Bocciati i tappeti rossi della Liguria


I tappeti rossi della Liguria non piacciono alla Soprintendenza dei Beni Culturali della Liguria; verranno eliminati a Portovenere, Dolceacqua e a Cervo.

I tappeti rossi installati sui monumenti della Liguria non piacciono alla Soprintendenza dei Beni Culturali della Liguria: secondo Vincenzo Tinè, soprintendente della Liguria, i tappeti rossi non possono interagire con un monumento storico compromettendo il patrimonio storico, artistico e paesaggistico. 

In particolare sono stati contestati quelli stesi sulla scalinata di Portovenere, nel castello di Dolceacqua e nella chiesa di Cervo; qui i red carpet verranno rimossi.

Contestato inoltre il modo con cui il tappeto è stato fissato al suolo, ovvero con l’utilizzo di chiodi, poiché crea danni a passeggiate storiche.

Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria, ha affermato:"Nella riunione con il soprintendente è stato stabilito che i red carpet sono una meritoria iniziativa di promozione territoriale della Liguria e delle sue bellezze; l’installazione dei red carpet è regolare, tanto è vero che non verrà portato avanti alcun provvedimento da parte della Soprintendenza; la stessa Soprintendenza ha diramato una nota dove si ricordano semplicemente alcune cose di puro buon senso, come evitare di danneggiare i marciapiedi dove i red carpet sono installati e di tenerli puliti finché i tappeti restano;  in limitati casi, per venire incontro ad esigenze della Soprintendenza i tappeti potranno essere accorciati di pochi metri perché non impattino su siti monumentali che richiederebbero formalmente procedure amministrative più complesse per essere coinvolti".

Fonte: Repubblica - Il Secolo XIX

Photo Credit: Portovenere

Bocciati i tappeti rossi della Liguria
Bocciati i tappeti rossi della Liguria


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER