Piove sul bagnato? Il compratore dell'opera Crypto Art dei record è... un Crypto Investor


Christie's ha rivelato il nome del compratore dell'opera di Crypto Art venduta a 69 milioni di dollari: è Metakovan, fondatore di un fondo d'investimento in NFT.

È una domanda che molti appassionati d’arte si sono fatti: chi è il compratore che l’altro ieri ha acquistato Everydays - The First 5000 Days, l’opera di Crypto Art realizzata da Beeple (al secolo Mike Winkelmann) e venduta in asta da Christie’s alla somma record di 69,3 milioni di dollari, che rendono Beeple il terzo artista vivente più pagato della storia, dopo Jeff Koons e David Hockney? A sborsare l’ingente somma è stato un “Crypto Investor”, soprannominato Metakovan (l’identità reale non è nota), fondatore del fondo d’investimento Metapurse, raccolta di opere NFT con sede a Singapore, che Metakovan acquista regolarmente ed espone in musei virtuali. Metakovan possiede già la più vasta collezione esistente di opere di Beeple. A rivelare il nome del compratore è stata la stessa casa d’aste.

A proposito dell’opera di Beeple, Metakovan, convinto di aver fatto un ottimo investimento e di essersi assicurato una sorta di Cappella Sistina della Crypto Art, ha detto che “quando si pensa a NFT di grande valore, quest’opera è piuttosto difficile da battere. Ecco perché: rappresenta tredici anni di lavoro quotidiano. Le tecniche sono replicabili e le abilità si possono superare, ma l’unica cosa che non si può attaccare è il tempo. Questo è il gioiello della corona, l’opera d’arte più importante per questa generazione. Vale un miliardo di dollari”.

Tuttavia, proprio perché il compratore è un investitore del settore, la vendita ha sollevato dubbi, e c’è chi si domanda se non si tratti di speculazione (dato che il fondo potrebbe trarre grande giovamento dalla crescente attenzione che il mondo rivolge al mercato degli NFT) o di una bolla destinata a scoppiare di qui a breve. E peraltro il mercato al momento è molto autoreferenziale: gli operatori tradizionali al momento stanno alla porta, né i musei e gli istituti più autorevoli sembrano per ora essere interessati a questa ondata. I pareri comunque sono divisi: c’è chi ipotizza che presto si sgonfierà, e chi invece ritiene che gli NFT sono here to stay, ovvero destinati a durare e ad aprire nuove frontiere sul mercato (c’è anche chi vede la situazione in modo molto positivo, immaginando un mercato più decentrato e democratico).

Nell’immagine, l’opera di Beeple venduta a 69 milioni di dollari

Piove sul bagnato? Il compratore dell'opera Crypto Art dei record è... un Crypto Investor
Piove sul bagnato? Il compratore dell'opera Crypto Art dei record è... un Crypto Investor


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma