Andrà tutto bene, la nuova campagna del MiBACT sulle note di Elisa e Tommaso Paradiso


Il MiBACT lancia la nuova campagna Andrà tutto bene a sostegno della Protezione Civile. Elisa e Tommaso Paradiso donano la loro canzone.

Il MiBACT lancia la nuova campagna per la Protezione Civile: Andrà tutto bene. Lo spot dell’iniziativa mostra un tavolo pieno di pennarelli e matite colorate che bambini utilizzano per dipingere tanti arcobaleni e le immagini sono accompagnate dalle note della canzone donata dai cantanti Elisa e Tommaso Paradiso, a sostegno dell’emergenza sanitaria.

“Un ringraziamento a Elisa e Tommaso Paradiso. La loro canzone è un atto di generosità nei confronti della Protezione Civile” ha commentato il ministro del MiBACT, Dario Franceschini.

Il brano inedito, dal titolo Andrà tutto bene, è stato composto in questi giorni da Elisa e Tommaso Paradiso in diretta Instagram con i loro fan. Un atto di generosità in risposta  all’appello del ministro Franceschini rivolto agli artisti italiani di contribuire a trasformare queste giornate difficili in un momento di dialogo, di vicinanza e di impegno a favore di quanti sono in prima linea per l’emergenza.

Gli artisti, tutte le società editoriali e discografiche e le collecting coinvolte (SIAE, Universal Music Publishing Ricordi Srl, Sogno Meccanico Sas e The Sold Out Music Srl, Universal Music Italia Srl) rinunceranno ai propri proventi che saranno totalmente devoluti alla Protezione Civile.

A questo link il video di Andrà tutto bene

 

Andrà tutto bene, la nuova campagna del MiBACT sulle note di Elisa e Tommaso Paradiso
Andrà tutto bene, la nuova campagna del MiBACT sulle note di Elisa e Tommaso Paradiso


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER