All'asta la più grande collezione privata di Pablo Neruda


Il 19 marzo 2020 andrà all’asta a Barcellona la più grande collezione privata di Pablo Neruda.

Il 19 marzo 2020 andrà all’asta, in un unico lotto, la più grande collezione privata del poeta cileno Pablo Neruda (Parral, 1904 – Santiago del Cile, 1973). Quest’ultima appartiene all’imprenditore spagnolo Santiago Vivanco e comprende 603 pezzi, tra documenti, manoscritti, libri con dediche (sempre scritte in verde) e fotografie.
La collezione andrà all’asta a Barcellona partendo da un prezzo pari a 650mila euro

Tra i pezzi più significativi, un esemplare unico di Veinte poemas de amor y una canción desesperada che Neruda dedicò al suo amico Gabriel García Marquez, un esemplare del Crepusculario, primo libro del poeta pubblicato nel 1923. Tra le dediche figurano nomi come Salvador Allende, Violeta Parra, Pablo Picasso, Miguel Hernández, nonché tratti di Joan Miró o Diego Rivera

Inclusi anche la prima edizione del Canto general e della Canción de la fiesta (grazie al quale vinse il concorso di poesia Juegos Florales nel 1921), l’edizione de Los versos del capitán (di quest’ultimo vennero pubblicati 44 esemplari con autore anonimo) e il documento scritto nel 1963 nella Isla Negra, nel quale Neruda conferma la sua paternità. 

All'asta la più grande collezione privata di Pablo Neruda
All'asta la più grande collezione privata di Pablo Neruda


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER