Tette al vento in strada a Bologna. Perché il seno femminile scandalizza e quello maschile no?


A Bologna il collettivo CHEAP lancia “Tette fuori”, progetto di street art per riflettere sull'immagine del seno femminile.

S’intitola Tette fuori il nuovo intervento di street art di CHEAP, il progetto di arte urbana attivo dal 2013 a Bologna, che si è distinto a livello nazionale la scorsa estate con il progetto La lotta è FICA, che ha fatto molto discutere e ha suscitato le ire dell’attuale sottosegretario alla cultura, la leghista Lucia Borgonzoni. Il progetto prevede l’installazione di una serie di poster nelle strade del centro del capoluogo emiliano, tutti raffiguranti seni femminili di varie forme e dimensioni.

Tette fuori parte da una serie di riflessioni: “Quando il petto di una bambina diventa seno? Perché si può mostrare il seno di un uomo ma non quello di una donna? Una donna senza seno è meno donna? Quando il seno di una donna trans diventa una tetta che è proibito mostrare? Perché sui social network si censurano i capezzoli delle donne e non quelli degli uomini? Perché sulle copertine delle riviste o nelle pubblicità vengono mostrati seni di donne iper sessualizzati ma è un problema il seno di una donna che allatta una bambina o un bambino?”. Queste le domande che CHEAP, attraverso i poster, rivolge al pubblico. L’affissione è firmata in partnership con School of Feminism, piattaforma dedita all’attivismo e alla produzione di contenuti grafici, che torna in Italia con CHEAP dopo aver già realizzato nel 2019 l’intervento di poster “Ringrazia una femminista”.

Il tema dell’iper sessualizzazione del corpo delle donne ad opera dello sguardo maschile, la censura del nudo femminile nello spazio pubblico (che sia la strada o un contesto digitale poco importa) quando non si tratta di marketing ma di autodeterminazione, la riappropriazione politica e desiderante del proprio corpo: sono i temi che hanno attraversato la riflessione di CHEAP negli anni.

Le grafiche, i testi e le fotografie che compongono i poster sono tratte dal libro Pechos Fuera, edito nel 2020 in Spagna da Zenith: un testo in cui School of Feminism riprende in esame la rappresentazione dei seni nella storia dell’arte e della comunicazione visiva più contemporanea, accompagnandola da una riflessione politica, sociale e iconografica. Si tratta, spiega CHEAP, di un n invito a rompere i meccanismi di censura sul seno, un racconto corale che riprende narrazioni dirette di donne che a partire dal proprio dato biografico mettono in discussione consolidati stereotipi di una cultura sessista, uno strumento in più per rivendicare il diritto all’autodeterminazione che, evidentemente, passa anche dalla liberazione dei capezzoli.

La ricerca sui corpi e le energie femministe hanno sempre attraversato il lavoro di CHEAP e sarà così anche per questo 2021 che vedrà il progetto bolognese tornare attivo nello spazio pubblico con nuovi interventi, oltre che con il ritorno della call for artists internazionale: l’invito annuale a contaminare le strade della città rivolto a artist? che si occupano di linguaggi visivi contemporanei è aperto alla partecipazione fino al I° giugno 2021, tutte le informazioni sul sito ufficiale www.cheapfestival.it.

Di seguito alcune immagini del progetto, foto di Margherita Caprilli

Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori


Progetto Tette fuori



Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma