Cancellata un'opera di Banksy perché irrispettosa per la comunità locale


Un murale di Banksy apparso questo mese nei pressi di una spiaggia è stato rimosso perché considerato irrispettoso nei confronti della comunità locale. 

Il Great Yarmouth Borough Council ha cancellato un murale del celebre street artist Banksy perché considerato irrispettoso nei confronti delle persone e della sensibilità locali. 

L’opera raffigurava una bambina piccola su un gommone, al quale era appesa un’altra bambina; il gommone è rappresentato mentre scappa via in aria, volando a causa della disattenzione di una figura maschile adulta che sta gonfiando con una pompa a pedale il gommone mentre allo stesso tempo beve e non si accorge di quello che sta accadendo. 

Il murale era apparso questo mese su un muro nei pressi del luogo in cui nel 2018 era morta per trauma cranico una bambina di soli tre anni a causa dell’esplosione di un trampolino gonfiabile, ma sembra Banksy non fosse a conoscenza della tragedia. L’autorità locale ha affermato che “la decisione di cancellare l’opera è stata giusta, nel rispetto delle persone e della sensibilità locale”. Il Great Yarmouth Borough Council ha dichiarato: “Alla luce della tragica morte di una bambina nel 2018 che ha coinvolto un gonfiabile a Gorleston, l’opera in quel luogo è stata rimossa”, e ha aggiunto: “Ringraziamo Banksy per tutte le sue meravigliose opere d’arte e comprendiamo pienamente che questi fatti non siano stati noti all’artista”.

Cancellata un'opera di Banksy perché irrispettosa per la comunità locale
Cancellata un'opera di Banksy perché irrispettosa per la comunità locale


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma