Straordinaria scoperta a Roma, ritrovato un murale di 80 metri quadri di Giacomo Balla che si pensava perduto


A Roma è stato ritrovato il murale di Giacomo Balla che decorava il Bal Tic Tac, il primo cabaret futurista. Si pensava fosse andato perduto.

A Roma, un murale di circa 80 metri quadrati di Giacomo Balla (Torino, 1871 - Roma, 1958) torna alla luce dopo circa cento anni.
Il murale a tempera è stato scoperto in via Milano 24 (all’angolo con via Nazionale), dove si stavano eseguendo dei lavori di ristrutturazione al piano terra di una palazzina della Banca d’Italia. Un tempo in questo luogo sorgeva il Bal tic tac, il primo cabaret futurista degli anni ’20 a Roma, fondato nel 1921 per iniziativa di Filippo Tommaso Marinetti.

“Una scoperta eccezionale” ha commentato a Repubblica Francesco Prosperetti, soprintendente alle Belle Arti e all’Archeologia di Roma. Infatti, si pensava che il murale fosse andato perduto in seguito ai vari restauri che il palazzo ha subito nel corso del XX secolo. “Che questa decorazione di Giacomo Balla possa aver resistito al tempo e a tutte le trasformazioni di questi locali ha del miracoloso” aggiunge Prosperetti. “Parlare del Bal tic tac significa parlare di una temperie che si scatena in questa città, in cui la modernità entra in maniera dirompente. È bellissimo scoprire a un secolo di distanza una roma all’avanguardia”. Le pitture murali, ben conservate, comprendono colori come il rosso, il giallo e il blu dipinti a mò di cornice, con lo spazio bianco che, presumibilmente, veniva usato per proiettare i film come il locale era solito fare.

Luigi Donato, capo dipartimento Immobili banca d’Italia, ha commentato: “Quando abbiamo trovato questo forte segno del destino di riportare alla memoria il Bal tic tac a noi è sembrato doveroso guardare all’arte come qualcosa di straordinario da conservare e valorizzare. Come abbiamo un notevole patrimonio archeologico, puntiamo adesso su questa valorizzazione con lo stesso senso di responsabilità sociale”. L’intenzione, infatti, è quello di aprire il murale al pubblico insieme al Museo per l’educazione monetaria e finanziaria della Banca d’Italia la cui apertura è prevista per la fine del 2021.

Straordinaria scoperta a Roma, ritrovato un murale di 80 metri quadri di Giacomo Balla che si pensava perduto
Straordinaria scoperta a Roma, ritrovato un murale di 80 metri quadri di Giacomo Balla che si pensava perduto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Lo Stato acquista una delle più importanti sculture etrusche: la Testa Lorenzini, finora di privati, andrà in un museo pubblico
Lo Stato acquista una delle più importanti sculture etrusche: la Testa Lorenzini, finora di privati, andrà in un museo pubblico
Umbria, scoperto uno dei più grandi mosaici romani della regione: 50 metri quadri di superficie musiva
Umbria, scoperto uno dei più grandi mosaici romani della regione: 50 metri quadri di superficie musiva
Restauro del Guercino prima e dopo, è scontro. Ficacci: “no al com'era dov'era”. Gattari: “lavoro incompleto”
Restauro del Guercino prima e dopo, è scontro. Ficacci: “no al com'era dov'era”. Gattari: “lavoro incompleto”
Carrara, il performer che “disturba” l'opera di Cattelan: il manifesto funebre di Rebor entra nell'installazione
Carrara, il performer che “disturba” l'opera di Cattelan: il manifesto funebre di Rebor entra nell'installazione
Copenaghen: all'asta un prezioso Achrome di Piero Manzoni
Copenaghen: all'asta un prezioso Achrome di Piero Manzoni
Van Gogh come una pop star: se ne va in tour mondiale nei centri commerciali
Van Gogh come una pop star: se ne va in tour mondiale nei centri commerciali