Dal 7 giugno torna la prima domenica del mese gratuita nei Musei Civici di Roma


Dal 7 giugno torna l’ingresso gratuito in occasione della prima domenica del mese nei Musei Civici di Roma.

Da domenica 7 giugno torna l’ingresso gratuito nella prima domenica del mese nei Musei Civici di Roma.

L’iniziativa è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura.

 “Tutti, romani e non, tutte le prime domeniche del mese, a ricominciare proprio dalla prima domenica di giugno, possono tornare a scoprire ad ingresso gratuito i musei e le aree archeologiche di Roma Capitale” ha dichiarato Luca Bergamo, vicesindaco di Roma con delega alla Crescita culturale. “In questa fase di difficoltà economica per tanti e tante famiglie avere la possibilità di trascorrere del tempo insieme - sempre seguendo le indicazioni come la prenotazione obbligatoria, il distanziamento e l’uso della mascherina - sia nei Musei civici come al Circo Massimo e ai Fori Imperiali, credo sia un’opportunità che a Roma vogliamo continuare a sostenere: un messaggio positivo di ripresa attraverso la vita culturale accessibile a tutti, alla scoperta della storia, della scienza, dell’arte e dell’archeologia. Le prime domeniche del mese gratuite tornano ad aggiungersi agli ingressi nei nostri spazi con la MIC, la card per studenti e residenti a Roma e nella Città Metropolitana, che per 12 mesi a 5 euro, permette l’ingresso in tutto il Sistema dei Musei civici. Per l’Amministrazione questi sono passi concreti per realizzare sia l’articolo 3 che l’articolo 9 della nostra Costituzione, come l’articolo 27 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Infatti vivere l’esperienza della conoscenza insieme ad altri crea un valore aggiunto: ci identifica come comunità, ci unisce, ci permetterà di acquisire e sviluppare insieme gli strumenti per superare e resistere in questo momento storico così complesso che durerà probabilmente a lungo”. 

Le visite saranno effettuate nel rispetto delle misure di sicurezza previste anti-Covid19. 

Obbligatoria la prenotazione telefonando al numero 060608.
Si può accedere solo al proprio turno di ingresso, mostrando la prenotazione digitale o cartacea.
Tra le norme di sicurezza è prevista all’ingresso la misurazione della temperatura corporea ed è obbligatorio l’utilizzo della mascherina e la distanza interpersonale.

Si possono visitare le collezioni permanenti dei Musei Capitolini, Museo di Roma a Palazzo Braschi, Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali, Museo dell’Ara Pacis, Centrale Montemartini, Museo di Roma in Trastevere, Galleria d’Arte Moderna, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Museo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo Napoleonico, Museo Pietro Canonica, Museo della Repubblica romana e della memoria garibaldina, Casal de’ Pazzi, Museo delle Mura.

Oltre a queste ultime si possono visitare anche le esposizioni temporanee ospitate in queste sedi (la maggior parte a ingresso gratuito, eccetto la mostra Canova. Eterna bellezza presso il Museo di Roma, prorogata fino al 21 giugno 2020 (aperta fino alle 22, con chiusura biglietteria ore 21) e la mostra C’era una volta Sergio Leone presso il Museo dell’Ara Pacis, prorogata fino al 30 agosto 2020: entrambe a ingresso ridotto solo per i possessori della MIC card. 

Nell’immagine, il cortile dei Musei Capitolini

Dal 7 giugno torna la prima domenica del mese gratuita nei Musei Civici di Roma
Dal 7 giugno torna la prima domenica del mese gratuita nei Musei Civici di Roma


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER