera clandestina di Luca Rossi sulla questione russo-ucraina


Dal 20 aprile alla Biennale di Venezia, e per l’esattezza ai Giardini, ci sarà anche un’opera clandestina di Luca Rossi che affronterà la questione russo-ucraina. Per trovarla occorre acquistare un biglietto: metà del ricavato andrà alla Croce Rossa per aiutar

Un’opera clandestina alla Biennale di Venezia con l’intento benefico di aiutare la popolazione ucraina. Succederà dal 20 aprile 2022 fino a data da destinarsi (l’installazione è a tempo indeterminato): l’opera s’intitola Yuo e reca la firma di Luca Rossi, l’artista-critico-collettivo attivo sulla scena dell’arte contemporanea dal 2009, spesso con progetti che hanno fatto molto discutere.

Luca Rossi non ha rivelato come sarà l’opera, né dove si troverà: si sa solo che verrà nascosta nei Giardini della Biennale. I visitatori della grande mostra internazionale potranno però acquistare un biglietto al costo di soli 10 euro che, oltre a fornire le indicazioni per trovare l’installazione, conterrà anche un testo critico e una seconda opera appositamente pensata per i Giardini della Biennale di Venezia. 

L’opera affronterà il dramma della questione russo-ucraina e allo stesso tempo alcune delle tematiche più pressanti del nostro tempo: Luca Rossi, durante i suoi numerosi interventi social, ha dimostrato di aver molto a cuore il problema e ha a più riprese criticato l’artista del Padiglione Italia della Biennale 2022, Gianmaria Tosatti, per le parole pronunciate in conferenza stampa a febbraio, quando la Russia stava per attaccare l’Ucraina: Tosatti aveva parlato di “piccolezze dell’uomo” riferendosi alla “Russia, l’America, l’Ucraina, siamo sempre lì a parlare delle solite cazzate, la guerra... non ci muoviamo mai, è questa la battaglia che abbiamo perduto, la guerra che abbiamo perduto, non ci stiamo evolvendo”. Luca Rossi ha commentato le parole di Tosatti scrivendo sui suoi canali social: “Come per la situazione del Covid, la guerra e le problematiche politiche internazionali, le parole di Tosatti, lasciano gli artisti completamente spiazzati e incapaci di elaborare quello che sta succedendo. Ma gli artisti devono affrontare queste questioni? Non necessariamente. Ma devono dimostrare coerenza e attinenza tra dichiarazioni, contesto e progetti. Se c’è coerenza tra questi tre aspetti qualsiasi opera e qualsiasi progetto ha valore. Questo perché agli artisti non viene chiesto di salvare e capire il mondo come non viene chiesto agli avvocati, farmacisti e imbianchini”. 

Il testo critico, fa sapere Luca Rossi, farà riferimento al filosofo Byun-Chul Han e in particolare al fenomeno della digitalizzazione che ha invaso e stravolto la nostra quotidianità. Il famoso filosofo di origini coreane parla di una società basata unicamente sulla prestazione e sul progressivo isolamento dell’individuo. Il ricavato dei biglietti verrà per metà devoluto alla Croce Rossa Italiana impegnata a supportare la popolazione ucraina. Per acquistare il biglietto e scoprire l’opera è possibile recarsi sul sito di Luca Rossi.

Alla Biennale di Venezia un'opera clandestina di Luca Rossi sulla questione russo-ucraina
Alla Biennale di Venezia un'opera clandestina di Luca Rossi sulla questione russo-ucraina


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Ma all'estero conoscono l'arte italiana contemporanea? Ecco cosa dice un rapporto
Ma all'estero conoscono l'arte italiana contemporanea? Ecco cosa dice un rapporto
Anche alla Biennale di Venezia ci saranno NFT: saranno al Padiglione del Camerun
Anche alla Biennale di Venezia ci saranno NFT: saranno al Padiglione del Camerun
Roma, guardie svizzere gay in un'opera di street art sulle ingerenze della Chiesa
Roma, guardie svizzere gay in un'opera di street art sulle ingerenze della Chiesa
Nasce un nuovo premio per artisti emergenti sotto i 40 anni: i finalisti in mostra al PART di Rimini
Nasce un nuovo premio per artisti emergenti sotto i 40 anni: i finalisti in mostra al PART di Rimini
Venezia, volano droni nella chiesa sconsacrata. È la performance di Drift
Venezia, volano droni nella chiesa sconsacrata. È la performance di Drift
Per le donne italiane gli assorbenti sono ritenuti... un lusso. Un'opera d'arte lo ricorda
Per le donne italiane gli assorbenti sono ritenuti... un lusso. Un'opera d'arte lo ricorda