Brunello Cucinelli progetta una biblioteca da 500mila libri in Umbria


Brunello Cucinelli, il noto imprenditore del cashmere, ha annunciato di voler creare una grande biblioteca da 500mila libri nel cuore dell’Umbria, a Solomeo, sede della sua azienda.

Brunello Cucinelli, imprenditore dell’alta moda, sta progettando di aprire un’enorme biblioteca a Solomeo, il borgo in Umbria (frazione del Comune di Corciano, provincia di Perugia) dove ha sede la sua azienda, leader mondiale dei prodotti di lusso in cashmere, e terra d’origine di Cucinelli stesso. La “biblioteca universale” è stata annunciata oggi al Teatro Strehler di Milano, in una conferenza stampa convocata appositamente per presentare il progetto e a cui hanno partecipato la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei e arcivescovo di Perugia e Città della Pieve, il rettore dell’Università degli Studi di Perugia Maurizio Oliviero, il sindaco di Corciano Cristian Betti e quello di Magione Giacomo Chiodini. Presente anche l’architetto Massimo De Vico Fallani, che ha partecipato alla progettazione della biblioteca.

Al momento non è noto lo stanziamento di Cucinelli, ma si tratta di un “investimento importante”, ha fatto sapere l’imprenditore, ma di non curarsene perché ciò che conta è “lasciare un progetto all’umanità”, in quanto “i libri ci indicano la via della vita”. Si tratterà inoltre di una biblioteca ispirata a quella antica di Alessandria, perché, ha dichiarato Cucinelli a Sky News, “anche se chiaramente sarà in proporzioni mille volte più piccole, è ispirata sempre alla biblioteca di Alessandria d’Egitto che era considerata una delle 7 meraviglie dell’umanità”. Si sa però che la biblioteca potrebbe aprire per il 2024, con 30-35.000 libri, per poi arrivare ai 400-500.000 che l’edificio, una villa settecentesca nel cuore di Solomeo (che sarà restaurata), può contenere. I libri saranno tutti acquistati: verranno valutati da un comitato di selezione composto da quattordici persone, quattro delle quali lavoreranno in sede. La biblioteca sarà sempre aperta.

La quantità dei libri annunciata è sicuramente importante: benché non raggiunga le dimensioni della più grande biblioteca italiana (la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, che possiede quasi 9 milioni di volumi a stampa), è paragonabile, per esempio, alla Biblioteca Nazionale di Torino (oltre 750.000 volumi a stampa), alla Biblioteca Comunale Centrale di Milano (665.000 libri), alla Biblioteca Universitaria di Pisa e alla Statale di Cremona (600.000 volumi entrambe), alla Biblioteca del Kunsthistorisches Institut in Florenz (300.000 volumi ma tutti dedicati all’arte), alla Biblioteca Universitaria di Pavia (oltre 500.000 volumi a stampa).

Brunello Cucinelli progetta una biblioteca da 500mila libri in Umbria
Brunello Cucinelli progetta una biblioteca da 500mila libri in Umbria


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER