Torino accende le sue Luci d'artista


Fino al 10 gennaio 2021 Torino s’illumina con le sue Luci d’artista, in occasione della sua XXIII edizione. 

Torino s’illumina con le Luci d’artista, evento artistico-culturale giunto quest’anno alla sua XXIII edizione: fino al 10 gennaio 2021 la città sabauda è infatti illuminata da opere d’arte concepite da artisti contemporanei

Un percorso che conta in totale ventisei opere, tra allestimenti permanenti e temporanei, di cui quattordici nel centro storico e dodici nelle altre Circoscrizioni. 

Luci d’artista, progetto della Città di Torino realizzato da IREN Smart Solutions e Fondazione Teatro Regio Torino, con il sostegno di Iren S.p.A, Fondazione Compagnia di San Paolo, FONDAZIONE CRT, è nato nel 1998 come esposizione di installazioni d’arte contemporanea create con la luce en plein air nello spazio urbano e, dal 2018, si è arricchita di un percorso educativo-culturale. Un’occasione diventata un appuntamento fisso per la città, che permette al pubblico di cogliere le varie visioni poetiche espresse da ciascun artista caratterizzato da una particolare attrazione per la luce. 

Quest’edizione vede inoltre alcune novità: l’installazione temporanea Concerto di parole di Mario Molinari; Illuminated Benches di Jeppe Hein sarà invece permanente come Il Regno dei fiori: nido cosmico di tutte le anime di Nicola De Maria, il cui allestimento sarà arricchito; Amare le differenze di Michelangelo Pistoletto è stata restaurata e una nuova illuminazione artistica valorizzerà il Monumento 1706 di Luigi Nervo.

Ph.Credit Luci d’artista

Torino accende le sue Luci d'artista
Torino accende le sue Luci d'artista


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER