Alessandro Moreschini nominato nuovo direttore del Museo Nazionale del Cinema di Torino


Alessandro Moreschini è il nuovo direttore del Museo del Cinema di Torino. Ha avuto la meglio su altri 35 che concorrevano allo stesso posto.

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino ha nominato Alessandro Moreschini come suo nuovo direttore, scelto da parte del Comitato di gestione del Museo in seguito ad un esame che ha visto la partecipazione di 35 candidati ammessi alla seconda fase.
Moreschini (49 anni, di Cuneo) è stato scelto, si legge nei verbali della commissione, per le sue competenze e le sue doti umane “indispensabili per la conduzione di una delle più importanti istituzioni museali del panorama cinematografico internazionale”. In passato, Moreschini ha fatto parte del consiglio di amministrazione del Consorzio delle Residenze Reali Sabaude ed è stato direttore amministrativo dell’Accademia di Belle Arti di Torino e Pinacoteca Albertina e dell’Accademia di Belle Arti di Roma.

Antonella Parigi, assessore alla Cultura della Regione Piemonte, ha dichiarato: “La nomina di Alessandro Moreschini è un importante traguardo che completa la definizione della governance dell’ente e ne permetterà una migliore crescita e sviluppo sotto il profilo culturale e gestionale. Siamo certi che Moreschini farà un ottimo lavoro insieme al Consiglio di gestione e al presidente del Museo”.

Nella foto, l’aula-tempio del Museo del Cinema di Torino.

Alessandro Moreschini nominato nuovo direttore del Museo Nazionale del Cinema di Torino
Alessandro Moreschini nominato nuovo direttore del Museo Nazionale del Cinema di Torino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER