Addio allo storico dell'arte Giovanni Romano, grande esperto di Rinascimento lombardo


È scomparso a Torino, all’età di 81 anni, lo storico dell’arte Giovanni Romano, grande esperto di Rinascimento lombardo e piemontese.

È scomparso alla vigilia di Natale, a Torino, lo storico dell’arte Giovanni Romano, grande esperto di Rinascimento lombardo e piemontese. Era malato da tempo, tanto che la sua ultima apparizione in pubblico risale al dicembre del 2017. Nato a Carmagnola il 20 febbraio del 1939, Romano, che si è spento all’età di 81 anni, è stato maestro di generazioni di storici dell’arte: aveva cominciato a lavorare trentenne, nel 1970, alla Soprintendenza del Piemonte, dove rimase fino al 1986 quando passò a dirigere la collana editoriale Arte in Piemonte della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino per poi, l’anno successivo, lasciare il lavoro “sul campo” e spostarsi verso l’insegnamento. Dal 1987 Romano diventò dunque ordinario dell’Università di Torino dove insegnò storia della critica d’arte, quindi storia dell’arte medievale e poi storia dell’arte moderna.

Come funzionario della soprintendenza piemontese lo si ricorda soprattutto per il riallestimento della Galleria Sabauda di Torino, ambizioso progetto durato a lungo anche dopo che Romano lasciò il suo incarico. Allievo ideale di Roberto Longhi, Romano ha scritto pagine fondamentali su artisti come Vincenzo Foppa, Bernardo Zenale e il Bramantino per quanto riguarda il Rinascimento lombardo, e contributi altrettanto densi su autori piemontesi come Defendente e Gaudenzio Ferrari. Romano è stato anche socio della Deputazione subalpina di storia patria, dell’Accademia delle Scienze di Torino, accademico clementino a Bologna e componente del comitato editoriale de L’Indice dei libri del mese. Diversi i suoi libri e le sue mostre: valga qui la pena ricordare la rassegna Vincenzo Foppa. Un protagonista del Rinascimento che curò assieme a Giovanni Agosti e Mauro Natale nel 2002, quella su Gaudenzio Ferrari e sulla sua scuola curata nel 1982, e il fondamentale libro Rinascimento in Lombardia pubblicato da Feltrinelli nel 2011.

L’ultimo lascito, del 2019, è la ripubblicazione in occasione del suo ottantesimo compleanno, per i tipi di Scalpendi editore, di una sua lezione del 1999 per gli studenti delle scuole superiori, intitolata Una lezione per aspiranti storici dell’arte. Ecco alcuni passi di quel testo: “Come si fa a leggere e capire un quadro: è un’esperienza che quasi tutti vivono quando si entra in un museo e ci si trova di fronte ad un’opera d’arte mai conosciuta. Il visitatore, se non mente a se stesso, ha delle difficoltà: non ha un sentiero prefissato da percorrere per dire cosa prova davanti a questa immagine, non riesce immediatamente a scoprire qual è il filo logico che deve seguire di fronte a una testimonianza figurativa che tace: non si tratta di una persona a cui domandare da dove vieni? L’opera non te lo rivela se non in modo muto, attraverso i caratteri stilistici. [...] L’attribuzione costituisce [...] l’atto filologico di base per accedere con sicurezza alla lettura delle opere d’arte. L’incontro improvviso con un’opera d’arte è un’immediata provocazione per la nostra memoria e la nostra sensibilità, ma richiede il possesso di strumenti garantiti da un’assoluta familiarità con un consistente numero di documenti di riferimento. È chiaro che chi muove i primi passi nella storia dell’arte non ha questo tipo di bagaglio preventivo, deve crearselo memorizzando in buon ordine, e con accessi multipli, luoghi, stagioni stilistiche, scambi culturali, itinerari di protagonisti e gregari in modo da poi muoversi con giusta attenzione di fronte a quesiti inattesi: non ci si deve lasciar confondere, per troppa precipitazione, tra la nostra memoria di Masaccio e quella, distinta ma non indipendente, di Filippo Lippi. [...] Lo storico dell’arte, prima di esprimere giudizi storici e critici, deve verificare l’affidabilità dell’opera che ha davanti, che magari gli arriva con una cattiva attribuzione, o con un collegamento documentario non pertinente, o, peggio ancora, contraffatta da restauratori o da falsari. Il mestiere di storico dell’arte esige preventivamente controlli integrali di contesto geografico e di data, quegli accertamenti che costituiscono il documento figurativo come tale, storicamente individuato e affidabile, in primo luogo affidabile dal punto di vista figurativo”.

Addio allo storico dell'arte Giovanni Romano, grande esperto di Rinascimento lombardo
Addio allo storico dell'arte Giovanni Romano, grande esperto di Rinascimento lombardo


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma