Gli Alberi dei Bauli: il triste Natale dei lavoratori dello spettacolo


A Firenze, Roma, Milano e Udine sono comparsi i primi Alberi dei Bauli dei lavoratori dello spettacolo. 

All’ingresso del Nelson Mandela Forum di Firenze è stato collocato lo speciale albero di Natale dei lavoratori dello spettacolo, l’Albero dei Bauli. Con quest’ultimo s’intende mantenere viva l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni verso i lavoratori dello spettacolo che dall’inizio della pandemia non lavorano più. Il baule è il simbolo del lavoro dietro le quinte, quel lavoro che per sua natura resta invisibile alla maggior parte delle persone, ma che è fondamentale per l’organizzazione e la realizzazione di spettacoli ed eventi dal vivo. 

La scelta di posizionare l’Albero dei Bauli proprio davanti al Mandela Forum è motivata dal fatto che la struttura costituisce la principale sede polifunzionale degli spettacoli in Toscana, dove da nove mesi nulla va più in scena. 

L’originale albero è stato creato con decine di “flightcase”, i bauli che ogni giorno accompagnano coloro che lavorano nel settore e in cui sono riposti impianti, scenografie, costumi e tutto quanto serve a mettere in piedi uno spettacolo, ed è in linea con la grande manifestazione che si è svolta lo scorso ottobre in piazza Duomo a Milano. Chi lo desidera potrà lasciare sotto l’albero un messaggio con un pensiero o un ricordo: saranno tutti pubblicati sui canali social del Mandela Forum. Le flightcase non sono ornate dalle classiche decorazioni natalizie, ma con le frasi scritte dagli stessi lavoratori dello spettacolo che esprimono parole di buon auspicio e di speranza.

Quello di Firenze tuttavia non è un caso isolato in tutta Italia: altri Alberi di Bauli sono comparsi a Milano, Roma, Udine. A Udine addobba per le feste la centralissima Piazza Venerio, a Roma la centrale San Silvestro, a Milano il piazzale Cadorna. 

 

Nell’immagine, l’Albero dei Bauli al Mandela Forum. Ph. Credit Marco Borrelli

 

Gli Alberi dei Bauli: il triste Natale dei lavoratori dello spettacolo
Gli Alberi dei Bauli: il triste Natale dei lavoratori dello spettacolo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Ostia Antica, la più grande e ben conservata città romana, torna accessibile liberamente dal 2 giugno
Ostia Antica, la più grande e ben conservata città romana, torna accessibile liberamente dal 2 giugno
Reggio Calabria, turisti entrano di forza al Museo Nazionale senza pagare: cacciati
Reggio Calabria, turisti entrano di forza al Museo Nazionale senza pagare: cacciati
Addio ad Adolfo Natalini, l'architetto fondatore di Superstudio
Addio ad Adolfo Natalini, l'architetto fondatore di Superstudio
Il Consiglio Superiore dei Beni Culturali solidale col Museo Egizio per gli attacchi contro “Fortunato chi parla arabo”
Il Consiglio Superiore dei Beni Culturali solidale col Museo Egizio per gli attacchi contro “Fortunato chi parla arabo”
Addio a Cini Boeri, grande protagonista dell'architettura e del design internazionale
Addio a Cini Boeri, grande protagonista dell'architettura e del design internazionale
Milano, al Poldi Pezzoli arriverà la Madonna Litta attribuita a Leonardo, in prestito dall'Ermitage
Milano, al Poldi Pezzoli arriverà la Madonna Litta attribuita a Leonardo, in prestito dall'Ermitage