Alberto Angela: “quando vedo le nostre opere al Louvre provo fastidio. L'Italia è stata razziata”


Il popolare conduttore televisivo Alberto Angela, con un’intervista a Il Fatto Quotidiano, ha espresso il suo punto di vista sulle opere d’arte italiane portate al Louvre a seguito delle campagne di Napoleone. “Se andiamo a studiare il passato”, ha affermato il celebre divulgatore, “vigeva una regola molto basilare riguardo il bottino: era la fase finale, il punto di conquista, e oramai c’è una sua giustificazione storica. Però attenzione: parliamo di una fase ben specifica, superata la quale il bottino diventa crimine”.

Precisando, Alberto Angela ha dichiarato che “secondo me il confine giusto è la Rivoluzione francese: ciò che è successo prima è andato, è acquisito, mentre il dopo non è più accettabile nel mondo occidentale. Il Louvre è pieno di opere sottratte da Napoleone con i fucili spianati; quando giro tra quelle sale e leggo il cartellino ’Campagna d’Italia’ avverto un moto di fastidio profondo: vuol dire che è stata razziata”.

Alberto Angela: “quando vedo le nostre opere al Louvre provo fastidio. L'Italia è stata razziata”
Alberto Angela: “quando vedo le nostre opere al Louvre provo fastidio. L'Italia è stata razziata”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma