Bologna, i Carabinieri riconsegnano alla Certosa quattro lesene in marmo rubate nel 1992


I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale hanno riconsegnano alla Certosa di Bologna quattro preziose lesene in marmo che erano state rubate nel 1992 dalla Cappella Micheli nel Cimitero Monumentale. Erano finite in Germania dove stavano per essere vendute all’asta.

Ieri mattina, alla Certosa di Bologna, quattro lesene in marmo bianco di Carrara del 1870, che erano state rubate nel 1992 dalla Cappella Micheli nel Cimitero Monumentale della Certosa, sono state riconsegnate dal comandante del Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) di Bologna, tenente colonnello Giuseppe De Gori, alla Delegata del sindaco alla Cultura di Bologna e Città metropolitana, Dott.ssa Elena Di Gioia. La cerimonia di riconsegna si è svolta alla presenza del Direttore Regionale Musei dell’Emilia Romagna, Giorgio Cozzolino, del Presidente di Bologna Servizi Cimiteriali, Simone Spataro, e del Referente del progetto di valorizzazione della Certosa, Museo civico del Risorgimento – Settore Musei Civici Bologna, Roberto Martorelli.

Le quattro grandi lesene in marmo bianco, delle dimensioni di 292x30x5 cm, erano state individuate dal Nucleo TPC di Bologna nel 2010 a seguito di una complessa ed accurata attività di indagine, sviluppata dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dopo aver accertato, nel corso delle regolari attività di controllo e monitoraggio dei beni venduti sulle piattaforme e-commerce in Italia e all’estero, la vendita, presso una nota casa d’aste tedesca, delle quattro lesene in marmo di probabile provenienza bolognese.

Le immagini delle quattro lesene di marmo figuravano nella Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti gestita dal Comando TPC: è stato dunque abbastanza agevole, per i carabinieri, rilevare che le foto dei beni d’arte posti in vendita sul mercato tedesco erano simili a quelle delle quattro lesene in marmo trafugate il 1° ottobre 1992 dalla Cappella Micheli, realizzata nel 1873 per volontà di Gaetano Micheli, il quale per la sua realizzazione si rivolse alla ditta bolognese di lavorazione del marmo Davide Venturi & Figlio

Per l’esito positivo della vicenda sono risultati importanti i successivi accertamenti condotti dai Carabinieri TPC con la fondamentale collaborazione dei funzionari del Museo civico del Risorgimento di Bologna, in particolare dei referenti che curano la valorizzazione del patrimonio artistico-culturale della Certosa. Infatti, proprio attraverso la consultazione del catalogo fotografico digitale della Certosa, si poteva visionare la fotografia della Cappella Micheli, confrontarla con quella dei beni posti in vendita e riscontrare ulteriormente l’effettiva corrispondenza di questi ultimi con quelli trafugati a Bologna da oltre venti anni.

Le successive e prolungate investigazioni venivano così coordinate prima dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna e successivamente dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma (gruppo Tutela patrimonio artistico), che attivava immediatamente i previsti canali di cooperazione giudiziaria con la Germania al fine di evitare la dispersione dei beni marmorei, giungere all’identificazione degli autori della ricettazione ed in particolare consentire il rimpatrio nel territorio nazionale dei beni illecitamente esportati. È dunque risultata fondamentale l’attività di indagine sviluppata tra le autorità giudiziarie tedesche e quelle italiane, attraverso specifici accertamenti condotti sia in Italia che all’estero per risalire ai venditori o proprietari della refurtiva messa in vendita ma soprattutto per acclarare, con assoluta certezza, la provenienza dei beni dal Cimitero della Certosa di Bologna.

Di conseguenza, accertato che in occasione del furto il distacco dalle pareti murarie di una delle quattro lesene aveva provocato la rottura di un piccolo angolo di marmo che i malviventi non riuscivano a staccare dalla parete, i carabinieri del TPC di Bologna, accompagnati dal funzionario referente del Comune felsineo, nel mese di giugno 2018, si recavano in missione a Monaco di Baviera. In Germania, alla presenza di ufficiali della Polizia Tedesca, che avevano operato il sequestro, potevano eseguire senza ombra di dubbio il riconoscimento dei beni. Fondamentale è risultata la perfetta coincidenza tra il calco del frammento di marmo rimasto attaccato sulla parete della Cappella Micheli con l’angolo mancante alla lastra di marmo asportata e messa in vendita.

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, a conclusione delle indagini, ottenendo dal Giudice per le Indagini Preliminari dello stesso Tribunale la confisca dei quattro beni marmorei di rilevante interesse storico-artistico, ne disponeva il rimpatrio dalla Germania e così la restituzione alla città di Bologna per essere ricollocati nel luogo di origine.

Nei prossimi mesi il Museo civico del Risorgimento del Settore Musei Civici Bologna insieme alla Commissione Artistica della Certosa e di Bologna Servizi Cimiteriali valuterà quale sia la migliore soluzione possibile per il definitivo recupero e valorizzazione dei marmi, coinvolgendo la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara. Il complesso recupero delle quattro lesene consentirà nei prossimi anni di ridare integrità visiva al sacello.

Bologna, i Carabinieri riconsegnano alla Certosa quattro lesene in marmo rubate nel 1992
Bologna, i Carabinieri riconsegnano alla Certosa quattro lesene in marmo rubate nel 1992


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


“Rimuovete la statua di Indro Montanelli a Milano”: i Sentinelli scrivono a Beppe Sala
“Rimuovete la statua di Indro Montanelli a Milano”: i Sentinelli scrivono a Beppe Sala
Gabriel Zuchtriegel è il nuovo direttore del Parco Archeologico di Pompei
Gabriel Zuchtriegel è il nuovo direttore del Parco Archeologico di Pompei
L'Arena di Verona sarà museo. Intanto si sono conclusi i primi lavori di restauro
L'Arena di Verona sarà museo. Intanto si sono conclusi i primi lavori di restauro
Sorpresa per Franceschini: Stephen King si complimenta per il Bonus Cultura
Sorpresa per Franceschini: Stephen King si complimenta per il Bonus Cultura
Coronavirus, ecco tutti gli aiuti per turismo e cultura decisi in consiglio dei ministri
Coronavirus, ecco tutti gli aiuti per turismo e cultura decisi in consiglio dei ministri
Gli Argenti di Morgantina tornano dopo quattro anni in Sicilia. Esposti al Museo Archeologico di Aidone
Gli Argenti di Morgantina tornano dopo quattro anni in Sicilia. Esposti al Museo Archeologico di Aidone