Emilio Isgrò cancella il 5 maggio di Manzoni: la sua opera donata alla Braidense


Emilio Isgrò ha donato alla Biblioteca Nazionale Braidense l’opera “Cinque Maggio. Minuta cancellata”, cancellatura del celebre manoscritto di Alessandro Manzoni, conservato proprio nella biblioteca di Milano.

Importante donazione di Emilio Isgrò (Barcellona Pozzo di Gotto, 1937) alla Biblioteca Nazionale Braidense di Milano: il grande artista siciliano ha infatti donato alla biblioteca la sua opera Cinque Maggio. Minuta cancellata, lavoro che unisce la grande arte con la grande letteratura, la memoria con il presente.

Emilio Isgrò ha infatti apportato le sue caratteristiche cancellature al manoscritto autografo della celebre poesia manzoniana dedicata a Napoleone, conservato in biblioteca, uno dei più celebri della Braidense, istituto che accoglie il più importante fondo manzoniano nazionale. Così facendo, l’artista ha voluto rendere un nuovo omaggio alla lingua poetica del grande scrittore. “È la seconda volta”, afferma Isgrò, “che affronto l’opera manzoniana, e devo riconoscere che scalzare Manzoni dal trono del dubbio è più difficile che svuotare Napoleone del suo carisma. Anche per Il Cinque Maggio non poteva che essere così. Mi sono appoggiato al testo così come il compositore si appoggia al libretto, lasciando parlare da sole le parole che la musica rischia di cancellare. È chiaro che l’incipit «Ei fu» l’ho dovuto lasciare nella sua interezza, per accendere l’immaginazione e la memoria del pubblico”.

Il direttore della Braidense, James Bradburne, soddisfatto di questo prestigioso dono che va a rafforzare la raccolta di documenti manzoniani, sottolinea come “il lavoro di Isgrò - basato sulla cancellazione di parole, immagini e note – non abbia nulla a che vedere con l’’annullamento della cultura’. Anzi, è manifestamente il suo opposto. Non è una negazione del passato, ma una sua rispettosa celebrazione – opera di un Boccioni, non di un Marinetti”. Adesso, Cinque Maggio. Minuta cancellata di Isgrò sarà esposta fino al 2 luglio insieme all’originale del “Cinque Maggio” manzoniano nella Sala Maria Teresa della biblioteca, visitabile con ingresso libero in orario di apertura al pubblico.

Emilio Isgrò, Minuta cancellata
Emilio Isgrò, Minuta cancellata
Emilio Isgrò, Minuta cancellata
Emilio Isgrò, Minuta cancellata
Emilio Isgrò, Minuta cancellata
Emilio Isgrò, Minuta cancellata

Contestualmente, l’Archivio Emilio Isgrò, nell’ambito delle proprie attività di valorizzazione e di studio, promuove la pubblicazione del Catalogo Ragionato del maestro, strumento indispensabile per la restituzione dell’opera di uno dei grandi protagonisti dell’arte contemporanea, padre indiscusso della cancellatura che a tutti gli effetti è una delle innovazioni linguistiche più originali tra quelle nate nell’arte alla metà degli anni Sessanta e che ancora è declinata dall’artista nelle più differenti forme. La pubblicazione sarà realizzata sotto la curatela di Bruno Corà affiancato dal responsabile scientifico dell’Archivio Marco Bazzini e dalla direttrice dello stesso Scilla Velati Isgrò. Il progetto editoriale è stato affidato a Skira Editore che nel settore dei cataloghi ragionati vanta una lunga e incontrastata esperienza. I sei decenni di lavoro dell’artista saranno divisi in cinque volumi, a partire dal 1962 anno delle prime esperienze visive, con una periodizzazione di circa dieci anni. Ogni volume prenderà in considerazione tutta la sua multiforme attività artistica: dalle opere visive alla poesia, dal teatro alla letteratura. Attraverso un percorso cronologico e un ampio saggio introduttivo di Corà il catalogo metterà in luce i momenti evolutivi che hanno caratterizzato il linguaggio dell’artista, permettendo una lettura più ampia e documentata dei lavori realizzati. Le tavole delle opere saranno arricchite da un completo apparato di testi teorici dell’artista a cui si affiancherà una ricca antologia critica oltre alle riflessioni critico-scientifiche di un ampio ventaglio di studiosi internazionali chiamati a contribuire alla pubblicazione con un saggio originale. Per le informazioni è possibile visitare il sito dell’artista.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Ufo Robot arriva in Maremma: spunta un braccio di Goldrake di 5 metri
Ufo Robot arriva in Maremma: spunta un braccio di Goldrake di 5 metri
L'artista ghanese Ibrahim Mahama vince la XXIII edizione del Premio Pino Pascali
L'artista ghanese Ibrahim Mahama vince la XXIII edizione del Premio Pino Pascali
Giulio Paolini dona al Castello di Rivoli la sua opera “Le Chef-d'œuvre inconnu”
Giulio Paolini dona al Castello di Rivoli la sua opera “Le Chef-d'œuvre inconnu”
Marina Abramović diventa Accademica d'Onore di Carrara. Il 23 giugno terrà lectio online
Marina Abramović diventa Accademica d'Onore di Carrara. Il 23 giugno terrà lectio online
Phoebe Saatchi, figlia di Charles, apre una galleria col marito per sostenere i giovani
Phoebe Saatchi, figlia di Charles, apre una galleria col marito per sostenere i giovani
Dall'Ucraina a Venezia: in un allestimento sull'acqua ecco Kollina di Olexa Furdiyak
Dall'Ucraina a Venezia: in un allestimento sull'acqua ecco Kollina di Olexa Furdiyak