Addio a Robert Freeman. Il fotografo dei Beatles si è spento a 82 anni


Si è spento pochi giorni fa Robert Freeman, il celebre fotografo ufficiale dei Beatles. Immortalò anche Andy Warhol e Muhammad Ali.

Addio a Robert Freeman. Si è spento all’età di 82 anni a Londra il celebre fotografo delle star. I suoi scatti più famosi immortalano i Beatles: Freeman collaborò con l’iconica band inglese dal 1963 al 1966, avendo occasione di fotografare i componenti del gruppo numerose volte. Realizzò le copertine più note, a cominciare da With The Beatles, e altre come A Hard Day’s Night, Beatles for Sale, Help! e Rubber Soul

Ad annunciare la scomparsa di Robert Freeman sono stati proprio i Beatles sulla loro pagina ufficiale Twitter, dove si legge “Robert Freeman, per molto tempo fotografo dei The Beatles, è morto - ha creato alcune delle più iconiche immagini della band. Le sue foto continueranno a essere apprezzate e a ispirare altri fotografi”.
Inoltre sul profilo Facebook della band sono comparse le copertine degli album realizzate dal fotografo, celebrando attraverso i suoi scatti la loro stretta collaborazione. 

Il fotografo londinese iniziò come fotoreporter, ma ebbe il suo successo proprio come primo fotografo ufficiale dei Beatles. Tra i suoi scatti si ricordino quelli a Andy Warhol, a Muhammad Ali, all’attore Charlton Heston, al cantante reggae Jimmy Cliff.
Nel 1964 realizzò uno dei primi Calendari Pirelli. 

Ph.Credit Ansa

Addio a Robert Freeman. Il fotografo dei Beatles si è spento a 82 anni
Addio a Robert Freeman. Il fotografo dei Beatles si è spento a 82 anni


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER