Addio a Sabina Magrini, direttrice dell'Archivio di Stato di Firenze


Scompare a 52 anni Sabina Magrini, direttrice dell’Archivio di Stato di Firenze e in passato dirigente della Pilotta di Parma e delle Gallerie Estensi di Modena. Fatale un’immersione in mare a Livorno.

È scomparsa a Grosseto, all’età di 52 anni, la dirigente Sabina Magrini, direttrice dell’Archivio di Stato di Firenze. Era ricoverata in gravi condizioni nell’ospedale della città maremmana dopo aver accusato un malore durante un’immersione subacquea nel mare di Livorno, davanti agli Scogli Piatti.

Romana, con la doppia cittadinanza italiana e britannica, Magrini, dopo essersi laureata in Lettere alla Sapienza nel 1993 e aver seguito un lungo percorso di formazione (diploma in Paleografia greca alla Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica, Scuola di Specializzazione per Conservatori di Beni Archivistici e Librari all’Università di Cassino, Dottorato di ricerca in Paleografia greca e Latina alla Sapienza), aveva cominciato una brillante carriera che l’avrebbe portata ai massimi ranghi del Ministero della Cultura. Nel 1999, dopo il dottorato, è entrata come Bibliotecario-Direttore alla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, posizione ricoperta fino al 2010. In seguito il trasferimento alla Biblioteca Statale di Trieste fino al 2012, quindi dal 2012 al 2015 la direzione della Biblioteca Palatina di Parma. Dal 2015 ha ricoperto posizioni dirigenziali presso le Gallerie Estensi di Modena e il Complesso Monumentale della Pilotta, poi nel 2018 la direzione dell’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi e, nel luglio 2020, l’arrivo all’Archivio di Stato di Firenze, del quale ha assunto la direzione. Dall’agosto del 2020 era anche Soprintendente archivista e bibliografica della Toscana ad interim.

Membro di diversi comitati scientifici di vari istituti, la sua azione è stata fondamentale per l’acquisizione, per le collezioni statali, di alcuni importanti documenti come il carteggio tra Giuseppe Verdi e Salvatore Cammarano, acquistato da Sotheby’s a Londra. Si è inoltre occupata della perizia di parte per conto del MiBACT nel famigerato caso dei manoscritti trafugati dalla Biblioteca dei Girolamini di Napoli.

“Apprendo con dolore e costernazione della scomparsa prematura di Sabina Magrini, direttore dell’Archivio di Stato di Firenze”, ha dichiarato il ministro della cultura Dario Franceschini. “Mi stringo alla famiglia, agli amici e ai colleghi che, nel corso della sua intera carriera, ne hanno saputo apprezzare passione, professionalità e preparazione. Il Ministero della Cultura ha perso un valido dirigente”.

Addio a Sabina Magrini, direttrice dell'Archivio di Stato di Firenze
Addio a Sabina Magrini, direttrice dell'Archivio di Stato di Firenze


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Ecco tutti i personaggi che sostengono la campagna #iorestoacasa (che ora è un obbligo). Guarda tutti i video
Ecco tutti i personaggi che sostengono la campagna #iorestoacasa (che ora è un obbligo). Guarda tutti i video
Il British Museum acquisisce 103 disegni di Hokusai di un libro mai pubblicato
Il British Museum acquisisce 103 disegni di Hokusai di un libro mai pubblicato
Al Museo Egizio di Torino il Premio Gianluca Spina per l'innovazione nei beni culturali
Al Museo Egizio di Torino il Premio Gianluca Spina per l'innovazione nei beni culturali
Le Meraviglie di Alberto Angela perdono la sfida del sabato sera. La De Filippi fa quasi il doppio di ascolti
Le Meraviglie di Alberto Angela perdono la sfida del sabato sera. La De Filippi fa quasi il doppio di ascolti
Oltre 200mila libri nuovi donati dagli editori alle biblioteche scolastiche
Oltre 200mila libri nuovi donati dagli editori alle biblioteche scolastiche
Parigi: rubata un'altra opera di Banksy, al Centre Pompidou
Parigi: rubata un'altra opera di Banksy, al Centre Pompidou