Palermo, un'installazione meditativa per ascoltare il fiume Oreto. Nasce U-DATInos


A Palermo, sulla foce del fiume Oreto, sarà installata un’opera d’arte “infoestetica”: tra dati, sensori e workshop, nasce U-DATInos dal desiderio di prendersi cura di un territorio (la costa sud-est di Palermo), interrogarsi sul futuro del fiume Oreto (da tempo in stato di abbandono, inquinamento e degrado, ora oggetto di iniziative per recuperarlo e restituirlo alla collettività) e d’indagare il rapporto con l’ambiente, sperimentando nuovi modi per connetterci a quest’ultimo attraverso i dati.

Il progetto è realizzato dal duo di artisti/ricercatori Iaconesi-Persico, vincitore del bando Creative Living Lab II edizione, e promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiBACT; coinvolge i cittadini di Palermo, poiché si tratta di un’installazione meditativa volta ad “ascoltare” l’acqua del fiume Oreto.

Un atto artistico partecipativo dove i dati, concepiti come questione esistenziale e spazio di espressione, diventano esperienza condivisa e accessibile per entrare in contatto con questioni ambientali, come lo stato delle acque di una città.

Il progetto si articola in quattro momenti fondamentali: 

- I WORKSHOP: quindici persone, tra cittadini e studenti dell’Accademia, diventeranno i “custodi dell’acqua” di Palermo. Muniti di sensori, impareranno a rilevare dati sullo stato dell’acqua, a trasmetterli e a comunicarli.

- DATA GENERATION: i partecipanti compieranno una raccolta dati partecipativa sulle acque del fiume Oreto.

- L’OPERA: alimentata dai dati della raccolta, un’opera d’arte “generativa” si animerà di suoni e luci, dando voce alle acque della città, informando, con continui aggiornamenti, sulle condizioni delle acque in base ai dati emersi.

- L’INCONTRO: la presentazione dell’opera al pubblico sarà occasione di confronto con abitanti, ricercatori, studenti e istituzioni per discutere come dati, arte e computazione possano essere utili ad affrontare temi come l’inquinamento, il cambiamento climatico o la pandemia, con lo sguardo rivolto al futuro del fiume Oreto.

Venerdì 23 ottobre dalle ore 15 si terrà una diretta Facebook sulle pagine di Ecomuseo Mare Memoria Viva e di HER, dove il team di U-DATInos racconterà il senso del progetto e le prossime azioni.

Per gli studenti delle accademie di Palermo, i cittadini, le associazioni, gli attivisti, gli appassionati di arti, tecnologie e ambiente, due workshop gratuiti ad iscrizione obbligatoria, nei giorni 14 novembre e 21 novembre presso l’Ecomuseo Mare Memoria Viva. Per info: udatinos.eu o scrivere a comunicazione@marememoriaviva.it

“Il progetto parte dalle persone e dal metterle in condizione di generare dati, ma anche di prendersene cura, criticarli e goderne” dichiarano gli artisti Iaconesi e Persico. “I quindici partecipanti dei workshop riceveranno dei sensori per impararare a raccogliere dati non come pratica estrattiva, ma come pratica generativa che nasce nella reciprocità e collaborazione. L’opera si nutrirà di questo processo: sulla foce dell’Oreto proveremo a sperimentare nuove ritualità che ci connettano alle acque di Palermo, per diventare sensibili all’ambiente e immaginare nuove alleanze tra attori umani e non umani, arte e scienza, innovazione e società. Si può sintetizzare tutto questo in due parole: immaginazione sociale. Un’immaginazione del possibile a cui non possiamo rinunciare, che ci riguarda tutti, in cui i dati e la ricerca vivono finalmente nel bel mezzo della società”. 

“L’Ecomuseo si trova proprio accanto alla foce del fiume Oreto” ha aggiunto Cristina Alga, project manager U-DATInos e coordinatrice del team di Mare Memoria Viva. “Il fiume è qualcosa che ci riguarda, è presenza: sappiamo quanta biodiversità c’è e quanto movimento scorre tra cemento, canneti, uccelli migratori e rifiuti. La proposta artistica di Iaconesi/Persico interpreta perfettamente ciò che l’Ecomuseo Mare Memoria Viva vuole essere e fare per il fiume, le acque, il territorio. Essere ”custodi“ non significa preservare nell’isolamento, significa farsi facilitatori, aprire a possibilità di vita, far conoscere, far comprendere, far sentire. Da tre anni esiste un comitato di cittadini di diverse età, visioni politiche e provenienze che, contando solo sulla perseveranza e sull’auto-organizzazione, è riuscito a riportare attenzione e amore al fiume, ha coinvolto le istituzioni e ottenuto finanziamenti per la rigenerazione. L’ecomuseo, come spazio collettivo e partecipativo, dedica questo progetto a tutte le cittadine e i cittadini sensibili all’acqua che in questi anni non hanno smesso di lottare perché il fiume Oreto non smettesse di fluire”. “Quando abbiamo iniziato a concepire il progetto era il giugno del 2018” ricorda la curatrice, Arianna Forte. “In questo momento storico U-DATInos diventa un progetto ancora più importante e urgente. In U-DATInos, la pratica artistica del duo Persico/Iaconesi diventa il mezzo per far ”agire", attraverso una raccolta dati collaborativa, le comunità attivate da Mare Memoria Viva su una questione di importanza collettiva come l’inquinamento. A conclusione di questo processo, a gennaio 2021, verrà presentata l’opera: un’installazione “datapoetica” che, in linea con le ricerche precedenti degli artisti, permetterà di entrare in contatto con i dati attraverso una combinazione sinestetica di luci e suoni, in modo da poter “sentire” il flusso di informazioni raccolte". 

 

Palermo, un'installazione meditativa per ascoltare il fiume Oreto. Nasce U-DATInos
Palermo, un'installazione meditativa per ascoltare il fiume Oreto. Nasce U-DATInos


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma