Street art a Firenze: il murale di Fabio Petani decora il nuovo bagno pubblico


Dal 7 febbraio nella piazza dell’Isolotto a Firenze il murale dell’artista piemontese Fabio Petani colorerà le pareti metalliche del nuovo bagno pubblico. L’opera, Erbario Figurato, riproduce fiori e piante.

Le pareti metalliche del nuovo bagno pubblico installato nel maggio dello scorso anno nella piazza dell’Isolotto a Firenze sono diventate un’esplosione di colori, di piante e di fiori. Merito di Erbario Figurato, un intervento murale realizzato dall’artista piemontese Fabio Petani (Pinerolo 1987).

Il progetto, curato e promosso da Street Levels Gallery, la galleria di Firenze dedicata all’arte urbana, in collaborazione con il Comune di Firenze, da oggi, 7 febbraio, fisserà permanentemente sulle superfici esterne dell’edificio fiori e piante accostati da un’accurata nomenclatura, in linea con l’odonomastica a tema vegetale che caratterizza la zona dell’Isolotto.

Tutto il quartiere ha la peculiarità di avere strade e piazze dedicate a nomi di piante e di alberi, simbolo del background che ha preceduto il progressivo sviluppo architettonico e la crescita demografica della zona. Via degli Agrifogli, via dei Rododendri, via delle Mimose e Lungarno dei Pioppi, per fare solo qualche esempio, ricordano il passato agreste dell’area che, come gli antichi borghi nelle vicinanze, ospitava un tempo case rurali, ed ebbe uno sviluppo solo nei primi anni dell’Ottocento per l’insediamento di industrie - oggi tutte chiuse - delle maioliche, delle fonderie e delle officine. Negli anni venti del XX secolo tali aree si ampliarono e vennero costruite abitazioni per i ceti popolari, anche se l’Isolotto come è oggi venne edificato solo dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Non è dunque un caso se i lavori di ideazione ed esecuzione dell’opera sono stati affidati proprio a Fabio Petani, artista urbano fortemente interessato alla contaminazione tra studi artistici e botanici. Le sue opere site-specific, che spiccano sulle architetture delle principali città europee ed extraeuropee, si caratterizzano per la costante ricerca di coerenza con il territorio di intervento e, al contempo, per l’acuta sensibilità nei confronti dell’universo erboristico e verso le tematiche ambientali.

“Il topos di questo intervento” spiegano alla Street Levels Gallery “si ricongiunge pienamente all’identità dell’artista, così sensibile nei confronti dell’universo botanico, chimico e alchemico e così capace di tradurne il fascino e la purezza."

Street art a Firenze: il murale di Fabio Petani decora il nuovo bagno pubblico
Street art a Firenze: il murale di Fabio Petani decora il nuovo bagno pubblico


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Focus restauro del Polittico dell'Agnello mistico. Terza puntata: le fasi 1 e 2 del restauro
Focus restauro del Polittico dell'Agnello mistico. Terza puntata: le fasi 1 e 2 del restauro
Tre nuove mostre a Palazzo Grassi - Punta della Dogana di Venezia. Le sedi espositive riaprono dall'11 luglio
Tre nuove mostre a Palazzo Grassi - Punta della Dogana di Venezia. Le sedi espositive riaprono dall'11 luglio
Digitalizzata l'illustrazione della Divina Commedia più grande di sempre
Digitalizzata l'illustrazione della Divina Commedia più grande di sempre
Il vero Partenone di Atene? Secondo un archeologo olandese, in realtà sarebbe l'Eretteo
Il vero Partenone di Atene? Secondo un archeologo olandese, in realtà sarebbe l'Eretteo
Firenze, via al restauro del capolavoro del Beato Angelico: si lavora sulla Pala di Bosco ai Frati
Firenze, via al restauro del capolavoro del Beato Angelico: si lavora sulla Pala di Bosco ai Frati
Una nuova opera per il Poldi Pezzoli di Milano: il museo acquisisce la Vergine già attribuita ad Antonello da Messina
Una nuova opera per il Poldi Pezzoli di Milano: il museo acquisisce la Vergine già attribuita ad Antonello da Messina