A Mosca organizzano un mostra su Banksy, ma Banksy si dissocia: “non ha niente a che fare con me”


A Mosca viene organizzata una grande mostra su Banksy, ma l’artista si dissocia dicendo che l’esposizione non ha niente a che vedere con lui.

Lo scorso 2 giugno ha aperto a Mosca, negli spazi della Central House of Artists, una grande mostra su Banksy, lo sfuggente street artist britannico la cui identità è tuttora ignota. Sul sito dell’esposizione, la rassegna moscovita viene presentata come il “più grande evento artistico dell’anno”: si tratta infatti di una mostra importante, dal momento che le opere di Banksy vengono esposte per la prima volta in Russia, e che i lavori (circa un centinaio) occupano uno spazio di oltre 2.000 metri quadri. Tuttavia lo stesso Banksy è intervenuto sulla mostra, dissociandosi.

L’artista ha pubblicato ieri sul proprio account Instagram lo screenshot di una conversazione tramite messaggistica privata con un non meglio specificato suo contatto, che gli mostra una foto della rassegna di Mosca. Banksy risponde chiedendo lumi sull’immagine, affermando che non trova la cosa divertente, di non aver dato i permessi per realizzare la mostra e sostenendo “io non faccio pagare le persone per vedere la mia arte, a meno che non sia per beneficenza”. Il biglietto d’ingresso costa infatti 550 rubli (7,15 euro) nei giorni infrasettimanali e 650 rubli (8,46) nei festivi.

Non si sa se la conversazione sia effettivamente avvenuta con una seconda persona o se si tratti di un’idea di Banksy per parlare della mostra: ad ogni modo, gli organizzatori della mostra sono intervenuti con una nota, specificando che non si tratta di una mostra che ha dovuto richiedere l’autorizzazione di Banksy perché è stata allestita esclusivamente con oggetti e opere appartenenti a collezionisti privati che hanno “il diritto di esporre le opere dell’artista”.

A Mosca organizzano un mostra su Banksy, ma Banksy si dissocia: “non ha niente a che fare con me”
A Mosca organizzano un mostra su Banksy, ma Banksy si dissocia: “non ha niente a che fare con me”


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Londra, rintracciati due disegni di Alberto Giacometti
Londra, rintracciati due disegni di Alberto Giacometti
Carrara, termina il restauro dell'Edicola di Fantiscritti, bassorilievo del III secolo simbolo della città
Carrara, termina il restauro dell'Edicola di Fantiscritti, bassorilievo del III secolo simbolo della città
A Modena la BPER Banca espone un ritratto di Tiziano poco noto al grande pubblico
A Modena la BPER Banca espone un ritratto di Tiziano poco noto al grande pubblico
È di Filippo Rusuti la Madonna col Bambino di Santa Maria del Popolo: la firma emerge dal restauro
È di Filippo Rusuti la Madonna col Bambino di Santa Maria del Popolo: la firma emerge dal restauro
Olafur Eliasson stringe un accordo con IKEA per produrre piccoli ed economici oggetti a energia solare
Olafur Eliasson stringe un accordo con IKEA per produrre piccoli ed economici oggetti a energia solare
Amsterdam, i Girasoli di van Gogh non viaggeranno mai più: troppo delicati
Amsterdam, i Girasoli di van Gogh non viaggeranno mai più: troppo delicati