Va in asta l'iconico Violon d'Ingres di Man Ray: diventerà la foto più costosa di sempre?


Andrà in asta a maggio il celeberrimo Violon d’Ingres di Man Ray, ritratto surrealista di Kiki de Montparnasse: è la fotografia con la stima più alta di sempre e potrebbe dunque diventare la foto più costosa della storia. 

Andrà in asta a maggio da Christie’s una delle fotografie più celebri della storia: Le violon d’Ingres (“Il violino di Ingres”), opera del 1924 di Man Ray (Filadelfia, 1890 - Parigi, 1976), che con una stima tra i 5 e i 7 milioni di dollari è la singola fotografia con la valutazione più alta della storia e potrebbe pertanto diventare la più costosa. Le violon d’Ingres è il top lot dell’asta The Surrealist World of Rosalind Gersten Jacobs e Melvin Jacobs, con pezzi dalla collezione di Rosalind Gersten Jacobs e Melvin Jacobs.

Questa collezione, nata da legami personali tra i collezionisti con gli artisti e da un profondo amore per l’arte, include una selezione di opere d’arte, fotografia, gioielli, poster e altri oggetti. Molte delle opere sono state create da momenti di ispirazione spontanea e collaborazione creativa, incarnando veramente lo spirito dei movimenti dada e surrealisti. La collezione sarà offerta in una vendita dal vivo a maggio al Rockefeller Center, ma ci saranno anche altre opere che saranno vendute in una vendita online dedicata. In totale, si stima che le vendite realizzino oltre 20 milioni di dollari.

Acquirente di moda americana e dirigente di vendita al dettaglio, Rosalind Gersten Jacobs, particolarmente appassionata di arte surrealista, è stata introdotta per la prima volta al surrealismo nel 1954 dal gallerista, mecenate e artista William Copley e da sua moglie, Noma, e attraverso la coppia ha incontrato e conosciuto di persona Man Ray. Questo fatidico incontro segnerà non solo l’inizio del collezionismo di Rosalind, ma l’avrebbe avviata su un nuovo percorso di scoperta artistica e avrebbe dato il la a una serie di strette amicizie con artisti tra cui Marcel Duchamp, René Magritte, Max Ernst, Dorothea Tanning, e altri ancora. Rosalind Gersten Jacobs è stata non solo una collezionista di Man Ray bensì, come disse Wendy Grossman, una “complice nella [sua] sperimentazione creativa”, rimanendo un’ardente sostenitrice dell’artista fino alla sua morte nel 1976.Man Ray, Le violon d'Ingres (1924)Man Ray, Le violon d’Ingres (1924)

L’immagine che va in asta, uno dei capolavori della fotografia mondiale, ritrae la modella, musa e amante di Man Ray, Kiki de Montparnasse, nuda di schiena, con la forma del suo corpo che ricorda quella di un violino, tanto che Man Ray la modificò aggiungendo due inserti d’inchiostro a forma di “F” per ricordare le due fessure laterali della cassa del violino (dette proprio effe per via della loro forma). Il titolo dell’opera vuole essere un omaggio a Jean-Auguste-Dominique Ingres, poiché il passatempo preferito del grande pittore neoclassico era proprio il violino.

“È un vero piacere per Christie’s”, afferma il presidente di Christie’s America, Marc Porter, “presentare la celebre collezione di Rosalind Gersten Jacobs e Melvin Jacobs durante la nostra settimana principale a New York questa primavera. Spaziando tra fotografia surrealista, pittura, scultura, gioielli e altro ancora, gli esempi all’interno di questa collezione rappresentano i migliori in assoluto in un’ampia gamma di categorie. I pezzi eccezionali si uniscono armoniosamente in questa collezione impareggiabile, come una testimonianza del gusto superbo e della sensibilità artistica dei Jacobs, riflettendo magnificamente la profondità e il significato delle amicizie che hanno sviluppato con Man Ray, Duchamp, Copley e molti altri dei più importanti artisti del XX secolo”.

“La Collezione Rosalind Gersten Jacobs & Melvin Jacobs”, commenta Darius Himes, capo della fotografia internazionale di Christie’s “è straordinaria e costruita attraverso relazioni intime con gli artisti della loro cerchia. Le Violon d’Ingres, 1924, opera di Man Ray che ritrae Kiki de Montparnasse è senza dubbio una delle opere più iconiche del XX secolo. Questa seducente immagine surrealista è il risultato di un processo in camera oscura unico e modificato a mano. Pur riprodotto innumerevoli volte e penetrato nella coscienza popolare, l’artista ha mantenuto quest’opera, l’originale, fino al 1962 quando i Jacobs ne sono diventati custodi. La portata e l’influenza dell’immagine, allo stesso tempo romantica, misteriosa, ironica e giocosa, ha catturato le menti di tutti per quasi 100 anni. Come opera fotografica, non ha precedenti sul mercato. Siamo orgogliosi di gestirlo”.

“Siamo onorati di offrire questa collezione speciale composta da una vasta gamma di opere d’arte di artisti surrealisti europei e americani, che i Jacobs ritenevano fossero spiriti affini e molti dei quali avrebbero sostenuto professionalmente quando gli artisti erano in difficoltà finanziarie”, dichiara Cyanne Chutkow, vicepresidente di Christie’s per l’arte impressionista e l’arte moderna. “Ogni opera della collezione porta una storia unica e ogni aneddoto sottolinea ulteriormente il valore di quelle strette amicizie. Sebbene le opere di Man Ray siano al centro della loro collezione, i Jacobs hanno anche acquisito sei squisite opere di René Magritte che si dilettano nella giustapposizione di artificio e illusione, massa e volume e rappresentazione stessa. L’enigmatico gouache Eloge de la dialetique è stato offerto come regalo di compleanno da William e Noma Copley a Rosalind Gersten Jacobs, e sarebbe diventato il punto di partenza della loro collezione”.

“I miei genitori avevano strette amicizie con una serie di straordinari artisti surrealisti, in particolare Man Ray, Marcel Duchamp, Bill e Noma Copley”, sottolinea Peggy Jacobs Bader, figlia di Rosalind Gersten Jacobs e Melvin Jacobs. “Hanno introdotto Roz e Mel al Surrealismo e ad altri membri di quella comunità creativa, che hanno abbracciato con tutto il cuore questi due commercianti di moda giovani e creativi. Gli artisti sono stati mentori che non solo hanno ispirato e guidato i miei genitori, ma sono stati anche fondamentali nella cura della collezione. L’acquisizione di quasi ogni pezzo ha dietro una storia unica e intima. Lo spirito gioioso del rapporto dei miei genitori con gli artisti si riflette nelle opere che hanno accumulato. Guardando la collezione, si ha un senso viscerale dell’amore dei miei genitori per il surrealismo, il loro occhio perspicace per la grande arte, la loro giocosità e, a volte, la loro malizia”.


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


L'artista americano Namsal Siedlecki vince la XX edizione del Premio Cairo
L'artista americano Namsal Siedlecki vince la XX edizione del Premio Cairo
Il MiBACT pubblicherà la prima mappa delle opere di street art in Italia
Il MiBACT pubblicherà la prima mappa delle opere di street art in Italia
Straordinarie scoperte sul Volto Santo di Lucca: è la più antica scultura lignea dell'Occidente
Straordinarie scoperte sul Volto Santo di Lucca: è la più antica scultura lignea dell'Occidente
Arte rupestre, forse è stata scoperta la più antica scena di caccia al mondo
Arte rupestre, forse è stata scoperta la più antica scena di caccia al mondo
Street art olandese in sei città italiane: seconda tappa è in Molise
Street art olandese in sei città italiane: seconda tappa è in Molise
Dopo dieci anni la Nuda, capolavoro del Giorgione, torna alle Gallerie dell'Accademia. Finito il restauro conservativo
Dopo dieci anni la Nuda, capolavoro del Giorgione, torna alle Gallerie dell'Accademia. Finito il restauro conservativo