Addio a Evaristo Lazzoni, lo scultore-poeta che ha realizzato la Scogliera dell'Amore


È scomparso a 83 anni lo scultore-poeta Evaristo Lazzoni, che a Marina di Massa ha adottato una scogliera ricoprendola di sculture e frasi d’amore: oggi la sua “Scogliera dell’Amore” è uno dei luoghi più apprezzati del litorale apuano.

È scomparso in Valle d’Aosta, all’età di 83 anni, lo scultore Evaristo Lazzoni, celebre sulla Riviera Apuana per aver dato forma, dal 2009 in poi, alla Scogliera dell’Amore, una scogliera sul lungomare di Marina di Massa dove quasi tutti gli scogli sono scolpiti con figure, poesie e frasi che rimandano al sentimento dell’amore, oltre che con ritratti di donne che Lazzoni aveva conosciuto lungo la sua vita e con frasi che invitano i visitatori al rispetto dell’ambiente.

Ex cavatore, dopo essere andato in pensione aveva cominciato a frequentare la scogliera del piazzale davanti alla ex colonia Torino per pulirla dai rifiuti e aveva così cominciato a realizzare le sue sculture direttamente sugli scogli. Così, negli anni, un luogo della città che era abbandonato (si trova infatti in una zona poco frequentata) ha cominciato a popolarsi ed è diventato meta abituale delle coppie.

Di Evaristo Lazzoni ha parlato anche il filosofo Telmo Pievani nel suo libro Il maschio è inutile del 2020: “Lo chiamano il Don Chisciotte armato di scalpello. Ha la pelle abbronzata dal sole e le mani forti di chi non teme né la fatica né il proprio passato [...]. Il suo è una sorta di scambio alla pari con il Comune: si è offerto di ripulire la zona, sistemando gli scogli in modo da renderli ospitali per i bagnanti e montando a sue spese una rastrelliera per le bici e un’apprezzatissima scaletta in ferro per i tuffi; come tacita ricompensa ha ottenuto la possibilità di scolpire frasi d’amore”.

Presenza costante, lo si vedeva spesso sulla scogliera con lo scalpello per scolpire nuove frasi o per ritoccare le opere meno recenti. Nel 2018 è stato anche protagonista di un cortometraggio a lui dedicato, La scogliera dell’amore di Gianluigi Parpinel e Matilde Orrico, disponibile su Vimeo.

“Quando Evaristo aveva 71 anni ha iniziato a scolpire messaggi d’amore quasi ogni giorno, per 9 anni, lasciando sulla roccia più 150 scritte e poesie”, ha scritto sui social Cinzia Compalati, direttrice del Museo Guadagnucci di Massa. “Evaristo piaceva così tanto che questo luogo di Marina di Massa è stato collettivamente rinominato le Scogliere dell’amore. Evaristo questa volta ha preso il largo ma la sua opera d’arte emotiva resta qui per noi”.

Evaristo Lazzoni
Evaristo Lazzoni
La Scogliera dell'Amore
La Scogliera dell’Amore
La Scogliera dell'Amore
La Scogliera dell’Amore
La Scogliera dell'Amore
La Scogliera dell’Amore

Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Straordinarie scoperte sul Volto Santo di Lucca: è la più antica scultura lignea dell'Occidente
Straordinarie scoperte sul Volto Santo di Lucca: è la più antica scultura lignea dell'Occidente
Vienna, scoperta un'opera attribuita a Dürer nel bookshop della Cattedrale di Santo Stefano
Vienna, scoperta un'opera attribuita a Dürer nel bookshop della Cattedrale di Santo Stefano
C'è una nuova opera di Vincent van Gogh? Per il Wadsworth Atheneum non ci sono dubbi: sono suoi i Papaveri
C'è una nuova opera di Vincent van Gogh? Per il Wadsworth Atheneum non ci sono dubbi: sono suoi i Papaveri
In Nepal una maxi installazione sui tetti di un villaggio per omaggiare il ruolo delle donne locali
In Nepal una maxi installazione sui tetti di un villaggio per omaggiare il ruolo delle donne locali
Focus restauro del Polittico dell'Agnello mistico. Quarta puntata: ultima fase, mostre e documentazioni
Focus restauro del Polittico dell'Agnello mistico. Quarta puntata: ultima fase, mostre e documentazioni
Digitalizzati in gigapixel sei capolavori di Raffaello custoditi alle Gallerie degli Uffizi
Digitalizzati in gigapixel sei capolavori di Raffaello custoditi alle Gallerie degli Uffizi