Entro Natale apriremo i depositi di Paestum. Lo annuncia Zuchtriegel


Durante un convegno ai Musei Vaticani, il direttore del Parco Archeologico di Paestum Gabriel Zuchtriegel ha annunciato l’apertura stabile dei depositi. Forse entro Natale.

Nel corso del convegno "Conservazione preventiva nei grandi musei", tenutosi il 12 ottobre 2018 presso i Musei Vaticani a cura di Barbara Jatta e Salvatore Settis, il direttore del Parco Archeologico di Paestum, Gabriel Zuchtriegel, ha annunciato che verranno aperti stabilmente ai visitatori i depositi di Paestum. “Stiamo lavorando su un progetto per far diventare la visita dei depositi un’esperienza per tutti i visitatori. La fruizione da parte del pubblico può essere anche risolutiva per la conservazione dei depositi” ha affermato. 

L’intenzione sarebbe di assimilare sempre di più i depositi archeologici agli archivi e alle biblioteche pubbliche, ovvero a luoghi accessibili al pubblico e ai ricercatori. 
Entro Natale il Parco di Paestum vorrebbe già realizzare questa iniziativa.

“Nell’elaborazione del percorso ci siamo ispirati a delle visite dietro le quinte che molti teatri in tutto il mondo offrono. Anche il nostro obiettivo è quello di far vedere l’archeologia dietro le quinte. Il percorso sarà un’esperienza particolare, questo lo posso assicurare, ma per ora non anticipiamo i dettagli” ha aggiunto il direttore.

Negli ultimi tre anni il Parco Archeologico di Paestum aveva già reso visitabili i depositi al pubblico, ottenendo un grande successo, durante i "Venerdì dei depositi".

 

Entro Natale apriremo i depositi di Paestum. Lo annuncia Zuchtriegel
Entro Natale apriremo i depositi di Paestum. Lo annuncia Zuchtriegel


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER