Parigi, al Palais de Tokyo si camminerà in mezzo a spettacolari alberi di origami


Quando i musei francesi riapriranno, al Palais de Tokyo di Parigi sarà possibile camminare in mezzo alla spettacolare foresta di origami dell’artista belga Charles Kaisin. È un progetto che ha uno scopo di beneficenza.

A Parigi, il Palais de Tokyo si arricchisce di una grande e coinvolgente installazione d’arte contemporanea: si tratta di Origami for Life, l’operazione che il designer belga Charles Kaisin aveva già portato durante le festività natalizie nel centro di Bruxelles, anche se forme e dimensioni sono state ovviamente riadattate per la nuova sede. L’installazione nasce da una collaborazione tra l’artista, il Palais de Tokyo e la Fondation ENGIE, ed è stata ideata per scopi solidali, a sostegno di Samu Social, una rete di associazioni parigine attive nell’ambito degli aiuti umanitari.

L’opera è una grande installazione interamente composta di origami, i fogli di carta colorati e piegati per assumere forme di fiori, animali oppure oggetti vari: in questo caso, si tratta di rappresentazioni di uccelli. Kaisin, in particolare, ha realizzato una grande installazione partecipativa chiedendo a tutti gli interessati di creare un origami e di donarlo per l’opera. A ogni origami realizzato, la Fondation ENGIE ha donato un euro in beneficenza, per sostenere i progetti di Samu Social. “Grazie agli origami raccolti”, si legge in una nota, “l’installazione Origami for Life sarà presentata al Palais de Tokyo sotto forma di una sorprendente foresta sospesa nella quale il pubblico sarà invitato a camminare. E come in un work in progress, contiamo su di voi per fare in modo che l’albero diventi una foresta che potrete venire a vedere quando il Palais de Tokyo riaprirà“. I musei infatti al momento sono chiusi in tutto il paese a tempo indeterminato, non si sa quando riapriranno. “Vi invito a partecipare a un progetto solidale e collaborativo”, dice Kaisin. L’idea è di piegare un origami, e per ogni origami che ci invierete, un euro verrà versato, grazie alla Fondation ENGIE, per Samu Social, per aiutare le persone che hanno bisogno".

“Questa opera immersiva e in divenire”, spiega ancora l’artista, “si innalerà davanti ai vostri occhi sotto forma di una maestosa foresta sospesa. Questi alberi di vita, simboli d’amore e protezione, simboleggiano il sostegno che Samu Social porta ogni giorno in Francia. Lasciatevi travolgere dalla poesia e dall’emozione camminando tra queste piccole colombe di carta che rappresentano tutte le persone che prendono il volo grazie alle azioni condotte da Samu Social”.

Il progetto è ancora in corso ed è possibile partecipare con le istruzioni fornite dall’artista stesso sul suo sito web. Per informazioni sulla mostra è invece possibile visitare il sito del Palais de Tokyo.

Origami for Life al Palais de Tokyo
Origami for Life al Palais de Tokyo



Charles Kaisin cammina in mezzo ai suoi origami
Charles Kaisin cammina in mezzo ai suoi origami

Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma