Dal 7 giugno torna la prima domenica del mese gratuita nei Musei Civici di Roma


Dal 7 giugno torna l’ingresso gratuito in occasione della prima domenica del mese nei Musei Civici di Roma.

Da domenica 7 giugno torna l’ingresso gratuito nella prima domenica del mese nei Musei Civici di Roma.

L’iniziativa è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura.

 “Tutti, romani e non, tutte le prime domeniche del mese, a ricominciare proprio dalla prima domenica di giugno, possono tornare a scoprire ad ingresso gratuito i musei e le aree archeologiche di Roma Capitale” ha dichiarato Luca Bergamo, vicesindaco di Roma con delega alla Crescita culturale. “In questa fase di difficoltà economica per tanti e tante famiglie avere la possibilità di trascorrere del tempo insieme - sempre seguendo le indicazioni come la prenotazione obbligatoria, il distanziamento e l’uso della mascherina - sia nei Musei civici come al Circo Massimo e ai Fori Imperiali, credo sia un’opportunità che a Roma vogliamo continuare a sostenere: un messaggio positivo di ripresa attraverso la vita culturale accessibile a tutti, alla scoperta della storia, della scienza, dell’arte e dell’archeologia. Le prime domeniche del mese gratuite tornano ad aggiungersi agli ingressi nei nostri spazi con la MIC, la card per studenti e residenti a Roma e nella Città Metropolitana, che per 12 mesi a 5 euro, permette l’ingresso in tutto il Sistema dei Musei civici. Per l’Amministrazione questi sono passi concreti per realizzare sia l’articolo 3 che l’articolo 9 della nostra Costituzione, come l’articolo 27 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Infatti vivere l’esperienza della conoscenza insieme ad altri crea un valore aggiunto: ci identifica come comunità, ci unisce, ci permetterà di acquisire e sviluppare insieme gli strumenti per superare e resistere in questo momento storico così complesso che durerà probabilmente a lungo”. 

Le visite saranno effettuate nel rispetto delle misure di sicurezza previste anti-Covid19. 

Obbligatoria la prenotazione telefonando al numero 060608.
Si può accedere solo al proprio turno di ingresso, mostrando la prenotazione digitale o cartacea.
Tra le norme di sicurezza è prevista all’ingresso la misurazione della temperatura corporea ed è obbligatorio l’utilizzo della mascherina e la distanza interpersonale.

Si possono visitare le collezioni permanenti dei Musei Capitolini, Museo di Roma a Palazzo Braschi, Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali, Museo dell’Ara Pacis, Centrale Montemartini, Museo di Roma in Trastevere, Galleria d’Arte Moderna, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Museo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo Napoleonico, Museo Pietro Canonica, Museo della Repubblica romana e della memoria garibaldina, Casal de’ Pazzi, Museo delle Mura.

Oltre a queste ultime si possono visitare anche le esposizioni temporanee ospitate in queste sedi (la maggior parte a ingresso gratuito, eccetto la mostra Canova. Eterna bellezza presso il Museo di Roma, prorogata fino al 21 giugno 2020 (aperta fino alle 22, con chiusura biglietteria ore 21) e la mostra C’era una volta Sergio Leone presso il Museo dell’Ara Pacis, prorogata fino al 30 agosto 2020: entrambe a ingresso ridotto solo per i possessori della MIC card. 

Nell’immagine, il cortile dei Musei Capitolini

Dal 7 giugno torna la prima domenica del mese gratuita nei Musei Civici di Roma
Dal 7 giugno torna la prima domenica del mese gratuita nei Musei Civici di Roma


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma