Il Politecnico di Torino entra nel grande spazio digitale d'archivio sulla storia del Novecento


Gli archivi del Politecnico di Torino entrano in 9CentRo, hub degli archivi degli Enti partner del Polo del ’900 con oltre mezzo milione di fotografie, video, documenti, manifesti, giornali, libri per ripercorrere la storia del ’900.

Gli archivi del Politecnico di Torino fanno il loro ingresso in 9CentRo, hub degli archivi degli Enti partner del Polo del ’900 e di altre importanti realtà piemontesi e liguri che riunisce oltre mezzo milione di fotografie, video, documenti, manifesti, giornali, libri e percorsi per ripercorrere la storia del Novecento in un unico spazio digitale. Si tratta di fonti di grandissimo valore storico e civico che custodiscono la memoria del Novecento: dai grandi movimenti del lavoro, le lotte e i diritti conquistati, alla storia e alle voci della Resistenza, il pensiero dei grandi protagonisti del Novecento da Gramsci a Bobbio, da Levi a Gobetti, e molto altro ancora. Inoltre, ad arricchire il patrimonio disponibile su 9CentRo, il Politecnico di Torino rende consultabili gli archivi storici dell’architettura e dell’ingegneria conservati presso la sezione Archivi della Biblioteca Centrale di Architettura “Roberto Gabetti” e il Laboratorio di Storia e Beni Culturali del Dipartimento Interateneo di Scienza Progetto e Politiche del Territorio (DIST). Archivi donati e depositati presso l’Ateneo, a partire dagli anni Settanta, da protagonisti dell’architettura e dell’ingegneria che hanno progettato e costruito a Torino, in Piemonte e sul territorio nazionale, nel corso dell’ultimo secolo. Si possono scoprire nell’hub progetti che hanno trasformato la città e il territorio, così come quelli che, rimasti irrealizzati, rivelano la città immaginata. Attraverso l’architettura e la pianificazione urbana e territoriale è possibile leggere i grandi temi del Novecento: la casa economica e la scuola (fondi Berlanda, B.C.R., Dolza, e Collettivo di Architettura), la ricostruzione e l’edilizia quantitativa (fondo Clara), i monumenti alla Resistenza (fondo Berlanda), i luoghi del lavoro (fondi Rosani, Morelli), la pianificazione urbana e territoriale (fondi Abbate, Berlanda, Collettivo di Architettura).

9CentRo è nato nel 2018 e negli anni ha visto crescere le fonti consultabili in maniera esponenziale: il Politecnico di Torino non è il primo partner esterno, ma vi partecipano già altri istituti, come Fondazione 1563 per l’arte e la cultura della Compagnia di San Paolo, ILSREC (Istituto ligure per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea), Fondazione Sandro Penna, CREO (Centro ricerca etnomusica oralità) e Museo Leone di Vercelli. 

“Si tratta di un traguardo eccezionale per la documentazione conservata presso il Politecnico di Torino”, sottolinea Sergio Pace, referente del Rettore per Biblioteche, archivi e museo. “Un patrimonio di risorse di straordinario valore, indispensabile per ricostruire come è cresciuta la città di Torino nel corso degli ultimi decenni, entra a far parte di un hub archivistico che, a propria volta, si candida a diventare una delle fonti principali per comprendere la storia, a Torino e in Piemonte, non soltanto del Novecento, ma anche del tempo presente”.

"9CentRo è un ecosistema digitale in continua evoluzione", spiega Alessandro Bollo, direttore del Polo del ’900, "passato in poco più di due anni da piattaforma per la comunicazione degli archivi del Polo a hub per la valorizzazione integrata dei patrimoni archivistici e bibliografici aperto alle realtà esterne. L’interoperabilità è la parola chiave, una modalità che consente ai patrimoni di dialogare tra loro con un unico punto di accesso che apre a un universo di straordinarie potenzialità. Un punto di riferimento per la ricerca e gli studi sul Novecento pensato per studiosi, archivisti, studenti ma anche per chi si approccia per la prima volta: appassionati, curiosi, artisti e certamente insegnanti che possono usare le fonti d’archivio e i percorsi multimediali realizzati dagli Enti del Polo a supporto della didattica. Inoltre, alla novità dell’ingresso degli archivi del Politico di Torino si aggiunge un restyling grafico e strutturale di 9CentRo che adesso si presenta in una nuova versione che rende più intuitiva e dinamica la ricerca tra la grande mole di contenuti".

Oltre all’incremento degli istituti coinvolti, 9CentRo annuncia un’altra novità: si è concluso infatti a maggio il restyling del sito che si presenta con una nuova struttura e un nuovo design. Attualmente scorrendo l’homepage di 9CentRo è possibile esplorare gli inventari dei singoli enti e più di 500 fondi, navigare tra più di 40mila nomi di personaggi storici, sfogliare le collezioni dei periodici (ultima new entry il Fuori! prima rivista italiana di emancipazione del movimento omosessuale) e consultare più di 70mila oggetti multimediali con descrizione annessa e la possibilità di scaricare l’immagine digitalizzata (per info, consulenza e consultazione, scrivere a archivio.biblioteca@polodel900.it). È stata inoltre sviluppata la pagina “Notizie da 9centRo” e ristrutturata la sezione “Storie e percorsi”, pensata come canale di pubblicazione di contenuti narrativi (su Repubblica, Liberazione, Donne, Trasformazioni urbane ecc.) via via prodotti nell’ambito delle attività di ricerca e progettazione culturale degli enti aderenti al sistema 9centRo.

Per accedere a 9CentRo: https://archivi.polodel900.it/

Nell’immagine, Palazzo RAI in costruzione, Torino (1963-1968). Sezione Archivi biblioteca Gabetti, Fondo Morelli.

 

Il Politecnico di Torino entra nel grande spazio digitale d'archivio sulla storia del Novecento
Il Politecnico di Torino entra nel grande spazio digitale d'archivio sulla storia del Novecento


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma