Storico accordo tra il Metropolitan di New York e la Grecia per una grande collezione di arte cicladica


Storico accordo tra il Metropolitan di New York e la Grecia: a turno, il museo americano e la Grecia ospiteranno le opere della collezione di arte cicladica di Leonard Stern, importante filantropo che ha allestito una delle collezioni di arte cicladica più importanti del mondo.

Il Metropolitan Museum of Art di New York ha annunciato nelle scorse ore una storica partnership, della durata di ben cinquant’anni, con il governo greco e il Museo di Arte Cicladica di Atene, insieme all’Istituto di Cultura Ellenica, che vede al centro la Collezione di arte cicladica di Leonard N. Stern, collezionista che possiede una delle raccolte di arte cicladica più importanti al mondo. L’accordo, approvato dal parlamento greco a settembre, porterà 161 oggetti delle Cicladi dalla Collezione Leonard N. Stern al Met per un’esposizione della durata di venticinque anni a partire da gennaio 2024. Per i primi dieci anni la collezione rimarrà esposta integralmente al Met, dopodiché, nei successivi quindici anni, opere selezionate viaggeranno periodicamente in Grecia per essere esposte nei musei greci, mentre altri prestiti di arte cicladica arriveranno al Met. Nei successivi venticinque anni il prestito verrà rinnovato. In più, Stern ha fatto una importante donazione al Metropolitan per sostenere l’esposizione e lo studio dell’arte delle Cicladi.

La Leonard N. Stern Collection comprende circa 161 opere realizzate nelle Cicladi principalmente nella prima età del bronzo (dal 3200 a.C. al 2000 a.C.). Quasi tutti i principali tipi di figurine in marmo delle Cicladi sono rappresentati dal tardo neolitico fino alla fine dell’età del bronzo antico. La collezione presenta anche esemplari molto rari, e inoltre gli oggetti variano in dimensioni da minuscole figurine fino a una donna sdraiata lunga oltre un metro e venti che si colloca tra le grandi opere d’arte delle Cicladi. Ci sono anche un gran numero di vasi di marmo tra cui bicchieri, ciotole, vasi con colletto o “kandilas” e tazze e tavolozze con piedi. Altri tipi di oggetti di diversi supporti includono una padella di terracotta, un paio di braccialetti di elettro e un’ascia di bronzo.

La collezione, fa sapere il museo, migliorerà significativamente la capacità del Metropolitan di rappresentare l’arte delle Cicladi nel contesto delle sue collezioni enciclopediche. La collezione di arte greca e romana del museo di New York (più di trentatremila opere che vanno dal periodo neolitico al tempo della conversione dell’imperatore romano Costantino al cristianesimo nel 312 d.C. e oltre) comprende l’arte di molte culture ed è tra le più complete del Nord America. Oltre 7500 delle opere più importanti del dipartimento sono esposte in un’installazione disposta lungo 26 gallerie all’interno dello storico edificio principale del Met. L’esposizione nelle principali gallerie è arricchita da numerose opere d’arte in prestito da istituzioni e collezioni private di tutto il mondo.

La donazione fatta da Leonard N. Stern comprende la dotazione di una sala d’archivio nella Biblioteca Onassis per l’arte ellenica e romana del Dipartimento greco e romano, e la dotazione di una postazione per facilitare la cura degli archivi e le visite degli studiosi. Sia la sala d’archivio che la postazione saranno intitolate a Leonard N. Stern in riconoscimento della sua generosità. Un ulteriore fondo di dotazione sosterrà la programmazione intorno alla Collezione Stern, comprese borse di studio per studiosi greci per studiare la collezione.

“La missione del Met”, dichiara il direttore Max Hollein, “è di consentire la fruizione e lo studio dell’arte. Leonard Stern è un grande amico del museo e, naturalmente, un collezionista impareggiabile dallo spirito generoso. Questo accordo si basa su decenni di una fruttuosa collaborazione tra il governo greco e il Met, e siamo lieti di poter svolgere un ruolo in un accordo che entusiasmerà ed educherà i visitatori e gli studiosi ora e per le generazioni a venire. Siamo profondamente grati a Leonard per questa straordinaria collezione e per aver dedicato fondi allo studio di queste opere eccezionali e del relativo materiale archivistico, che sarà reso ampiamente disponibile. Il Met porge un ringraziamento speciale alla Grecia per la nostra forte partnership e per aver autorizzato questo prestito storico, e non vediamo l’ora di continuare le nostre discussioni in corso sui futuri scambi di borse di studio e competenze. Beneficiamo tutti dell’esposizione pubblica dell’arte”.

“Viene alla luce”, sottolinea Kassandra Marinopoulou, presidente del Museo di Arte Cicladica di Atene, “una squisita e sconosciuta collezione di antichità delle Cicladi formata da Leonard Stern, un importante collezionista e filantropo americano. È senza dubbio un momento storico: per il nostro paese, per il Museo di Arte Cicladica, e personalmente per me, mentre stiamo entrando in questa partnership senza precedenti con la Repubblica ellenica e il Metropolitan Museum of Art, contribuendo al ritorno di questi capolavori delle Cicladi e speriamo altre antichità in futuro. La diffusione dell’arte delle Cicladi e dell’antica Grecia a livello internazionale è stata la nostra missione principale sin dalla fondazione del Museo. Sono molto orgoglioso di vedere la nostra visione realizzata oltre ogni aspettativa. Ancor di più per il fatto che questi capolavori delle Cicladi saranno esposti tra le antichità greche e romane al Met. Voglio esprimere la mia gratitudine a tutte le parti coinvolte”.

Leonard Stern ha invece commentato: “Mi sono innamorato dell’arte delle Cicladi quando avevo solo 14 anni mentre visitavo il Metropolitan Museum of Art. Così iniziò la mia passione di tutta una vita per la raccolta e la conservazione di quella che allora era un’area poco conosciuta delle antichità. Con la crescente consapevolezza che la mia collezione nella sua portata e dimensione era diventata unica al di fuori della Grecia, ho deciso di lavorare con la Grecia, il Museo di Arte Cicladica e il Met in modo che i visitatori in Grecia e a New York possano apprezzare la magnifica bellezza e semplicità mistica di questi incredibili oggetti scolpiti circa 4.500 anni fa”.

Storico accordo tra il Metropolitan di New York e la Grecia per una grande collezione di arte cicladica
Storico accordo tra il Metropolitan di New York e la Grecia per una grande collezione di arte cicladica


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Su RaiPlay Alberto Angela racconta Raffaello
Su RaiPlay Alberto Angela racconta Raffaello
Zehra Doğan destina intero Premio Carol Rama a casa d'arte da realizzare in Turchia
Zehra Doğan destina intero Premio Carol Rama a casa d'arte da realizzare in Turchia
Lo street artist Fabio Petani realizzerà il più grande murale di Roma per estensione
Lo street artist Fabio Petani realizzerà il più grande murale di Roma per estensione
Galleria d'arte lancia provocazione: un assembramento è sempre negativo? Se di opere no
Galleria d'arte lancia provocazione: un assembramento è sempre negativo? Se di opere no
Street art e running: la corsa può essere una visita in un museo a cielo aperto?
Street art e running: la corsa può essere una visita in un museo a cielo aperto?
I dipinti giovanili di Hopper? Sono copie da riviste per pittori dilettanti
I dipinti giovanili di Hopper? Sono copie da riviste per pittori dilettanti