Un Decameron ai tempi del Covid. Certaldo lancia un concorso letterario


Racconti isolati – Un Decameron ai tempi del Covid è il concorso letterario lanciato dal Comune di Certaldo in collaborazione con Touring Club Italiano.

Certaldo, città natale di Giovanni Boccaccio, lancia il concorso letterario Racconti isolati – Un Decameron ai tempi del Covid, organizzato dal Comune di Certaldo e promosso a livello nazionale in collaborazione con Touring Club Italiano.

“Ora che il tempo della reclusione sta finendo e la ripartenza si avvicina per tutti” ha affermato il sindaco di Certaldo, Giacomo Cucini, “possiamo trarre frutto dal molto tempo avuto per leggere, pensare, sognare il ritorno alla nostra vita reale o a una vita diversa. Siamo certi che molte persone hanno già scritto, o potranno scrivere, una breve storia, vera o immaginata, nata durante questo periodo. Proprio come Boccaccio, dopo la peste del 1348, volle scrivere cento novelle come manifesto della rinascita dell’umanità, così noi proponiamo oggi di dare voce a chiunque voglia raccontare, in modo letterario, un aneddoto, una storia (vera o di fantasia) collegata al tempo della pandemia e dell’isolamento causato dall’emergenza sanitaria da Covid-19. Con l’obiettivo di fare memoria, ma anche di ripartire”.

Protagonisti del Decameron di Boccaccio sono l’amore e la fortuna, beffe fatte o subite, imprese eroiche e sconfitte. I narratori di oggi potranno invece raccontare le esperienze vissute in queste settimane, o quelle che hanno sognato di vivere. Ad esempio delle “imprese” per fare la spesa o l’attività motoria, della lotta con il computer per la teledidattica, delle “fughe” per vedere amici o fidanzati, degli innamoramenti (o tradimenti) via chat, delle beffe fatte (o subite) ai colleghi in smartworking, ecc. 

Per partecipare, occorre scrivere un racconto narrativo breve, tra le 3000 e le 15000 battute, e inviarlo, entro il 30 giugno 2020, all’indirizzo mail racconti.isolati@comune.certaldo.fi.it. Tutti i racconti saranno raccolti in un’antologia digitale pubblicata su www.comune.certaldo.fi.it e su una piattaforma digitale, per essere votati dai lettori. I diritti di autore sui testi saranno ceduti al Comune di Certaldo, che si riserva la possibilità di fare anche una selezione e una pubblicazione cartacea.

L’autore del racconto più votato sarà premiato con un soggiorno a Certaldo.

Tutti i partecipanti saranno invitati nella città di Boccaccio per la presentazione ufficiale dell’antologia, prevista per settembre nella sede di Palazzo Pretorio, e avranno occasione di visitare gratuitamente con visita guidata Certaldo Alto e i musei del borgo medievale e di assistere a uno spettacolo tratto dal Decameron.

L’iniziativa è organizzata dal Comune di Certaldo in collaborazione con Touring Club Italiano e con il sostegno di Ente Nazionale Giovanni Boccaccio, Associazione letteraria Giovanni Boccaccio, L’Oranona Teatro, Associazione Polis, Pro Loco Certaldo, Associazione Elitropia, Associazione per gli scambi interculturali. 

Un Decameron ai tempi del Covid. Certaldo lancia un concorso letterario
Un Decameron ai tempi del Covid. Certaldo lancia un concorso letterario


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER