Grandi capolavori della storia dell'arte ricreati con i Lego


Sono diversi gli artisti che utilizzano i mattoncini Lego per ricreare i grandi capolavori della storia dell’arte, dando vita a opere divertenti e sorprendenti. Ve ne presentiamo cinque in questa gallery. 

Ricreare i capolavori della storia dell’arte attraverso i mattoncini Lego. Da anni alcuni artisti italiani e internazionali danno vita a divertenti riletture dei capisaldi dell’arte internazionale utilizzando il popolare gioco per bambini e adulti, con cui tutti ci siamo cimentati, e che non smette mai di affascinare. Vi proponiamo di seguito una galleria con cinque artisti che, con diverse modalità, si sono cimentati con questa forma d’arte.

1. Udronotto (Marco Pece; Torino, 1953)

L’artista torinese Marco Pece, meglio noto col suo pseudonimo “Udronotto”, è stato tra i primi a usare i Lego per ricreare opere d’arte, inserendo gli omini gialli nelle sue composizioni per far rivivere i capolavori dell’antichità distribuendo poi le opere sotto forma di fotografie. Per Udronotto, si tratta di creare essenzialmente... parodie. “La passione per l’arte in tutte le sue espressioni”, scrive l’artista nel suo sito, “mi ha spinto a rivisitare con ironia, ma pur sempre con grande rispetto opere di grandi maestri del passato e proseguendo in un percorso temporale mi sono avvicinato anche ad artisti contemporanei. Le scelte dei soggetti delle mie parodie del mondo dell’arte sono legate ad un mio gusto personale ed ad una ricerca di fattibilità a volte molto lunga”. Visita il sito dell’artista.

Udronotto, Omaggio a Leonardo da Vinci
Udronotto, Omaggio a Leonardo da Vinci
Udronotto, Omaggio a Edward Hopper
Udronotto, Omaggio a Edward Hopper
Udronotto, Omaggio a Pellizza da Volpedo
Udronotto, Omaggio a Pellizza da Volpedo

2. Marco Sodano (Agrigento, 1992)

Il giovane artista e designer siciliano Marco Sodano, una laurea in Comunicazione pubblicitaria e Art Direction allo IED di Milano, e un percorso che lo ha portato a lavorare come pubblicitario e creativo in Germania e a Hong Kong, ha utilizzato una tecnica molto particolare, adoperata per la campagna Immagina della Lego nel 2014: Sodano ha infatti scomposto i capolavori della storia dell’arte in pixel e ha utilizzato i mattoncini Lego, accostati per colore, per ricreare l’immagine risultante dalla sua operazione di riduzione in... quadratini. Visita il sito dell’artista.

Marco Sodano, La dama con l'ermellino di Leonardo da Vinci
Marco Sodano, La dama con l’ermellino di Leonardo da Vinci
Marco Sodano, L'autoritratto di Van Gogh
Marco Sodano, L’autoritratto di Van Gogh
Marco Sodano, Le fils de l'homme di Magritte
Marco Sodano, Le fils de l’homme di Magritte

3. Nathan Sawaya (Colville, 1973)

Nathan Sawaya, statunitense dello Stato di Washington, è forse il più famoso “brick artist” al mondo, tanto che la sua biografia è pure inclusa nel sito ufficiale della Lego. Artista contemporaneo, utilizza come suo mezzo espressivo soltanto i mattoncini, lavorando incessantemente nei suoi studi di New York e di Los Angeles, dove conserva milioni di mattoncini per creare le sue opere. In alcune occasioni, Sawaya ha ricreato i grandi capolavori della scultura antica, con risultati sorprendenti. Sawaya è anche l’unica persona al mondo che è stato sia un LEGO Master Model Builder che un LEGO Certified Professional. Visita il sito dell’artista.

Nathan Sawaya, Il David di Michelangelo
Nathan Sawaya, Il David di Michelangelo
Nathan Sawaya, L'Augusto di Prima Porta
Nathan Sawaya, L’Augusto di Prima Porta
Nathan Sawaya, La Venere di Milo
Nathan Sawaya, La Venere di Milo

4. Prince Lego (Lee Ki-Young)

Lee Ki-Young è un grafico e motion designer coreano che ama farsi chiamare “Prince Lego” sui social, perché in alcune sue opere ha ricreato dei veri set con i mattoncini Lego per ricreare i grandi capolavori della storia dell’arte. Molto attivo sui social, dove è solito postare le sue creazioni, Lee Ki-Young rilegge non soltanto le opere celebri, ma anche le scene dei film (o le loro locandine), i personaggi famosi, senza trascurare paesaggi e opere ironiche. Visita il sito dell’artista.

Lee Ki-Young, La Venere di Botticelli
Lee Ki-Young, La Venere di Botticelli
Lee Ki-Young, La colazione dei canottieri di Renoir
Lee Ki-Young, La colazione dei canottieri di Renoir
Lee Ki-Young, La lattaia di Vermeer
Lee Ki-Young, La lattaia di Vermeer

5. Stefano Bolcato (Roma, 1967)

Artista formatosi all’Accademia di Belle Arti della Capitale che ha avviato la propria carriera negli anni Ottanta, non ha mai fatto mistero della sua passione per i Lego, con i quali, come tutti, giocava da bambino, e li ha utilizzati in questo caso non come materiale, ma come fonte d’ispirazione. Bolcato è infatti un pittore, e i colori vivaci dei Lego gli offrono l’occasione di dipingere quadri a olio dove gli omini Lego diventano protagonisti di scene in cui l’artista interviene su importanti tematiche sociali. Ma non solo: molti dipinti di Bolcato rileggono infatti i capolavori della storia dell’arte, sempre con gli omini gialli come protagonisti. Visita il sito dell’artista.

Stefano Bolcato, Ragazza con l'orecchino di perla
Stefano Bolcato, La Ragazza con l’orecchino di perla di Vermeer
Stefano Bolcato, La Gioconda
Stefano Bolcato, La Gioconda di Leonardo da Vinci
Stefano Bolcato, Ritratti dei duchi di Urbino
Stefano Bolcato, I Ritratti dei duchi di Urbino di Piero della Francesca

Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


“L'uomo di Valenšay? Non Ŕ Machiavelli, e l'opera non Ŕ di Leonardo”. Parla lo studioso StÚphane Toussaint
“L'uomo di Valenšay? Non Ŕ Machiavelli, e l'opera non Ŕ di Leonardo”. Parla lo studioso StÚphane Toussaint
Uomo vitruviano, secondo l'ex direttore della Pinacoteca Nazionale di Cagliari Ŕ un algoritmo segreto
Uomo vitruviano, secondo l'ex direttore della Pinacoteca Nazionale di Cagliari Ŕ un algoritmo segreto
Per cosa ricorderemo gli anni 2010 nella storia dell'arte? La parola agli specialisti
Per cosa ricorderemo gli anni 2010 nella storia dell'arte? La parola agli specialisti
Parte il restauro del San Marco di Donatello. SarÓ realizzato dall'Opificio delle Pietre Dure
Parte il restauro del San Marco di Donatello. SarÓ realizzato dall'Opificio delle Pietre Dure
Firenze, via al restauro del capolavoro del Beato Angelico: si lavora sulla Pala di Bosco ai Frati
Firenze, via al restauro del capolavoro del Beato Angelico: si lavora sulla Pala di Bosco ai Frati
Garbatella, inaugura Urban Fragments, murale mangia-smog di Maria Ginzburg
Garbatella, inaugura Urban Fragments, murale mangia-smog di Maria Ginzburg