Coronavirus, ci lascia il maestro dell'architettura Vittorio Gregotti


Ricoverato per una polmonite da Covid-19, è scomparso questa mattina il maestro dell’architettura Vittorio Gregotti.

Questa mattina si è spento a Milano, all’età di 92 anni, Vittorio Gregotti, maestro dell’architettura. L’architetto di fama mondiale era stato ricoverato nel capoluogo lombardo ed è scomparso a seguito di complicazioni per Coronavirus. 

Novarese, classe 1927, tra i suoi progetti più famosi figurano il Teatro degli Arcimboldi di Milano, il Centro Culturale Belém di Lisbona, gli stadi di Barcellona e di Genova, il quartiere Zen di Palermo, l’Acquario Cestoni di Livorno, il teatro lirico di Aix-en-Provence e l’ampliamento del Museo d’Arte Moderna e Contemporanea dell’Accademia Carrara di Bergamo

La sua attività professionale è stata accompagnata da un grande impegno didattico a Milano, a Palermo e a Venezia.

Tra i suoi scritti si annoverano Territorio dell’architettura (1966), Il disegno del prodotto industriale (1982), La città visibile (1993), Le scarpe di Van Gogh. Modificazioni dell’architettura (1994), Racconti di architettura (1998), Identità e crisi dell’architettura europea (1999), Frammenti di costruzione (2000), Sulle orme di Palladio (2000), Diciassette lettere sull’architettura (2000), Contro la fine dell’architettura (2008), Architettura e postmetropoli (2011), L’architettura di Cézanne (2012), Incertezze e simulazioni (2012), Il possibile necessario (2014) e Quando il moderno non era uno stile (2018).

Nel 1975 Gregotti ha curato la Biennale di Venezia e nel 2012 è stato insignito della medaglia d’oro alla carriera della Triennale di Milano.  

Nell’immagine, Vittorio Gregotti per il Festival dell’Economia nel 2016

Coronavirus, ci lascia il maestro dell'architettura Vittorio Gregotti
Coronavirus, ci lascia il maestro dell'architettura Vittorio Gregotti


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER