Uno spettacolare neon di Lucio Fontana è stato installato nell'atrio del Guggenheim di Bilbao


Al Guggenheim di Bilbao, uno spettacolare neon di Lucio Fontana eseguito nel 1951 è stato installato nell’atrio del museo. Vi rimarrà per tre anni.

Un’importante opera di Lucio Fontana (Rosario, 1899 - Comabbio, 1968) è stata installata nell’atrio del Guggenheim di Bilbao e vi rimarrà per i prossimi tre anni. Si tratta di un grande neon (Struttura di neon per la IX Triennale di Milano), che l’artista italo-argentino realizzò nel 1951: può considerarsi al tempo stesso un disegno, una scultura, un capolavoro di illuminotecnica, un segno sospeso nell’aria. Un’opera complessa che nel 2019 è stata al centro della mostra Lucio Fontana. En el umbral, e che adesso, sottolinea il museo basco, “trova un interlocutore d’eccezione nell’edificio disegnato da Frank Gehry, i cui bozzetti su carta ricordano gli arabeschi spaziali di fontana”.

Secondo il Guggenheim, la Struttura di neon per la IX Triennale di Milano è uno dei migliori esempi del connubio tra arte e tecnologia del XX secolo, anche perché realizzare un’opera simile costituiva una sfida tecnica non da poco. Per il suo tempo, fu un’opera sorprendente, debitrice in certa misura dell’estetica barocca, un’opera che meravigliò i visitatori della mostra milanese, che potevano vederla all’ingresso della rassegna: era una delle prime volte in cui la luce al neon veniva utilizzata come materiale per un’opera d’arte. Probabilmente, ipotizzano gli esperti del Guggenheim, col suo neon Fontana intendeva rispondere ai famosi “disegni di luce” che Pablo Picasso realizzò col fotografo Gjon Mili nel 1950.

Il museo, prosegue il Guggenheim in una nota, considera un “privilegio” la possibilità di esporre l’opera nell’atrio, e questo grazie a una collaborazione con la Fondazione Lucio Fontana di Milano. “Il neon creato per la IX Triennale di Milano del 1951”, sottolinea Paolo Laurini, presidente della Fondazione, “può essere sicuramente considerata una delle opere più rappresentative e iconiche di Lucio Fontana, esempio assoluto della sua dirompente creatività”. Secondo Laurini, l’installazione dell’opera nell’atrio del Museo Guggenheim di Bilbao è eccezionale perché “l’artista ha sempre avuto un rapporto speciale con gli architetti, ai quali si sentiva vicino nella sua sensibilità spaaziale. La grande spontaneità con la quale la installazione di Fontana a Bilbao dialoga con l’affascinante architettura di Frank Gehry, offrendo visioni e punti di vista stimolanti e inediti, ci fa pensare che questo rapporto trovi qui una continuità ideale”.

Nell’immagine, l’opera di Fontana nell’atrio del Guggenheim.

Uno spettacolare neon di Lucio Fontana è stato installato nell'atrio del Guggenheim di Bilbao
Uno spettacolare neon di Lucio Fontana è stato installato nell'atrio del Guggenheim di Bilbao


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma