Adel Abdessemed accusato di violenza sugli animali, lui non ci sta e ritira l'opera da importante mostra a Lione


L’artista franco-algerino Adel Abdessemed è stato accusato di violenza sugli animali a seguito di un’opera video esposta in una sua mostra. Ha deciso di ritirarla.

L’artista franco-algerino Adel Abdessemed ha preferito ritirare il suo video Printemps dall’esposizione "Adel Abdessemed, L’Antidote" allestita al MAC Lyon, il museo d’arte contemporanea di Lione e inaugurata l’8 marzo.

L’opera video dell’artista sarebbe un’allegoria di tutte le violenze, soprattutto a quelle inflitte agli animali. 

Nel comunicato dell’artista che annuncia la sua decisione si legge: “Malgrado le informazioni comunicate sulle reali condizioni della realizzazione del video, i social e la stampa si sono scatenati sulla base di informazioni lacunose”.

Abdessemed, profondamente impegnato nella difesa degli animali, ha deciso di ritirare l’opera e spera che “l’arte ridiventi l’oggetto dell’esposizione e che l’infamia per violenza sugli animali sia applicata non all’arte che la denuncia, bensì a coloro che la praticano realmente”. 

Il video in questione mostrerebbe molti polli appesi per le zampe in fiamme davanti a un muro. Un giovane visitatore indignato da questo ha scritto un post su Twitter accompagnato dall’appello a varie associazioni contro la violenza sugli animali: è stato visualizzato oltre 300mila volte e condiviso da più di 20mila persone. 

Il MAC Lyon ha difeso l’artista insistendo sull’innocuità del gel infiammabile: il video è stato realizzato in Marocco utilizzando effetti speciali per il cinema grazie a un team apposito.

Fonte: Le Monde

Ph.Credit

 

Adel Abdessemed accusato di violenza sugli animali, lui non ci sta e ritira l'opera da importante mostra a Lione
Adel Abdessemed accusato di violenza sugli animali, lui non ci sta e ritira l'opera da importante mostra a Lione


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER